in , , ,

Al Rossini Opera Festival SEMIRAMIDE di Rossini agosto 2019

“È difficile scrivere la storia di un uomo ancora vivo… Lo invidio più di chiunque abbia vinto il primo premio in denaro alla lotteria della natura… A differenza di quello, egli ha vinto un nome imperituro, il genio e, soprattutto, la felicità”, (Stendhal, nella prefazione della Vita di Rossini)

Semiramide alla costruzione di Babilonia di E. Degas

 

Semiramide è un melodramma tragico in due atti di Gioachino Rossini, su libretto di Gaetano Rossi, tratto dalla Tragédie de Sémiramis di Voltaire e dalla vita della regina Semiramide. Debuttò al Teatro la Fenice di Venezia il 3 febbraio 1823 con Isabella Colbran nel ruolo della protagonista. L’opera è l’ultima che Rossini compose espressamente per palcoscenici italiani.

Fortune dell’ opera

Il ruolo di Semiramide diventò celebre dopo la ripresa alla Scala nel 1962 diretta da Gabriele Santini con Joan Sutherland, Giulietta Simionato, Wladimiro Ganzarolli, Gianni Raimondi ed Antonio Zerbini; fu interpretato in seguito da soprani celeberrimi come Montserrat Caballé, Katia Ricciarelli, Lella Cuberli, Mariella Devia, June Anderson, Edita Gruberova e Joyce DiDonato.

Nel ruolo di Arsace si sono distinte Giulietta Simionato (accanto alla Sutherland alla Scala), Marilyn Horne, Martine Dupuy, Gloria Scalchi, Lucia Valentini Terrani e Daniela Barcellona. Da ricordare, dopo Édouard de Reszke, l’Assur di Samuel Ramey, Simone Alaimo e Michele Pertusi; l’ Idreno di Chris Merritt, Rockwell Blake, Gregory Kunde e di Juan Diego Florez.

 

IL CAST

Semiramide

di Gaetano Gaetano Rossi
Musica di Gioachino Rossini
 

Direttore, MICHELE MARIOTTI

Regia, GRAHAM VICK

Scene e Costumi, STUART NUNN

Maestro del Coro, GIOVANNI FARINA

 
Interpreti:

Semiramide     SALOME JICIA

Arsace     VARDUHI ABRAHAMYAN

Assur     NAHUEL DI PIERRO

Idreno     ANTONINO SIRAGUSA

Azema     MARTINIANA ANTOINE

Oroe     CARLO CIGNI

Mitrane     ALESSANDRO LUCIANO

L’ ombra di Nino     SERGEY ARTAMONOV

CORO DEL TEATRO VENTIDIO BASSO

ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI

Nuova coproduzione con Opéra Royal de Wallonie

Edizione critica Fondazione Rossini/Casa Ricordi,
a cura di Philip Gossett e Alberto Zedda

 

QUANDO

Domenica 11 Agosto 2019, ore 19.00

Mercoledì 14 Agosto 2019, ore 19.00

Sabato 17 Agosto 2019, ore 19.00

Martedì 20 Agosto 2019, ore 19.00

 

DOVE: Vitrifrigo Arena
Via Gagarin
61121 Pesaro (PU)

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI DISPONIBILI:

Settore A / Category A al costo di 160,00 €

Settore B / Category B al costo di 110,00 €

Galleria (non prenotabile) / Circle (unreserved seats)* al costo di 50,00 €

 

Rossini Opera Festival: opera SEMIRAMIDE

 

se non sapete come fare e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

 

  • Semiramide, regina di Babilonia (soprano)
  • Arsace, comandante l’armate (contralto)
  • Assur, principe del sangue di Belo (basso)
  • Idreno, re dell’Indo (tenore)
  • Azema, principessa del sangue di Belo (mezzosoprano)
  • Oroe, capo de’ magi (basso)
  • Mitrane, capo delle guardie reali (tenore)
  • L’ombra di Nino (basso)
  • Satrapi, Magi, Babilonesi, Indiani, Egiziani, Sciti, principesse, citarede, dame straniere (coro)
  • Guardie reali, ministri del tempio, séguito d’Indiani, di Sciti, di Egiziani, popolo babilonese, donzelle, fanciulle, fanciulli (comparse)

