in , , ,

Al Teatro alla Scala I Virtuosi del Teatro alla Scala 8 Ottobre

Laura Marzadori, Francesco De Angelis, Alfredo Persichilli, Sandro Laffranchini e I Virtuosi della Scala

Teatro alla Scala e i Concerti per i Bambini, Stagione 2016 – 2017

 

Un Concerto a prezzi Straordinari: al costo simbolico di 1,00 € al biglietto per tutti gli Under 18 (solamente esibendo il documento di identità) in tutto in Teatro.  E per gli Over 18? Palchi e Platea a 18,00 € e 6,00 € – 12,00 € per la galleria!

Un’ occasione unica per avvicinare i piccoli, e non solo, alla Musica Colta ascoltando un programma di grande interesse eseguito da meravigliosi musicisti, prime parti dell’ orchestra della Scala, con la partecipazione straordinaria dell’ attore Michele Nani:

 

Antonio Vivaldi, Concerto in la minore per due violini e orchestra

… … …

Antonio Vivaldi, Concerto in sol minore per due violoncelli e orchestra

… … …

Antonio Vivaldi, Concerto in la maggiore RV 158 per archi

 

QUANDO:

Domenica 8 Ottobre 2017, ore 15.00

 

DOVE: TEATRO ALLA SCALA
Via Filodrammatici, 2
20121 Milano (MI)

 

INTERPRETI:

Violini solisti, Laura MarzadoriFrancesco De Angelis

Violoncelli solisti, Alfredo Persichilli e Sandro Laffranchini

Con la partecipazione di Michele Nani

I VIRTUOSI DEL TEATRO ALLA SCALA

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Platea al costo di 18,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 €

Palchi, prima fila (e seconda fila nei palchi centrali) al costo di 18,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 € 

Palchi, seconda fila laterale (e terza fila nei palchi centrali) al costo di 12,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 €

Prima Galleria, prima fila centrale al costo di 12,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 €

Prima Galleria, prima fila semi-centrale; Seconda Galleria prima fila centrale al costo di 12,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 €

Prima Galleria, prima fila laterale; Seconda Galleria, prima fila semi-centrale al costo di 12,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 €

Prima Galleria, seconda fila centrale e semi-centrale al costo di 12,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 €

Loggione (terza fila di prima galleria, seconda fila centrale di seconda galleria, terza e quarta fila di seconda galleria) al costo di 6,00 €; per gli under 18 al costo di 1,00 €

 

Teatro alla Scala: I Virtuosi del Teatro alla Scala

 

oppure, se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

 … … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Laura Marzadori…

Laura Marzadori (Bologna 1989) vince a soli 25 anni, con giudizio unanime della commissione presieduta da Daniel Barenboim, il concorso internazionale per primo violino di spalla dell’ Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e dopo sei mesi, passato un impegnativo periodo di prova, ricopre ufficialmente questo prestigioso ruolo che, in pochi mesi, le ha già dato la possibilità di lavorare a fianco dei più grandi direttori al mondo: Daniel Barenboim, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Daniel Harding, Zubin Mehta e Antonio Pappano.

Si è imposta giovanissima all’ attenzione del pubblico e della critica conquistando i massimi riconoscimenti in numerosi concorsi tra i quali la Rassegna “Andrea Amati” di Cremona (presidente di giuria Salvatore Accardo), il Premio Nazionale delle Arti (presidente di giuria Uto Ughi), il Concorso Internazionale Postacchini dove ha ricevuto anche il premio speciale per la migliore esecuzione dei capricci di Paganini e vincendo a soli 16 anni il più importante concorso violinistico nazionale: il Premio “Città di Vittorio Veneto”. In quell’ occasione si è aggiudicata anche il premio Gulli per la migliore esecuzione di Mozart.

Nel 2011 e 2012 è risultata finalista premiata al Concorso Internazionale di Violino di Sion e al Concorso Internazionale di Buenos Aires, presidente di giuria Shlomo Mintz.

Nel 2013, col Trio AMAR, di cui fa parte insieme a Leonora (pianoforte) e Ludovico Armellini (violoncello), ha ricevuto dal board dell’Associazione Nazionale Critici Musicali, presieduto da Angelo Foletto, il “XXXII Premio Abbiati” dedicato a “Piero Farulli”.

Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’ estero (Stati Uniti, Spagna, Austria, Repubblica Ceca, Ucraina, Germania, Svizzera, Uruguay, Teatro Coliseum di Buenos Aires, Konser Salonu di Instanbul e Auditorium Parco della Musica a Roma) collaborando con orchestre prestigiose: la Filarmonica Toscanini, l’Orchestra del Regio di Parma, l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra della RAI di Torino, l’Orchestra di S. Cecilia, l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano e I Cameristi della Scala.

