in , , ,

La Verdi, Nordio: Respighi, Busoni, Malipiero (11-13 Mar.)

Uno dei migliori violinisti che io abbia mai ascoltato“, Paolo Isotta, Corriere della Sera

Domenico-Nordio-Isituto-Catullo-2013

10° Concerto della Stagione Sinfonica 2016 per La Verdi

 

La Verdi propone il seguente programma con protagonisti il grande Violinista Domenico Nordio e il Direttore Tito Ceccherini:

 

Ottorino Respighi, Fontane di Roma

… … …

Ferruccio Busoni, Concerto per violino e orchestra in Re Maggiore op. 35/A

… … …

Gian Francesco Malipiero, Concerto per violino e orchestra n. 2

… … …

Ottorino Respighi, Pini di Roma

 

QUANDO:

Venerdì 11 Marzo 2016, Ore 20.00

Domenica 13 Marzo 2016, Ore 16.00

 

DOVE: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, Largo Gustav Mahler – 20136 Milano

 

INTERPRETI:

Domenico Nordio, Violino

Tito Ceccherini, Direttore

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Settore A € 35,00
Settore B € 25,00
Settore C € 20,00
Settore D € 15,00

SETTORE A Platea dalla fila 4 alla 25; SETTORE B Balconata dalla fila 4 alla 15; SETTORE C Prime 3 file Balconata e logge e SETTORE D Prime 3 file di Platea

 

Con Associazione Ma.Ni. è possibile avere i biglietti a prezzo ridotto. Scrivere a mara.grisoni@gmail.com per ricevere informazioni oppure telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

 


… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

“In questo poema sinfonico l’autore ha inteso di esprimere sensazioni e visioni suggeritegli da quattro fontane di Roma, considerate nell’ora in cui il loro carattere è più in armonia col paesaggio circostante o in cui la loro bellezza appare meglio suggestiva a chi le contempli”

 

Le fontane di Roma è un poema sinfonico di Ottorino Respighi, composto nel 1916.

Fa parte della “Trilogia romana” assieme a Feste romane ed I pini di Roma.

Ciascuno dei quattro movimenti è dedicato ad una fontana di Roma durante un differente momento del giorno. Inizialmente rifiutata dai critici alla prima esecuzione, questo lavoro successivamente è diventato uno degli esempi più eminenti di poema sinfonico.

La prima esecuzione avvenuta a Roma presso il Teatro Augusteo, l’ 11 marzo 1917, diretta da Antonio Guarnieri, non fu accolta da grande successo. La consacrazione avvenne invece a Milano l’anno seguente quando venne eseguita sotto la direzione di Arturo Toscanini.

Fontane di Roma by Ottorino Respighi (Clemens Krauss & Vienna Philharmonic Orchestra (Wiener Philharmoniker) – Year 1945):

Fontane di Roma by Ottorino Respighi (Orchestre Symphonique de Montréal & CHARLES DUTOIT):

Fontane di Roma by Ottorino Respighi (Antonio Pappano & Santa Cecilia Academy Orchestra, Rome 2007):

La fontana di Valle Giulia all’alba

“La prima parte del poema, ispirata alla fontana di Valle Giulia, evoca un paesaggio pastorale: mandrie di pecore passano e dileguano nella bruma fresca e umida di un’alba romana.”

Il primo movimento, “La fontana di Valle Giulia“, (Andante mosso) si apre con il tranquillo gocciolare dell’acqua della fontana di villa Giulia (violini secondi) e col canto degli uccelli nell’alba romana (violini primi). Le melodie degli zampognari che accompagnano le mandrie, sono esposte dal timbro dell’oboe cui risponde il clarinetto. L’oboe dopo una serie di note ribattute riprende il suo tema a terzine. Il corno inglese crea un clima di attesa nel quale si inseriscono l’ottavino ed il fagotto che riprendono il tema iniziale dell’oboe. Il sorgere del sole è affidato ad un cambio di tonalità mentre l’oboe ed il violoncello solo enunciano un tema di intensa cantabilità che viene poi ripreso dal clarinetto. Nella fase conclusiva le mandrie si allontanano accompagnate dal tema iniziale esposto questa volta dal flauto cui rispondono l’oboe ed il clarinetto.

