in , , ,

A Musikàmera Venezia il Trio di Parma per Beethoven Ottobre 2018

Chi penetra il senso della mia musica potrà liberarsi dalle miserie in cui si trascinano gli altri uomini“, L. v. Beethoven

Associazione Musikàmera, Stagione 2018

 

Il complesso da camera TRIO DI PARMA è uno dei protagonisti della Stagione 2018 per l’ Associazione Musikàmera di Venezia. Del grande Maestro di Bonn, Ludwig Van Beethoven, verranno eseguiti I Trii per violino, violoncello e pianoforte:

 

Ludwig van Beethoven, Trio Hess. 48

… … …

Ludwig van Beethoven, Trio n. 4 op. 11

… … …

Ludwig van Beethoven, Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca

 

QUANDO

Domenica 28 ottobre 2018, ore 20.00

Lunedì 29 ottobre 2018, ore 20.00

 

DOVE: Sale Apollinee – Teatro La Fenice
San Marco, 1965
30124 Venezia (VE)

 

INTERPRETI:

Trio di Parma

Alberto Miodini, pianoforte

Ivan Rabaglia, violino

Enrico Bronzi, violoncello

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Intero al costo di € 25,00

Ridotto al costo di € 15,00 (over 65, abbonati Teatro La Fenice)

Ridotto al costo di € 10,00 (under 30)

Il concerto sarà preceduto da una breve introduzione.

 

Musikàmera Venezia: Trio di Parma

 

se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti scrivendo a mara.grisoni@gmail.com o telefonando al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Trio di Parma…

trio di parma-3

Il Trio di Parma si e’ formato nel 1990 al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma e successivamente si è perfezionato con il Trio di Trieste presso la Scuola di Musica di Fiesole e l’Accademia Chigiana di Siena. Ha ottenuto i riconoscimenti più prestigiosi con le affermazioni al Concorso Internazionale “Vittorio Gui” di Firenze, al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Melbourne, al Concorso Internazionale della ARD di Monaco ed al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Lione. Inoltre, l’ Associazione Nazionale della Critica Musicale ha assegnato al Trio di Parma il “Premio Abbiati” nel 1994 quale miglior complesso cameristico.

Il Trio di Parma è stato invitato dalle più importanti istituzioni musicali in Italia (Accademia di S. Cecilia di Roma, Società del Quartetto di Milano, Amici della Musica di Firenze, Unione Musicale di Torino, Gran Teatro La Fenice di Venezia, Unione Musicale di Torino, GOG di Genova, Accademia Filarmonica Romana,…) e all’ estero (Filarmonica di Berlino, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Wigmore Hall di Londra, Konzerthaus di Vienna, Filarmonica di S. Pietroburgo, Festival di Lockenhaus, Teatro Coliseo di Buenos Aires, Amburgo, Dublino, Varsavia, Los Angeles, Washington, Barossa Music Festival Adelaide, Rio de Janeiro, San Paolo, …).

Ha collaborato con importanti musicisti quali Vladimir Delman, Carl Melles, Pavel Vernikov, Bruno Giuranna, Alessandro Carbonare, Eduard Brunner; ha partecipato a numerose registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI e per diverse emittenti estere (Bayerischer Rundfunk, NDR, WDR, MDR, Radio Bremen, ORT, ABC-Classic Australia). Ha inoltre inciso le opere integrali di Brahms per l’UNICEF, di Beethoven e Ravel per la rivista Amadeus, Schostakovich per Stradivarius (premiato come miglior disco dell’anno 2008 dalla rivista Classic Voice) e Pizzetti per l’etichetta Concerto.

Il Trio di Parma, oltre ad un impegno didattico costante nei Conservatori di Modena, Gallarate e al Mozarteum di Salisburgo, tiene corsi alla Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera di Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole.