A Dicembre 2013 il suo debutto come violino solista al Teatro alla Scala di Milano in Russian Seasons, partitura per orchestra d’archi, violino solista e voce femminile di Leonid Desyatnikov.

Appassionata di musica da camera, ha suonato in formazioni cameristiche con Salvatore Accardo, Pavel Berman, Rocco Filippini, Bruno Canino, Antonio Meneses, Antony Pay, Andrea Lucchesini e Bruno Giuranna e recentemente con diversi colleghi della Scala. Collabora anche con giovani musicisti e nel 2013 ha suonato in trio nei Concerti per il Quirinale trasmessi in diretta da RAI-Radio3.

Nel Febbraio 2010 ha eseguito in anteprima mondiale a New York il concerto per violino e orchestra in La magg. P. 49 di Ottorino Respighi, che ha inciso per NAXOS. Il CD, uscito a maggio 2011 negli Stati Uniti ed in Inghilterra, è stato accolto con favore dalla critica internazionale.

Nel 2012 Shlomo Mintz l’ha invitata a registrare due lezioni per la sua Online Music Academy e a fine anno è uscito per la Dynamic un DVD con una sua lezione all’Accademia Stauffer di Cremona con Salvatore Accardo. Sempre nel 2012, al Teatro Comunale di Ferrara con l’ Orchestra della Città di Ferrara diretta da Marco Zuccarini, ha eseguito, in anteprima italiana, il concerto per violino e orchestra in re maggiore op. 26 di Ermanno Wolf Ferrari, registrato dal vivo e inciso per la Tactus.

Ha iniziato a suonare il violino a quattro anni con Fiorenza Rosi, straordinaria insegnante di metodo Suzuki.

Diplomatasi con lode e menzione speciale al Conservatorio Martini di Bologna, ha studiato a lungo con Marco Fornaciari.

Si è perfezionata con Giuliano Carmignola e Pavel Berman e ha seguito a lungo i corsi di Salvatore Accardo all’ Accademia Stauffer di Cremona e alla Chigiana di Siena, dove ha ricevuto per due anni il Diploma d’Onore riservato ai migliori allievi. Continua a perfezionarsi con il prestigioso insegnante e violinista Zakhar Bron.

Suona il violino di G. B. Guadagnini, ex-Kleynenberg, del 1783 di proprietà della Fondazione Pro Canale.

Sito Ufficiale: http://www.lauramarzadori.it/

… … …

Francesco De Angelis…

Francesco De Angelis è violino solista e Konzertmeister del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala.

Si è imposto come uno dei musicisti di maggiore talento del panorama musicale internazionale, molto apprezzato dalla critica.

Le sue esecuzioni sono caratterizzate da un inconfondibile suono romantico che esprime il culto del bel canto, unito al rigore della grande tradizione strumentale mitteleuropea.

L’artista ha iniziato lo studio del violino a sei anni con Giovanni Leone, erede della grande scuola di Pablo Sarasate. Ha poi partecipato giovanissimo ad una delle piu’ importanti manifestazioni musicali italiane, la “Rassegna giovani violinisti” Città di Vittorio Veneto, vincendo il primo premio per tre volte negli anni 1982, 1984 e 1985.

Su suggerimento del solista Jean-Jacques Kantorow entra nella “Académie de Musique Tibor Varga” di Sion (Svizzera), dove inizia il perfezionamento seguito dal Maestro Tibor Varga.

A diciannove anni vince il posto di co-leader nell’orchestra del Teatro alla Scala.

Nel 1993 vince il 1° premio, assegnato all’unanimità, al 21° Concorso Nazionale di Violino, Città di Vittorio Veneto.

Nel 1995 vince l’audizione come primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro La Fenice a Venezia.

Nel 1998, al concorso internazionale per violino di spalla del Teatro alla Scala, viene scelto da Riccardo Muti a ricoprire il ruolo di Konzertmeister nell’Orchestra d’Opera e della Filarmonica della Scala.

Francesco De Angelis ha collaborato con i più grandi direttori d’orchestra, tra i quali: Daniel Barenboim, Gary Bertini, Semyon Bychkov, Riccardo Chailly, Myung-Whun Chung, Colin Davis, Rafael Frühbeck de Burgos, Charles Dutoit, Gianandrea Gavazzeni, Valery Gergiev, Carlo Maria Giulini, Paavo Jarvi, Lorin Maazel, Riccardo Muti, Georges Pretre, Gennady Rozhdestvensky, Wolfgang Sawallisch, Georg Solti, Jeffrey Tate e Yuri Temirkanov.