La fontana del Tritone al mattino

“Un improvviso squillare fortissimo dei corni sui trilli di tutta l’orchestra inizia la seconda parte. È come un richiamo gioioso cui accorrono frotte di naiadi e tritoni che s’inseguono e fra gli spruzzi d’acqua intessono una danza sfrenata”.

Nel secondo movimento – chiamato “La fontana del Tritone al mattino“, (Vivo, Un poco meno allegretto, Più vivo gaiamente) le note di Respighi lasciano poco spazio per un’illustrazione di questo quadro, da notare la presenza quasi continua dei corni fin dalla prima battuta che richiamano il suono della conchiglia in cui soffia la divinità marina rappresentata nella fontana. L’elemento tematico del brano esposto da flauti, clarinetti ed arpe viene ripreso dagli archi e dà luogo ad un primo crescendo. Dopo un intermezzo cromatico affidato a flauti e trombe l’atmosfera si fa ancora più viva grazie ai glissando delle arpe che conducono ad uno sfavillante fortissimo. L’atmosfera si smorza e la ripresa del tema cromatico delle trombe ci porta al brano successivo.

La fontana di Trevi al meriggio

“Un tema solenne appare intanto sul mareggiare dell’orchestra. È la fontana di Trevi al meriggio. Il tema solenne passando dai legni agli ottoni assume un aspetto trionfale. Echeggiano fanfare: passa sulla distesa radiosa delle acque il carro di Nettuno tirato da cavalli marini e seguito da un corteo di sirene e tritoni. E il corteo si allontana mentre squilli velati echeggiano a distanza”.

Il terzo movimento introduce “La fontana di Trevi al meriggio” (Allegro moderato, Allegro vivace, Più vivace, Largamente, Calmo); la maestosità della scena ci è presentata subito dal tema principale affidato a fagotti, clarinetti e corni e dialogato poi dagli ottoni. Il crescendo continuo fino al fortissimo coronato dall’ingresso dell’organo ci trasmette l’immagine del passaggio del carro di Nettuno. Il corteo quindi si allontana mentre la melodia dei clarinetti ridà tranquillità alla scena.

La fontana di Villa Medici al tramonto

“La quarta parte si annunzia con un tema triste che si leva su di un sommesso chiocciolio. È l’ora nostalgica del tramonto. L’aria è piena di rintocchi di campane, di bisbigli di uccelli, di brusii di foglie. Poi tutto si quieta dolcemente nel silenzio della notte”.

Il movimento finale, “La fontana di Villa Medici al tramonto” (Andante, Meno mosso, Andante come prima) è tutto un intrecciarsi di suoni della natura con il gocciolio dell’acqua della fontana. Il “sommesso chiocciolio” al quale alludono le note di Respighi è affidato ai suoni dell’arpa e della celesta che richiamano gli zampilli della fontana di Villa Medici mentre il “tema triste” è presentato dai flauti e dal corno inglese. Dopo i primi passaggi si fa sentire il rintocco di una campana che la partitura prescrive “molto lontana” e che sarà presente a sprazzi per tutto il brano. Un tema secondario ancora più triste è affidato al violino solo ed ai violini secondi cui rispondono poi i violoncelli. I “bisbigli di uccelli” ed i “brusii di foglie” si ascoltano nell’episodio successivo in cui i trilli degli archi ed i brevi motivi dei fiati sono ispirati al canto degli uccelli. Nella parte conclusiva riascoltiamo il tema principale ed il secondario entrambi affidati ai violini. L’immagine si spegne lentamente finché muore sulle note dei secondi violini.