Ivan Rabaglia suona un Giovanni Battista Guadagnini costruito a Piacenza nel 1744 ed Enrico Bronzi un Vincenzo Panormo costruito a Londra nel 1775.

www.triodiparma.com

… … …
 
Ivan Rabaglia…

ivan_rabaglia_1170

Nato a Parma, Ivan Rabaglia, si è diplomato con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore sotto la guida di Grazia Serradimigni e si è poi perfezionato con Franco Gulli, Stefan Gheorghiu, Pavel Vernikov, Ilya Grubert, Zinaida Gilels, Trio di Trieste e Isaac Stern al Chamber Music Workshop di New York.

Insieme ad Alberto Miodini e a Enrico Bronzi ha costituito nel 1990 il Trio di Parma, con il quale ha vinto il 16° Concorso Internazionale Vittorio Gui di Firenze, il 47° Internationaler Musikwettbewerb München, il 1er Concours International de Musique de Chambre de Lyon e il secondo premio al 2nd Melbourne International Chamber Music Competition.

L’attività svolta con il Trio ha portato Ivan Rabaglia a suonare per le più importanti istituzioni musicali italiane ed estere: S. Cecilia di Roma, Società del Quartetto di Milano, Amici della Musica di Firenze, Teatro La Fenice di Venezia, Unione Musicale di Torino, Amici della Musica di Palermo, Salle Molière di Lione, Konzerthaus di Vienna, Filarmonica di Berlino, Wigmore Hall di Londra, Filarmonica di S. Pietroburgo, Lincoln Center e Carnegie Hall di New York, Teatro Colón di Buenos Aires e ai Festival di Melbourne, Lockenhaus, Orta e Lucerna.

Alle numerose registrazioni radiofoniche per le più importanti emittenti italiane, inglesi, tedesche e australiane si aggiunge un’attività discografica che include l’integrale dei Trii di Brahms e Beethoven, l’ Op. 65 di Dvořák, il Trio e le Sonate di Ravel, i Trii e le Romanze di Shostakovich per l’etichetta Stradivarius (premiato come miglior disco dell’anno 2008 della rivista Classic Voice) ed infine le integrali di Pizzetti, Liszt e Schumann per l’etichetta Concerto Classics.

Insegna all’ Istituto Superiore “Vecchi-Tonelli” di Modena, alla Scuola Internazionale del Trio di Trieste a Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole.

Suona un Gian Battista Guadagnini costruito a Piacenza nel 1744.

… … …

 

Enrico Bronzi…

enricoBronzi

Violoncellista e direttore d’ orchestra, Enrico Bronzi è nato a Parma nel 1973.

Fondatore del Trio di Parma nel 1990, ha suonato nelle più importanti sale da concerto d’ Europa, USA, Sud America ed Australia (Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Filarmonica di Berlino, Konzerthaus di Vienna, Mozarteum di Salisburgo, Filarmonica di Colonia, Herkulessaal di Monaco, Filarmonica di San Pietroburgo, Wigmore Hall e Queen Elizabeth Hall di Londra, Teatro Colon di Buenos Aires). Con tale formazione si è imposto nei concorsi internazionali di Firenze, Melbourne, Lione e Monaco di Baviera, ricevendo peraltro il “Premio Abbiati” della critica musicale italiana.

Dal 2001, in seguito alle affermazioni al Concorso Rostropovich di Parigi e al Paulo Cello Competition di Helsinki, dove riceve anche il Premio per la migliore esecuzione del concerto di Dvorak con la Filarmonica di Helsinki, inizia un’ intensa attività solistica. Partecipa regolarmente a numerosi festival, tra cui: Lucerna, Kronberg, Schubertiade Schwarzenberg, Melbourne, Turku, Naantali, Stresa, Ravenna, Lockenhaus.

