in , , ,

Aglio, olio e peperoncino al profumo d’ arancia

“La Pasta dei Poveri”

A,O,P,A

E’ un’ ottima ricetta dell’ ultimo minuto se viene gustata soli o in compagnia di amici, meravigliosa a mezzanotte.

La ricetta, di origine napoletana (anche se taluni sostengono di derivazione romana), è sostanzialmente una rivisitazione in chiave povera degli spaghetti alle vongole.

Quella che viene ora presentata è una classica aglio, olio e peperoncino ma, una volta fatto il nido di pasta nel piatto, si spolvera poco pane grattugiato precedentemente abbrustolito in padella e della scorza di arancia.

Perché l’ arancia? La freschezza della buccia di questo meraviglioso frutto è in grado di smorzare il piccante della capsaicina e lasciare freschezza in bocca.

All’ opera…

INGREDIENTI:

– linguine (120 g a testa? E’ così buona…)

– Aglio

– Olio

– Peperoncino secco

– Pane grattugiato

– Scorza d’ arancia

PROCEDIMENTO:

Far imbiondire, a fuoco medio, 2 spicchi d’ aglio in 4 cucchiai d’ olio e aggiungere il peperoncino secco (o fresco) a pezzetti.

Buttate la pasta e fatela cuocere in abbondante acqua salata.

Aggiungete qualche cucchiaio d’ acqua di cottura della pasta nella padella del condimento (allontanate la padella dal fuoco per un minuto così da evitare che l’ olio schizzi) per emulsionare l’ olio e renderlo più fluido.

Scolate la pasta quando è molto al dente (se la pasta ha un tempo di cottura di 10 minuti scolatela a 5 minuti, quando comincia leggermente a piegarsi) e mettetela nella padella dove avete il condimento pronto.

Ora viene la parte più bella. Continuate a lavorare/mescolare e risottare la pasta aggiungendo pian piano acqua di cottura.

Per quale motivo si procede in questo modo? Così facendo gli amidi che la pasta rilascia nella padella del condimento creano la “cremina” che permette di dare viscosità al piatto altrimenti si rischia di avere una pasta asciutta ma grondante d’ olio.

Una volta che la pasta ha raggiunto la cottura al dente, servirla facendo il classico nido nel piatto e spolverate sopra del pane grattugiato precedentemente abbrustolito in una padella e della scorza di arancia fresca.

Buon appetito!

Tempo di preparazione: quello dell’ amicizia

Costo: estremamente basso, ricordatevi che è un piatto povero.

 

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sol Gabetta: eleganza, energia, virtuosismo, fascino

Henryk Wieniawski: Concerto per Violino No. 2