in , , ,

Al Maggio Musicale Fiorentino Mehta e Schiff per Brahms Piano concerto 2

«Sto scrivendo un piccolo concerto per pianoforte con un piccolo scherzo molto grazioso. È in si bemolle; e benché questa sia un’ottima tonalità, temo di averla utilizzata troppo spesso», Johannes Brahms

Maggio Musicale Fiorentino, Stagione 2017 – 2018

 

Scritta come saggio per il diploma di composizione, la prima sinfonia rese popolare l’allora diciannovenne Dmitrij Šostakovič. Lontana dagli accademismi ottocenteschi, il brano è ricco di dissonanze, ritmica ossessiva e strumentazione originale, tratti tipici del compositore nei suoi successivi lavori. Il concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Johannes Brahms è considerato tra i più tecnicamente difficili del repertorio concertistico: Sir András Schiff è chiamato a passaggi virtuosistici in un dialogo continuo con l’ Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Zubin Mehta.

 

Dmitrij Šostakovič, Sinfonia n. 1 in fa minore, op. 10

… … …

Johannes Brahms, Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83

 

QUANDO

Giovedì 28 Giugno 2018, ore 20.00

 

DOVE: Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
Piazzale Vittorio Gui, 1
50144 Firenze (FI)

 

INTERPRETI:

Direttore, Zubin Mehta

Pianoforte, Sir András Schiff

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Platea 1 al costo di € 80,00

Platea 2 al costo di € 60,00

Platea 3 al costo di € 50,00

Platea 4 al costo di € 40,00

Palchi al costo di € 30,00

Galleria al costo di € 20,00

 

Maggio Musicale Fiorentino: Zubin Mehta

 

se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e consegna dei biglietti scrivendo a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Zubin Mehta

Zubin-Mehta-1-foto-Simone-Donati

Zubin Mehta, nato nel 1936 a Bombay, studia dapprima con il padre Mehli Mehta (fondatore della Bombay Symphony Orchestra). Nel 1954 dopo un breve periodo di studi di medicina parte per Vienna per seguire i corsi di direzione d’ orchestra di Hans Swarowsky all’ Akademie für Musik. Nel 1958 vince il Concorso Internazionale di Liverpool e la Koussevitsky Competition a Tanglewood; dal 1961 inizia la sua collaborazione con i Wiener e i Berliner Philharmoniker e con la Israel Philharmonic Orchestra, di cui è nominato Direttore musicale nel 1977 e Direttore musicale a vita nel 1981.

Zubin Mehta ha diretto più di duecento concerti e tour con straordinari ensemble attraverso i cinque continenti.

Dal 1978, e per 13 anni, è Direttore musicale della New York Philharmonic, il più lungo nella storia dell’ orchestra. Dopo il debutto operistico con Tosca a Montréal nel 1964, dirige importanti produzioni al Metropolitan, alla Staatsoper di Vienna, al Covent Garden, alla Scala, all’ Opera di Chicago, al Festival di Salisburgo nonché al Maggio Musicale Fiorentino con cui instaura uno speciale rapporto: ne è infatti Direttore principale dal 1985 e, dal 2006, Direttore onorario a vita. Responsabile artistico dell’edizione 1986 del Festival fiorentino, oltre a essere impegnato in numerose produzioni sinfoniche e operistiche, guida l’Orchestra ed il Coro del Maggio in frequenti tournées internazionali e in prestigiose incisioni discografiche.

Dal 1998 al 2006 è Direttore musicale della Bayerische Staatsoper, dove dirige oltre 400 rappresentazioni e tournées in Europa e Giappone.

Fra le numerose onorificenze, il Nikisch-Ring, le cittadinanze di Firenze e Tel Aviv e la nomina a membro onorario della Staatsoper di Vienna.

Nel 1999 le Nazioni Unite gli conferiscono il “Lifetime Achievement Peace and Tolerance Award“.

