in , , ,

A La Verdi Luca Buratto Jader Bignamini per Ravel febbraio 2020

Il Concerto in sol – dichiarò Ravel – è un concerto nel senso più esatto del termine, scritto nello spirito di quelli di Mozart o di Saint-Saéns. Io penso effettivamente che la musica di un concerto possa essere gaia e brillante, e che non sia necessario ch’ esso abbia pretese di profondità o che miri ad effetti drammatici

14° Concerto della Stagione Sinfonica 2019-2020 per La Verdi

 

A La Verdi Luca Buratto Jader Bignamini per Ravel febbraio 2020. Dopo la prestigiosa affermazione nel 2015 a Calgary in Canada (Honens International Piano Competition) il nome del giovane pianista milanese Luca Buratto si è affermato nel panorama musicale internazionale con un rilievo sottolineato subito dalla stampa specializzata (BBC Music Magazine, International Piano, Musical America etc.), anche nelle entusiastiche recensioni del suo primo CD edito da Hyperion nel 2017 e dedicato a Schumann. I debutti al Konzerthaus di Berlino, a Lugano, a Marlboro, al Teatro alla Scala sono alcune delle tappe significative della sua recente carriera.

Terzo classificato e premio del pubblico al Concorso Schumann di Zwickau nel 2012, Luca Buratto mantiene da sempre un profondo legame con la musica di Robert Schumann, suo autore di riferimento.

Per questo concerto verrà eseguito il seguente programma: 

 

Alessandro Melchiorre, Dal buio

… … …

Maurice Ravel, Concerto per pianoforte e orchestra in Sol maggiore

… … …

Hector Berlioz, Sinfonia Fantastica

 

QUANDO

Venerdì 31 Gennaio 2020, ore 20.00

Domenica 2 Febbraio 2020, ore 16.00

 

DOVE: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo
Largo Gustav Mahler
20136 Milano (MI)

 

INTERPRETI:

Pianoforte, Luca Buratto

Direttore, Jader Bignamini

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Platea 1 al costo di € 36,00
Platea 2 al costo di € 25,00
Platea 3 al costo di € 16,00
Galleria 1 al costo di € 27,00
Galleria 2 al costo di € 21,00

 

Platea 1 Platea dalla fila 5 alla 22; Platea 2 dalla fila 23 alla 25; Platea 3 prime 4 file; Galleria 2 Prime 3 file Balconata e logge e Galleria 1 dalla fila 4 in poi

 

A La Verdi Luca Buratto Jader Bignamini per Ravel febbraio 2020

 

Con Associazione Ma.Ni. è possibile avere i biglietti a prezzo ridotto. Scrivere a mara.grisoni@gmail.com per ricevere informazioni oppure telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Jader Bignamini…

Bignamini-jader-M

Scelto nel 1998 dal M° Riccardo Chailly come clarinetto piccolo dell’ Orchestra Sinfonica LaVerdi di Milano, Jader Bignamini inizia il suo percorso all’ interno dell’ Istituzione che lo vedrà passare dalle file dell’ Orchestra al podio, fino ad essere nominato nel 2010 Direttore Assistente e dal 2012 Direttore Associato.

Nato a Crema, dopo gli studi al Conservatorio di Piacenza, inizia giovanissimo a collaborare, anche come solista, con diverse Orchestre e avvia contemporaneamente l’ attività di Direttore con Gruppi da Camera, Orchestre Sinfoniche e di Enti Lirici.

Nell’ autunno 2012 partecipa per il secondo anno consecutivo al Festival MITO con la Messe Solennelle di Berlioz. Prosegue inoltre la sua intensa collaborazione con l’orchestra laVerdi dove dirige, oltre a quello inaugurale, svariati concerti con programmi lirici e sinfonici (Brahms, Cajkovskij, Glinka, Musorgskij, Prokofiev, Ravel, Respighi, Rimsky-Korsakov, Paganini, Piazzolla, Stravinskij, Vivaldi), sia a Milano che nella tournée in Russia (Cajkovskij Hall a Mosca e Glinka Philarmonic Hall a San Pietroburgo), collaborando con solisti quali Karen Gomyo, Francesca Dego, Natasha Korsakova, Kolya Blacher e Lylia Zilberstein.

Seguono i debutti sinfonici in Giappone alla Biwako Hall di Otsu, in Brasile al Teatro Municipal di Sao Paulo, a Palermo con l’Orchestra Sinfonica Siciliana e a Firenze col Maggio Musicale.

Inaugura poi il XXXIX Festival della Valle d’ Itria con Crispino e la Comare, la XX Stagione Sinfonica de laVerdi con un programma verdiano e il Festival Verdi 2013 a Parma con Simon Boccanegra, a seguito del quale gli viene offerto dal Teatro Regio un invito triennale per il Festival.

Tra gli impegni recenti, oltre ai numerosi appuntamenti sinfonici con laVerdi, tra i quali il verdiano Requiem, i Carmina Burana con la Filarmonica del Comunale di Bologna, La bohème al Municipal di Sao Paulo e al Teatro la Fenice di Venezia, L’elisir d’amore ad Ancona, Tosca al Comunale di Bologna, La forza del destino al Festival Verdi di Parma e La bohème al Filarmonico di Verona.

Il 2015 lo ha visto protagonista di felici debutti come Cavalleria rusticana e L’amor brujo al Teatro Filarmonico di Verona, Aida al Teatro dell’Opera di Roma, Madama Butterfly al Teatro la Fenice di Venezia oltre al debutto americano con Rigoletto al Festival di Santa Fe in New Mexico dove tornerà nel 2018 per una nuova produzione di Madama Butterfly.