La sua attività l’ ha portato a collaborare con grandi artisti come Martha Argerich, Alexander Lonquich, Gidon Kremer, e complessi quali il Quartetto Hagen, la Kremerata Baltica e il Giardino Armonico. Suona e ha suonato come solista sotto la guida di Claudio Abbado, Christoph Eschenbach, Paavo Berglund, Frans Brüggen, Krzysztof Penderecki, Tan Dun, Reinhard Goebel. Ha seguito le lezioni di direzione d’orchestra di Jorma Panula ed è Direttore Ospite di numerosi complessi italiani, tra cui l’Orchestra Mozart (su invito di Claudio Abbado), l’Orchestra di Padova e del Veneto, i Virtuosi Italiani, la Filarmonica Marchigiana, la Sinfonica della Val d’Aosta e la Sinfonica Abruzzese.

Enrico Bronzi suona un violoncello Vincenzo Panormo del 1775.

… … …

 

Alberto Miodini…

alberto-miodini

Nato a Parma, Alberto Miodini ha compiuto gli studi pianistici sotto la guida di Roberto Cappello e ha successivamente approfondito il repertorio cameristico con il Trio di Trieste e Maureen Jones.

Da oltre diciassette anni è il pianista del Trio di Parma, complesso con il quale si è affermato ai Concorsi Internazionali “Gui” di Firenze, ARD di Monaco, Melbourne e Lione; ha inoltre ottenuto il Premio”Abbiati” della Critica musicale italiana per il 1994.

Ha suonato per le più importanti istituzioni musicali in Italia (Accademia di Santa Cecilia di Roma, Amici della Musica di Firenze, Gran Teatro la Fenice di Venezia, Settembre Musica di Torino, Società del Quartetto di Milano) e all’ estero (Filarmonica di Berlino, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Wigmore Hall di Londra, Festival di Lockenhaus e Lucerna, Teatro Colon di Buenos Aires, Los Angeles, Washington, Hong Kong), collaborando con musicisti quali V. Delman, H. Soudant, A. Nanut, B. Giuranna, A. Carbonare.

Sempre con il Trio di Parma ha inciso l’integrale dei Trii di Brahms, Beethoven, Shostakovich, nonchè un cd monografico dedicato a Ravel.

All’ attività con il Trio affianca quella solistica, sia in recital che con importanti orchestre quali l’Orchestra del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo, l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “Arturo Toscanini”, l’ Orchestra Sinfonica Siciliana, l’ Orchestra Sinfonica di Sanremo, l’ Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, l’ Orchestra Regionale Toscana…

Tiene corsi di perfezionamento presso la Scuola Superiore del Trio di Trieste a Duino e la Scuola di Musica di Fiesole.

… … …

ASCOLTI DI PROGRAMMA…

 

 

“Trio n. 4 op. 11” by Ludwig van Beethoven (Schneider/Casals/Istomin):

“Trio n. 4 op. 11” by Ludwig van Beethoven (Istomin-Stern-Rose):

“Trio n. 4 op. 11” by Ludwig van Beethoven (Beaux Arts Trio):

… … …

“Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca” by Ludwig van Beethoven (Eugene Istomin, piano – Isaac Stern, violín – Leonard Rose, cello _Trio, 1966):

“Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca” by Ludwig van Beethoven (Eugene Istomin, piano – Isaac Stern, violín – Leonard Rose, cello _ Paris, 1970):

“Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca” by Ludwig van Beethoven (Piano: Wilhelm Kempff, Violin: Henryk Szeryng, Cello: Pierre Fournier):

“Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca” by Ludwig van Beethoven (Menuhin, Rostropovich, Kempff _ Part of the concert on the occasion of the 25th anniversary of UNESCO International Music Council in January 1974):

“Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca” by Ludwig van Beethoven (Leonid Kogan, Mstislav Rostropovich, Emil Gilels _ Studio recording, Moscow, 1956):

“Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca” by Ludwig van Beethoven (Alfred Cortot, piano – Jacques Thibaud, violin – Pablo Casals, cello):

“Trio in si bemolle maggiore, op. 97 Arciduca” by Ludwig van Beethoven (Pinchas Zukerman, Jacqueline du Pré, Daniel Barenboim _ 1970):

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per Amici della Musica di Firenze Rudolf Buchbinder 27 Ottobre 2018

All’ Accademia Santa Cecilia Concorso per SECONDO CORNO Settembre 2018