 


… … …

Il Concerto in re maggiore per violino e orchestra op. 35 a KV 243, fu composto da Ferruccio Busoni fra il 1896-97 nelle pause di una intensa attività concertistica per tutta Europa (nascono accanto al Concerto la Lustspielouvertüre e la Seconda Sonata per violino e pianoforte); il lavoro è dedicato a Henri Petri, a quel tempo primo Konzertmeister nela cappella ducale di Dresda e primo violino di un celebre quartetto. Petri era stato allevo di Joachim.

 

Concerto per violino e orchestra in Re Maggiore op. 35/A by Ferruccio Busoni (Joseph Szigeti, violino & The Little Orchestra Society diretta da Thomas Scherman – Prima parte):

Concerto per violino e orchestra in Re Maggiore op. 35/A by Ferruccio Busoni (Joseph Szigeti, violino & The Little Orchestra Society diretta da Thomas Scherman – Seconda parte):

Concerto per violino e orchestra in Re Maggiore op. 35/A by Ferruccio Busoni (Joseph Szigeti, violino & The Little Orchestra Society diretta da Thomas Scherman – Terza parte):

Il concerto è composto da tre tempi:

  1. Allegro moderato
  2. Quasi andante
  3. Allegro impetuoso

L’ organico è il seguente: violino solista, 3 flauti (3 anche ottavino), 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 4 corni, 2 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, triangolo, grancassa, piatti, archi.

Il primo e il secondo movimento formano un unico insieme. Il tema d’apertura (Allegro moderato) è una frase solenne. Il solista entra con una di quelle «cadenze prima dell’esposizione» care a Liszt.

Senza interruzione ci si trova nel Quasi andante. Il violino qui sembra giocare per l’ultima volta la grande carta del tema cantabile; tutta la pagina trova la sua ragione nelle bellissime battute finali (Più lento).

Il terzo movimento (Allegro impetuoso) si riveste di caratteri zigani (con molti echi lisztiani) e vede il solista in posizione di guida; ad un certo punto le trombe attirano teatralmente l’attenzione e ha inizio su un nuovo ritmo (Alla marcia, pomposo umoristico); da qui il solista condurrà alla conclusione in un concitamento crescente (Più stretto – Quasi presto – Più presto).

… … …

Concerto n. 2 per violino e orchestra

Organico: violino solista, 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, percussioni, celesta, arpa, archi
Composizione: 1963
Prima esecuzione: Venezia, Teatro alla Fenice, 14 settembre 1965

 

“Concerto per violino e orchestra n. 2, 1963” by Gian Francesco Malipiero (Francesco Parrino, violino):

… … …

I Pini di Roma è un poema sinfonico composto nel 1924 da Ottorino Respighi. È uno dei capolavori della cosiddetta trilogia romana insieme a Le fontane di Roma e Feste romane. Ciascun movimento descrive l’ ubicazione di un gruppo di pini in Roma, nel corso delle ore della giornata:

  1. I pini di Villa Borghese
  2. I Pini presso una catacomba
  3. I pini del Gianicolo
  4. I pini della Via Appia

Nel ciclo dei poemi sinfonici romani Respighi sfrutta le sue straordinarie doti di orchestratore, riporta le sensazioni provate nella visita della città di Roma. In queste composizioni ritroviamo tutta l’atmosfera romana purtroppo in buona parte oggi scomparsa: “gli strilli dei bambini come rondini a sera” a Villa Borghese, l’usignolo che canta “nel plenilunio sereno” del Gianicolo, “lo scampanio di tutte le chiese”, gli “echi di caccia, tintinnii di sonagliere” sui Castelli Romani, “la voce dell’organo meccanico d’un baraccone e l’appello del banditore, il canto rauco dell’ubriaco e il fiero stornello” a Piazza Navona? E ancora dove ritrovare la “la salmodia accorata” dei fedeli che “si diffonde solenne come un inno”, “il ritmo di un passo innumerevole” allo squillare delle buccine sull’antica Via Appia, la folla che ondeggia nel Circo Massimo, lo squillare dei corni di Tritone e Nettuno.