Reduce del successo americano ha quindi diretto un concerto al Teatro alla Scala di Milano con l’Orchestra LaVerdi per poi inaugurare anche la stagione autunnale in Auditorium a Milano con una serie di concerti sinfonici, la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi e un gala lirico sinfonico al Musikverein di Graz con il soprano Anna Netrebko.

Tra gli impegni del 2016: Francoforte per Oberto, conte di San Bonifacio, in tournée in Korea e Giappone per una serie di concerti con Anna Netrebko, a Tokyo con per una produzione di Andrea Chenier, al Teatro dell’Opera di Roma con un nuovo allestimento di Traviata per poi debuttare al Rossini Opera Festival con il Ciro in Babilonia per la regia di Davide Livermore.

Seguiranno poi Madama Butterfly al Teatro Massimo di Palermo e Manon Lescaut di G. Puccini con Anna Netrebko al Teatro Bolshoi di Mosca e Trovatore a Francoforte.

… … …

 

Luca Buratto…

Luca Buratto

Luca Buratto è il 2015 Honens Prize Laureate dell’ Honens International Piano Competition (Calgary – Canada). Il premio pianistico più ricco al mondo, che gli permetterà di avere ingaggi per le prossime tre stagioni in Nord America e Canada. Le sue interpretazioni durante il concorso sono state definite “ricche di finezza e di una fortissima immaginazione” (Musical America), e sono state immediatamente riproposte su vari network (Ici Musique, CBC Canada, Medici).

Nel 2012 si classifica terzo alla “XVI International Schumann Competition” di Zwickau, membro della WFIMC, acquisendo anche il Premio del Pubblico della radio MDR-Figaro. Nel 2011 si classifica primo al “Premio Nazionale delle Arti”, indetto dal Ministero dell’Istruzione della Repubblica Italiana (MIUR). Dal 2000 ha al proprio attivo numerose competizioni, in Italia ed all’estero, nelle quali ha ottenuto primi premi, conseguendo spesso il Premio Speciale o Assoluto di concorso. Nel 2015, a Luca viene assegnata una delle 5 borse di studio “Fondazione Adolfo Pini” destinate a giovani studenti e ricercatori per un’attività di specializzazione internazionale nei settori dell’arte e della creatività e vince il soggiorno di due mesi alla Music Academy of the West (Santa Barbara – California).

Nato a Milano ventidue anni fa, Luca è ammesso nel 2001 al Conservatorio di Milano nella classe della professoressa Edda Ponti dove nel giugno 2010 si diploma col massimo dei voti, lode e menzione d’onore. Dopo aver ottenuto la Maturità Classica al Liceo “Berchet”, studia al Conservatorio di Bolzano, nella classe del maestro Davide Cabassi. Parallelamente frequenta, in qualità di “Theo Lieven scholar”, il Master of Advanced Studies SUPSI in Music Performance and Interpretation con il maestro William Grant Naboré, presso il Conservatorio della Svizzera Italiana, dove nel 2013 consegue il titolo con il massimo dei voti: Excellent/A.

Debutta nel 2003 nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano, nella “Giornata della Memoria”, eseguendo musiche di Renzo Massarani, suo bisnonno. Suona per “I Pomeriggi Musicali” il concerto giovanile di Beethoven WoO 4 sotto la direzione di Michele Mariotti. Partecipa al festival “Chopin Schumann 200 anni” al Conservatorio di Milano, collaborando con il Piccolo Teatro e l’Accademia di Brera, suonando, in Sala Verdi, il Concerto op. 54 di Schumann con l’orchestra Sinfonica del Conservatorio di Milano sotto la direzione del maestro Aldo Ceccato.

Nel 2011 suona per “Il Berchet compie cent’anni”, all’Auditorium di Milano e al Magdeburger Theatre. Nella Stagione 2013/14 dell’Orchestra Sinfonica LaVerdi, diretto da Jader Bignamini, all’Auditorium di Milano, Luca ha suonato il Concerto per pianoforte e orchestra n.3 op.30 di Rachmaninov:

“…un ragazzo milanese di vent’ anni, … il quale l’ha eseguito con tecnica poderosa (le sue doppie ottave sono rimarchevoli, e non dirò degli arpeggi e dei «passaggi»): mai effettuando il cosiddetto «rallentando espressivo» nei punti difficili; e con consapevolezza musicale notevolissima. Ho domandato a Luigi Corbani [Direttore generale della Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano “Giuseppe Verdi”] ove avesse scovato una simile meraviglia. …” [Paolo Isotta, Critico musicale del Corriere della Sera].

Nel 2008, il network radiofonico Radio Classica lo vuole ospite nel programma “Il pianista”; del 2011 la diretta radiofonica della “Giornata della Memoria” per Radio 3 RAI. Ripetuta più volte la partecipazione al programma “Piazza Verdi” sempre per Radio 3 RAI.

Ha al suo attivo diverse masterclass con maestri quali Adès, Ashkenazy, Bashkirov, Canino, Fleisher, Hanick, Hellwig, Jasinski, Kreinev, Lowenthal, Martinez, McDonald, Rose, Swann, Virsaladze. Ultima registrazione il CD allegato al libro “Quadri di un’Esposizione” di Anna Harwell Celenza, pubblicato nella versione italiana dalla casa editrice ISMEZ.

 

“Luca Buratto: R. Schumann, Davidsbündlertänze op. 6 n. 14”:

“Luca Buratto: L. v. Beethoven – Sonata Op. 57 Appassionata”:

“Luca Buratto: 2015 Honens Prize Laureate”:

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Teatro San Carlo Napoli NORMA di Vincenzo Bellini febbraio 2020

All’ Orchestra Giovanile Luigi Cherubini Audizioni 2019 per Oboe