 

Trama

Antefatto
Quindici anni prima dell’inizio del dramma, Semiramide cospira con il principe Assur per uccidere il marito Nino. Dopo il regicidio, Ninia, figlio di Nino, viene sottratto da Oroe alle mire di Assur. Per proteggerlo, egli lo porta dal fratello Fradate.

Atto I

Magnifico tempio eretto a Belo, festivamente adornato
Oroe, gran sacerdote, apprende dal Gran Nume che il regicidio sta per essere vendicato (Sì, gran nume). Successivamente entrano indiani e satrapi per apprendere la designazione del re (Belo si celebri, Belo si onori). Tra questi vi sono il principe indiano Idreno, e il nobile Assur; quest’ultimo è convinto di diventare re, e questo fa indignare Oroe, dato che sa che è coinvolto nel regicidio. Entrata Semiramide, ella si appresta a nominare il nome del re, ma il sacro fuoco si spegne. Oroe spiega che è un segno dello sdegno divino, e afferma che prima che il re sia incoronato, alcune colpe devono essere punite: Assur e Semiramide intendono, spaventati, e la regina si ritira. 
Nel frattempo, convocato dalla regina stessa ritorna alla madrepatria Arsace (Eccomi alfine in Babilonia); il giovane esulta, poiché spera di rivedere l’amata Azema. Oroe accoglie Arsace di buon grado, mentre Assur si irrita per il suo ritorno, dato che anch’egli ama Azema (duetto: Bella imago degli dei) e spera di strapparla all’odiato rivale. Dal canto suo, Azema stessa si rallegra per il ritorno di Arsace; ma di lei è innamorato anche Idreno (Ah, dov’è il cimento), che spera di poter ottenere da Semiramide il favore di sposarla.

Giardini pensili
La regina attende l’arrivo dell’amato (Bel raggio lusinghier). Il soldato Mitrane le reca il responso dell’Oracolo di Giove Libico: la pace arriverà con il ritorno di Arsace, e convolando a nuove nozze. Arriva Arsace, il quale giura eterna fedeltà alla sua regina, confidando nel suo appoggio per sposare Azema; ma la regina equivoca, convinta che Arsace aspiri a sposarla. (Alle più care immagini).

Luogo magnifico nella reggia con veduta di Babilonia
Il popolo è radunato nella reggia per attendere l’annuncio del nuovo re (Coro e marcia Ergi omai la fronte altera). Semiramide esorta tutti a giurare fedeltà ai suoi voti e al nuovo re, e annuncia che l’eletto sarà anche suo sposo: Arsace. Azema è sconvolta, Arsace confuso, Oroe sconvolto, Assur indignato; il satrapo ricorda a Semiramide i suoi favori, ma la regina lo minaccia. Idreno allora chiede la mano di Azema, e la regina gliela concede. Mentre Semiramide esorta Oroe a celebrare il rito, la terra trema, e si apre il sepolcro dell’imperatore. L’ombra di Nino appare, annunciando che Arsace regnerà solamente quando il suo assassinio sarà vendicato, con una vittima offerta sulla sua tomba; il giovane giura di obbedire al funesto compito. L’atto si conclude nell’unanime turbamento (Ah, sconvolta nell’ordine eterno).

Atto II

Atrio
Assur è adirato con la Regina, dato che Semiramide ha violato i patti di quindici anni prima. Assur le ricorda la sua colpevolezza, ma Semiramide è rassicurata dai festeggiamenti nella reggia per Arsace, e confida nella sua protezione.(Se la vita ancor t’è cara)

Interno del santuario
Nel tempio, Oroe mostra ad Arsace la lettera che Nino morente aveva mandato a Fradate, e al giovane viene rivelata la sua identità: egli è Ninia, legittimo erede al trono. I sacerdoti lo compiere la giusta vendetta, sia su Assur che su Semiramide. Arsace vuole vendicare il padre, ma non se la sente di uccidere anche la madre (In sì barbara sciagura).