La prima esecuzione avvenne al Teatro Augusteo di Roma il 14 dicembre 1924, sotto la direzione di Bernardino Molinari. Il suo primo numero, I Pini di Villa Borghese, fu disturbato da fischi e zittii, ma poi la sala si placò, e alla fine il successo fu clamoroso, e seguito da una diffusione internazionale altrettanto incontrastata e duratura quanto quella delle Fontane. Anche qui, quattro quadri che si seguono senza interruzione, con altrettanti titoli. Nelle Fontane sia questi titoli che quello generale comunicano l’argomento della musica senza equivoci. Qui invece i pini sono solo una garbata etichetta.

Come nelle Fontane, ciò che conta è il piacere dell’immagine musicale per se stessa, priva di secondi fini.

 

“Pini di Roma” by Ottorino Respighi (Berliner Philharmoniker – Herbert von Karajan – Osaka Hall, 1984):

“Pini di Roma” by Ottorino Respighi (Orquestra Nova da Sinfónica de Galicia (OJSG) baixo a direccion do mestre D. Pietro Rizzo – Palacio da Opera da Coruña, 7 de abril de 2012):

“Pini di Roma” by Ottorino Respighi (Sergiu Celibidache conducts The Filharmonica “George Enescu”):

“Pini di Roma” by Ottorino Respighi (Conductor: Daniele Gatti):

“Pini di Roma” by Ottorino Respighi (Fritz Reiner & Chicago Symphony Orchestra):

“Pini di Roma” by Ottorino Respighi (Orchestra sinfonica di Torino della RAI , direttore Sergiu Celibidache):

I pini di Villa Borghese

“Giuocano i bimbi nella pineta di Villa Borghese: ballano a giro tondo, fingono marce soldatesche e battaglie, s’inebriano di strilli come rondini a sera, e sciamano via”.

Il primo movimento, chiamato “I pini di Villa Borghese“, descrive dei bambini rumorosi che giocano ai soldati e marciano nella pineta del Villa Borghese, è un intrecciarsi di girotondi e di infantili fanfare militaresche. Dopo la rapida introduzione compare il tema principale (Oh quante belle figlie Madama Dorè) affidato al corno inglese, ai fagotti ed ai corni. Un improvviso cambio di ritmo caratterizza il secondo motivo che flauti, ottavino e pianoforte cantano su uno sfondo costituito dai trilli degli archi. Con il ritorno all’andamento iniziale ricompare il tema principale questa volta affidato agli oboi ed ai clarinetti. La parte successiva costruita sulla melodia di un nuovo girotondo sfocia in una fanfara di trombe. La successiva ricomparsa del girotondo viene ripresa ed intrecciata con squilli di marce, dall’intera orchestra che successivamente si avvia verso l’ultimo vorticoso crescendo.

Pini presso una catacomba

“Improvvisamente la scena si tramuta ed ecco l’ombra dei pini che coronano l’ingressodi una catacomba: sale dal profondo una salmodia accorata, si diffonde solenne come un inno e dilegua misteriosa”.

Il secondo movimento, “Pini presso una catacomba” rappresenta una pineta nei pressi di una catacomba nella campagna romana. L’atmosfera diventa improvvisamente cupa. Dal profondo emerge sommessa la voce degli archi intercalata da un mesto cantabile dei corni e dai rintocchi gravi di una campana quasi a ricordarci la memoria di antichi martiri. Una tromba sola in controcanto con i violini rischiara l’ambiente. Dal profondo si leva una salmodia affidata a clarinetti, corni e violoncelli che si trasforma gradualmente con l’entrata degli altri strumenti in un maestoso ed austero crescendo. Dopo il rapido spegnersi della salmodia una coda ci riporta alla cupa atmosfera iniziale.