È nominato Direttore onorario dei Wiener Philharmoniker nel 2001, dei Münchner Philharmoniker nel 2004, della Los Angeles Philharmonic e della Bayerische Staatsoper nel 2006.

Nel 2011 il suo nome è inscritto sulla Walk of Fame a Los Angeles e riceve i premi Furtwängler e Echo Klassik, mentre nel 2012 è insignito da Shimon Peres della Israel Medal of Distinction.

… … …

 

András Schiff…

Andras_Schiff_01_940x440

András Schiff è nato a Budapest, Ungheria, nel 1953 ed ha iniziato a prendere lezioni di pianoforte all’ età di cinque anni sotto la guida di Elisabeth Vadász. Successivamente ha continuato il suo percorso di studi presso l’ Accademia “Ferenc Liszt” con i professori Pál Kadosa, György Kurtág e Ferenc Rados, e a Londra con il maestro George Malcolm.

Recital ed esecuzioni di straordinari cicli, fra cui i capolavori per pianoforte di J.S. Bach, Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert, Chopin, Schumann e Bartók costituiscono una parte importante delle sue attività. Tra il 2004 e il 2009, ha eseguito il ciclo completo delle 32 Sonate per pianoforte di Beethoven in 20 città in tutti gli Stati Uniti e in Europa, un progetto registrato dal vivo presso la Tonhalle di Zurigo e distribuito in otto volumi da ECM New Series.

La Carnegie Hall lo ha designato come uno dei suoi prestigiosi artisti Perspectives.

András Schiff ha collaborato con orchestre internazionali e direttori d’ orchestra fra i più prestigiosi, ma attualmente si esibisce di preferenza come direttore e solista. Nel 1999, Schiff ha creato una sua orchestra da camera, la Cappella Andrea Barca, composta da solisti internazionali, musicisti da camera e amici intimi. Oltre a lavorare annualmente con questa orchestra, co-opera anche ogni anno con la Philharmonia Orchestra di Londra e l’Orchestra da camera di Europa.

Fin da bambino, András Schiff ha avuto sempre piacere di eseguire musica da camera e dal 1989 fino al 1998 è stato direttore artistico del festival di musica da camera “Musiktage Mondsee”, nei pressi di Salisburgo, con riconoscimenti di eccellenza a livello internazionale.

Nel 1995, insieme a Heinz Holliger, ha fondato gli “Ittinger Pfingstkonzerte” in Kartause Ittingen, in Svizzera. Nel 1998, il maestro Schiff ha iniziato una serie simile, dal titolo “Omaggio a Palladio”, al Teatro Olimpico di Vicenza. Dal 2004 al 2007 è stato Artist in residence del Kunstfest Weimar. Nella stagione 2007-2008 è stato Pianist in residence della Filarmonica di Berlino.

András Schiff ha prodotto una copiosa discografia, tra cui registrazioni per la London / Decca (1981-1994), Teldec (1994-1997) e, dal 1997, per la ECM New Series. Le registrazioni per la ECM includono l’intera musica per pianoforte solista di Beethoven e di Janácek, un disco come solista di brani per pianoforte di Schumann, le Partite di Bach e la sua seconda registrazione delle Variazioni Goldberg di Bach. Per le sue registrazioni, ha ricevuto diversi premi internazionali, tra cui due Grammy Awards come “miglior solista strumentale classico (senza orchestra)” per le Suites inglesi di Bach, e come la “migliore registrazione vocale” per Schwanengesang di Schubert con il tenore Peter Schreier, e nel 2007, in occasione del 49.esimo Annual Grammy Awards, è stato premiato per il “miglior album classico (senza orchestra)” per il secondo volume della sua serie completa di Sonate di Beethoven registrata per la ECM. 