Appartamenti di Semiramide
Azema si rattrista per la sua sorte con Mitrane. Entra Idreno, che le giura che l’amerà per sempre (La speranza più soave), e i due si affrettano alle nozze al tempio.
Semiramide raggiunge Arsace, che continua a fuggirla, e le spiega il motivo del suo turbamento, mostrandole la lettera di Nino morente. Semiramide, sconvolta, esorta il figlio a vendicare il padre (Ebben…a te, ferisci). Arsace però la rassicura, dicendo che ucciderà solo Assur, e si allontana da lei.

Parte remota della reggia, attigua al mausoleo di Nino
Assur viene informato dai Satrapi di essere caduto in disgrazia presso la regina e tutto il popolo. Assur, in preda al delirio, rivede il fantasma di Nino; i Satrapi lo riscuotono, ed egli si dichiara pronto a sfidare la sua sorte. (Que’ numi furenti).

Interno sotterraneo nel mausoleo di Nino
I magi discendono assieme ad Arsace, per uccidere il traditore (Un traditor, con empio ardir). Anche Assur si è nascosto nella tomba, per poterlo uccidere, e scende anche Semiramide, a pregare sulla tomba del marito. Nell’ombra, sentendo i reciproci lamenti, i tre sono indecisi sul da farsi, ed è solo l’ordine di Oroe che muove Arsace alla vendetta. Ma a morire ucciso da lui non è Assur, ma sua madre Semiramide, scambiata per Assur nell’oscurità. Oroe condanna a morte Assur, ma questi, trionfante, indica il corpo morto della regina; Arsace, sconvolto, fa per suicidarsi, ma Oroe lo ferma, e il popolo entra festante, proclamandolo imperatore.

In una versione successiva, il finale è stato così modificato: muore Assur e vive Semiramide che acclama col popolo la nomina imperiale del figlio (è la versione registrata da Joan Sutherland).

 

 “Semiramide by Gioachino Rossini (Anna Caterina Antonacci – 1991):

 “Semiramide by Gioachino Rossini (CABALLE – LICEU 1985):

 “Semiramide by Gioachino Rossini (C. Gasdia, M. Dupuy, R. Blake, M. Pertusi (Pesaro – 1994)):

 “Semiramide by Gioachino Rossini (Joan Sutherland; Marilyn Horne; Joseph Rouleau):

 “Semiramide by Gioachino Rossini (Negri, Dupuy, Mettre (São Paulo, 1980)):

 “Semiramide by Gioachino Rossini (London 9.4.1986 – Henry Lewis – June Anderson (Semiramide) – Marilyn Horne (Arsace) – Samuel Ramey (Assur) – Chris Merritt (Idreno) – Gwynne Howell (Oroe) – John Dobson (Mitrane) – Judith Howarth (Azema) – Matthew Best (L’ombra di Nino)):

 “Semiramide by Gioachino Rossini (Montserrat Caballé, Horne, Ramey; López Cobos 1980 Aix En Provence):

 “Semiramide by Gioachino Rossini (Pesaro 8/8/2003 – Carlo Rizzi – Darina Takova (Semiramide ) – Daniela Barcellona (Arsace) – Ildar Abdrazakov (Assur) – Gregory Kunde (Idreno) – Sonia Lee (Azema) – Marco Spotti (Oroe) – Giorgio Trucco (Mitrane) – Andrea Silvestrelli (L’ombra di Nino)):

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

A La Verdi di Milano Audizioni per Violino di Fila settembre 2019

Domenica 11 agosto Giornata Gratuita alle Gallerie degli Uffizi