I pini del Gianicolo

“Trascorre nell’aria un fremito: nel plenilunio sereno si profilano i pini del Gianicolo. Un usignolo canta”.

Il terzo tempo, un notturno, “I Pini del Gianicolo“, è ambientato di notte, presso un tempio del dio Giano dell’antica Roma, sulla collina del Gianicolo. Giano bifronte spalanca porte e portoni, segnando l’inizio di un nuovo anno. Si ode il canto di un usignolo, che Respighi utilizza per descrivere la vita reale ed i suoni degli uccelli, qualcosa di mai fatto fino ad allora. Il gocciolio dell’acqua dalla fontana introduce il brano con gli arpeggi del pianoforte mentre il clarinetto espone un tema sognante nel plenilunio che sovrasta i pini del Gianicolo. Gli archi che riprendono questo tema sono interrotti dalla celesta che ripropone il gocciolio della fontana. L’oboe presenta un nuovo tema che viene ripreso da un violoncello solo e sviluppato poi dagli archi con un ampio crescendo. Gli arpeggi del pianoforte, dell’arpa e della celesta ci ripropongono ancora una volta il gocciolio dell’acqua e ci portano verso la sezione conclusiva quando il clarinetto prepara il canto dell’usignolo che si perde fra i rami dei pini. Lo spartito dà menzione di una registrazione realizzata su di un fonografo: il Brunswick Panatrope

I pini della via Appia

“Alba nebbiosa sulla via Appia. La campagna tragica è vigilata da pini solitari. Indistinto, incessante, il ritmo di un passo innumerevole. Alla fantasia del poeta appare una visione di antiche glorie: squillano le buccine ed un esercito consolare irrompe, nel fulgore del nuovo sole, verso la via Sacra, per ascendere al trionfo del Campidoglio”.

L’ultima sezione, “I Pini della Via Appia“, raffigura i pini lungo l’antica consolare romana Via Appia. In un’alba nebbiosa, una legione avanza lungo la via Appia nel fulgore del sole appena sorto. Respighi voleva far sentire la terra tremare sotto i passi del suo esercito e diede all’organo il compito di descriverne tale sensazione. 

Il ritmo del passo di marcia dell’esercito consolare è scandito da timpani, pianoforte, violoncelli e contrabbassi. I corni ci presentano frammenti di fanfare mentre i clarinetti introducono quello che sarà il tema conduttore di tutto il brano. Il corno inglese si inserisce con una melodia esotica, quasi una danza orientale, prima che i corni diano avvio al poderoso amplissimo crescendo cui si uniscono progressivamente tutti gli altri strumenti per preparare la sfarzosa conclusione. Da notare l’impiego di sei flicorni che sono uno strumento tipicamente bandistico poco usato in orchestra.

Il pezzo si conclude con un trionfo di trombe delle legioni sul Campidoglio.

I Pini di Roma richiede l’impiego di una grande orchestra:

  • legni: 3 ottavini, 2 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti in Si bemolle e in La, clarinetto basso in Si bemolle e in La, 2 fagotti, controfagotto
  • ottoni: 4 corni in Fa, Sol, 3 trombe in Si bemolle, 2 tromboni tenori, 1 trombone basso, 1 tuba, 6 buccine in Si bemolle (a tutt’oggi sostituite da flicorni: 2 soprano, 2 tenore, 2 basso), trombe fuori scena
  • percussioni: timpani, grancassa, piatti, 2 piccoli piatti, tam-tam, triangolo, raganella, tamburo, glockenspiel
  • tastiere: organo, pianoforte, celesta
  • arpa
  • archi: violini I e II, viole, violoncelli, contrabbassi
  • fonografo (per la riproduzione del canto dell’usignolo)

Curiosità sull’ utilizzo del poema “I Pini di Roma

Una versione arrangiata commenta un brano del film d’animazione Fantasia 2000 della Walt Disney, con delle balene megattere volare nell’aria. Il secondo movimento del pezzo è omesso, insieme con l’assolo del corno inglese nel quarto movimento.