András Schiff ha ricevuto numerosi premi internazionali: il Premio Schumann 2011 assegnatogli dalla città di Zwickau. Nel 2006 è divenuto membro onorario della “Casa Beethoven” a Bonn, in riconoscimento delle sue interpretazioni delle opere di Beethoven; nel 2007 ha ricevuto il prestigioso premio italiano, il “Premio della critica musicale Franco Abbiati”, conferitogli per il suo ciclo di sonate per pianoforte di Beethoven. Sempre nel 2007, ha ricevuto “The Royal Academy of Music Bach Prize”, promosso dalla Fondazione Kohn – un premio annuale per un artista o uno studioso che ha dato uno straordinario contributo con le esecuzioni e/o lo studio scientifico delle opere di Johann Sebastian Bach; nel 2008, ha ricevuto la “Wigmore Hall Medal” in apprezzamento di 30 anni di esibizioni alla Wigmore Hall. Nel 2009 gli è stato conferito il “Klavier-Festival Ruhr Premio” per gli straordinari successi pianistici e per onorare il lavoro di tutta una vita come pianista.

Nel 2006, András Schiff e le edizioni musicali G. Henle hanno dato inizio ad un importante progetto editoriale su opere di Mozart pubblicando l’edizione completa dei Concerti per pianoforte di Mozart nella loro versione originale, a cui Schiff sta contribuendo per le sezioni pianistiche, le diteggiature e le cadenze, quando le cadenze originali sono mancanti. Nel 2007, entrambi i volumi del “Clavicembalo ben temperato” sono stati editi nel testo originale di Henle, con diteggiature di Schiff.

András Schiff è stato nominato Professore Onorario dalle Scuole di Musica di Budapest, Detmold e Monaco di Baviera e membro speciale aggiunto del Balliol College (Oxford, Gran Bretagna). Nel 2001, il maestro Schiff ha conseguito la cittadinanza britannica, risiede a Firenze e a Londra.

 

PER CONOSCERE IL MUSICISTA…

 

“F. Schubert Piano Sonatas D 279, 625, 960”:

“Beethoven Piano Concerto in C major”:


“Bach, Variaciones Goldberg BWV 988”:

“Andras Schiff: The Lectures about Beethoven Sonatas – Wigmore Hall from 2004, 6”:

… … …

NOTE DI PROGRAMMA E ASCOLTI…

 

“Sinfonia n. 1 in fa minore, op. 10” by Dmitrij Šostakovič (Gennady Rozhdestvensky):

“Sinfonia n. 1 in fa minore, op. 10” by Dmitrij Šostakovič (London Philharmonic Orchestra, Kurt Masur):

“Sinfonia n. 1 in fa minore, op. 10” by Dmitrij Šostakovič (hr-Sinfonieorchester (Frankfurt Radio Symphony Orchestra), Paavo Järvi):

“Sinfonia n. 1 in fa minore, op. 10” by Dmitrij Šostakovič (Kirill Kondrashin):

“Sinfonia n. 1 in fa minore, op. 10” by Dmitrij Šostakovič (VALERY GERGIEV & LONDON SYMPHONY ORCHESTRA):

… … …

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Wilhelm Backhaus, Wiener Philharmoniker, Carl Schuricht):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Krystian Zimerman and Leonard Bernstein):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Arthur Rubinstein, Orchestra Sinfonica di Torino della RAI, André Cluytens):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Christian Thielemann, Staatskapelle Dresden Orchestra, Maurizio Pollini):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Arthur Rubinstein, Bernard Haitink):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Daniel Barenboim, Rafael Kubelik):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Emanuel Ax, Chamber Orchestra of Europe, Bernard Haitink):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Emil Gilels, Chicago Symphony Orchestra, Fritz Reiner):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Sviatoslav Richter, Lorin Maazel, Orchestre De Paris):

“Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83” by Johannes Brahms (Maurizio Pollini, Claudio Abbado, Wiener Philharmoniker Orchester):

… … …

 
 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per La Verdi Ciclo Brahms VI Domenico Nordio e Nazzareno Carusi

Al Teatro Verdi di Trieste LA TRAVIATA Giugno 2018