Il componimento è stato usato nella sua interezza in A Movie (1958) di Bruce Conner.

Alcuni estratti appaiono in Fireworks di Kenneth Anger.

L’introduzione è utilizzata nella canzone del 1983 City of Love del gruppo rock gruppo Yes.

Il componimento è alla base della maggior parte del repertorio musicale eseguito in occasione del campionato mondiale dei Drum Corps International, allo Star of Indiana’s 1991.

Qualche stralcio è stato utilizzato in una pubblicità della ditta alimentare Levoni nel 1998.

 


… … …

Domenico Nordio…

7566b93dcc577090c2290e18e99eb179

Domenico Nordio è considerato ormai da tempo uno degli Artisti italiani di punta.

Allievo di Corrado Romano e di Michéle Auclair, ex bambino prodigio (ha tenuto il suo primo recital a dieci anni), a sedici anni ha vinto il Concorso Internazionale “Viotti” di Vercelli con il leggendario Yehudy Menuhin Presidente di Giuria. Dopo le affermazioni ai Concorsi Thibaud di Parigi, Sigall di Viña del Mar e Francescatti di Marsiglia, il Gran Premio dell’Eurovisione ottenuto nel 1988 gli ha dato immediata popolarità grazie anche alla finale trasmessa in tutta Europa in diretta televisiva dal Concertgebow di Amsterdam. Nordio è l’unico vincitore italiano nella storia del Concorso.

Nella sua ormai ventennale carriera si è esibito con London Symphony, la National de France, la National Symphony of Ireland, l’Orchestre de la Suisse Romande, la Sinfonica Verdi di Milano, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, la Camerata Bariloche, la Petrobras di Rio de Janeiro, l’Enescu Philharmonic di Bucarest, l’Orchestra Nazionale della RAI, la Filarmonica Toscanini, l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, del San Carlo di Napoli e del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra Borusan di Istanbul, l’Orchestra Nazionale di Spagna. Tra i Direttori con i quali ha collaborato vi sono Menuhin, Mercier, Maag, Flor, Steinberg, Tabakov, Lazarev, Tabachnik, Casadesus, Benedetti Michelangeli, Luisi, Karabtchevskij, Aykal.

Nordio è concertista molto noto all’estero e larga parte della sua attività si svolge in lunghi tour internazionali. Ha suonato, tra l’altro, a Tokyo (Suntory Hall), Ginevra (Victoria Hall), Madrid (Teatro Monumental), Dublino (National Concert Hall), Londra (Barbican Center), Parigi (Salle Pleyel), Mosca (Conservatorio Tchaikovskij e la Casa della Musica), New York (Carnegie Hall), Vienna (Konzerthaus), Zurigo (Tonhalle), Praga (Festival della Primavera), Milano (Teatro alla Scala), Buenos Aires (Teatro Colon).

In Italia è presente in tutti i principali cartelloni. Particolarmente privilegiato è il suo rapporto con le Serate Musicali di Milano, che ogni anno ospitano suoi recital e che hanno coprodotto il suo debutto al Ravenna Festival 2010.

Domenico Nordio è dedicatario di composizioni di Facchinetti, Semini, Scannavini. Ha tenuto a battesimo brani di Donatoni (durante la Settimana Musicale Senese) e Boccadoro (Cadillac Moon, Concerto per Violino eseguito con l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari e registrato dal vivo per Rai Trade). Proprio Carlo Boccadoro ha recentemente scritto per lui “Grip”, pezzo per violino solo che ha eseguito in Prima Assoluta al Teatro Bonci di Cesena. Ad Aprile 2011 ha suonato un nuovo pezzo di Michele dall’Ongaro commissionato dagli Amici della Musica di Ancona.

E’ il direttore artistico del Concorso Internazionale di Violino “Città di Brescia”, membro della WFIMC. Dal 2005 incide per DECCA.

… … …

Tito Ceccherini…

ce3ccherini

Appassionato interprete di musica del nostro tempo, ha collaborato intensamente con compositori come Salvatore Sciarrino, Alessandro Solbiati, Stefano Gervasoni. Fra le numerose prime assolute, degne di nota sono l’esecuzione postuma di Sette di Niccolò Castiglioni e la recente messa in scena in prima assoluta dell’opera Da gelo a gelo di Sciarrino con il Klangforum Wien.

Ha fondato l’ensemble «Risognanze», prestigiosa formazione ad organico variabile, con cui ha affrontato capolavori del repertorio cameristico moderno da Debussy ai nostri giorni, ed ha effettuato numerose registrazioni (Sciarrino, Castiglioni, Grisey).

Un profondo interesse per la musica antica lo ha portato a collaborare con gruppi come il finlandese «Rocinante» ed il milanese «Arcomelo», che affrontano il repertorio del Sei e Settecento su strumenti d’epoca.

La sua attività concertistica lo ha portato a dirigere orchestre come la SWR di Stoccarda, la Tokyo Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI (con cui ha anche registrato un CD monografico dedicato a Giacinto Scelsi, un cofanetto dedicato alla produzione sinfonica di Salvatore Sciarrino ed ancora musiche di Daugherty e Nyman), l’Orchestre National de l’Ile de France, ed ensemble rinomati come Klangforum Wien, Contrechamps, OENM, il Divertimento Ensemble, in sedi prestigiose e Festival internazionali.

In ambito lirico ha diretto I Puritani e Guntram al Teatro Bellini di Catania, la nuova produzione di Da gelo a gelo di Sciarrino all’Opéra di Parigi, al Festival di Schwetzinger e al Grand Théâtre de Genève, le nuove produzioni di Alessandro di De Majo e di Maria Stuarda di Donizetti al National Theater di Mannheim.

I principali impegni futuri lo vedranno debuttare sul podio della BBC Symphony, dirigere la OSI di Lugano in un progetto discografico per Amadeus, concerti al Festival Musica di Strasbourg, alla Biennale di Venezia con l’Orchestra della Fenice, ai Festival MITO, Milano Musica, Schwetzinger e Salisburgo, Maria Stuarda e la prima assoluta di Super flumina commissionata a Salvatore Sciarrino dal National Theater di Mannheim, nonché la prima assoluta del Killer di parole di Ambrosini su testi di Pennac al Teatro La Fenice di Venezia, la nuova opera di Fénelon La Cerisaie al Teatro Bolshoi e all’Opéra National de Paris…

Ha effettuato incisioni discografiche per Amadeus, Col legno, Kairos, Stradivarius, acclamate da critica e pubblico, ed insignite con premi come Choc di Le Monde de la Musique, e Diapason d’Or; l’incisione del Lohengrin di Sciarrino per Col legno è stata premiata al MIDEM CLASSICAL AWARDS nella sezione opera.

Ha svolto attività didattica in Europa ed in Giappone. E’ membro dal 1995 dell’Accademia di Montegral. Insegna presso il Landeskonservatorium di Innsbruck, dove è titolare della cattedra di direzione d’orchestra ed esercitazioni orchestrali.

Nato a Milano nel 1973, ha compiuto gli studi musicali presso il conservatorio «G. Verdi» sotto la guida di Giovanni Carmassi (pianoforte), Alessandro Solbiati (composizione) e Vittorio Parisi (direzione d’orchestra). Ha proseguito gli studi in Russia, Germania ed Austria, perfezionandosi sotto la guida di Peter Eötvös (a Karlsruhe), Sandro Gorli e Gustav Kuhn.

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Teatro Lirico, Cagliari: Beethoven, Korsakov (4-5 mar)

ORCHESTRA della RAI: Ligeti, Beethoven, Bartók (3-4 Mar)