Ha partecipato al progetto in sostegno della pace “Vie dell’amicizia” del Ravenna Festival e ha suonato con la Filarmonica della Scala, sotto la direzione di Riccardo Muti, in alcune città simbolo: Sarajevo (luglio 1997), Beirut (luglio 1998), Gerusalemme (luglio 1999), New York a Ground Zero, nel primo anniversario della caduta delle Torri gemelle (settembre 2002) e a Damasco (luglio 2004).

Nel 2003 è stato invitato personalmente da Valery Gergiev a San Pietroburgo e a Mosca come unico rappresentante italiano nella “World Orchestra for Peace”.

Come solista ha suonato in alcune tra le più prestigiose sale da concerto del mondo, tra le quali Gasteig di Monaco di Baviera, Bachzaal di Amsterdam, Conservatorio di Parigi, Rockfeller Center e Guggenheim Museum a New York, Reiss-Engelhorn Museo di Mannheim. Si è esibito con l’Orchestra di Euskadi, la “Tibor Varga” Chamber Orchestra, l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra Filarmonica della Scala, sotto la direzione di Riccardo Muti. Nella stagione 2005-2006 della Filarmonica della Scala ha eseguito il Concerto di Glazunov in La min Op. 82 sotto la direzione di Semyon Bychkov, ottenendo uno straordinario successo di pubblico e il consenso della critica.

Altrettanto intensa è la sua attività nel campo della musica da camera con solisti di prestigio, tra i quali Enrico Dindo, Massimo Quarta, Jean-Jacques Kantorow, Tibor Varga e i Solisti dei Wiener Philarmoniker.

Francesco De Angelis si dedica anche all’insegnamento. E’ docente nell’ “Académie de Musique Tibor Varga” a Sion (Svizzera) e tiene masterclasses in Francia, Giappone, Italia e Svizzera.

L’artista suona il violino G.B. Guadagnini, Torino 1783 “Ex Kleynenberg”, concesso dalla Fondazione Pro Canale di Milano.

Sito Ufficiale: http://www.francescodeangelis.it/index.html

… … …

Alfredo Persichilli…

Primo violoncello del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala, Alfredo Persichilli si è diplomato con lode a diciassette anni al Conservatorio di Santa Cecilia sotto la guida di George Schultis, perfezionandosi con Franco Maggio Ormezowski presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e, successivamente, con Thomas Demenga alla Musik Akademie di Basilea, ottenendo il Solisten Diplom.

Nel 1995 ha vinto il “Premio Rahn” ed è stato invitato presso la Tonhalle di Zurigo eseguendo il Concerto per violoncello e orchestra di Schumann sotto la guida di Howard Griffith, suonando in tournée lo stesso concerto a Basilea, Lucerna, Bregenz, Neuchatel. Ha suonato in qualità di solista i più importanti concerti del repertorio violoncellistico.

Ha eseguito come solista i più importanti concerti del repertorio violoncellistico: il Concerto di Schumann alla Tonhalle di Zurigo, Basilea, Lucerna, il Concerto di Haydn a Budapest presso la Ferenc Liszt Academy con la Budapest String Orchestra, in diretta radiofonica; le Variazioni Rococò di Čaikovskij a Basilea e con la Filarmonica di Kiev, il Concerto di DvoČák a Roma, il Doppio Concerto per violino e violoncello di Brahms a Roma, Zurigo e Rostov (Russia), dove ha tenuto anche una masterclass sulle Suites di Bach al Conservatorio Rachmaninov.

E’ stato invitato a eseguire le Suites di Bach e di Reger ai “Bach-Reger Tage” di Eisenach. Ha registrato l’integrale dei trii per archi di Schubert e Webern insieme a quelli di Schiinberg, Petrassi e Reger.

E’ stato interprete di numerose composizioni contemporanee, classiche e d’avanguardia (Petrassi, Sciarrino, Lombardi, Boccadoro, Holliger, Giovanni Sollima). Tra queste, alcune sono state espressamente dedicate a lui: Le quattro maschere di Dioniso per violoncello e orchestra di Carlo Galante (prima esecuzione assoluta con i Virtuosi della Scala), il Trio per archi di Rudolf Kelterborn, il Concerto per violoncello e orchestra di Wolfgang Marschner.

Insieme al Beethoven Quartett, ha eseguito a Dresda e nelle principali città della Germania il ciclo degli ultimi quartetti per archi di Beethoven. Suona regolarmente nelle più importanti società concertistiche collaborando con musicisti quali Andràs Schiff, Anne Sophie Mut­ter, Miklos Pereniy, Heinz Holliger, Wolfram Christ, Bruno Giuranna.

… … …

Sandro Laffranchini…

Discendente da una famiglia di musicisti di scuola bresciana da tre generazioni, inizia lo studio del violoncello a sei anni, sotto la guida del padre, (primo violoncello della Scala dal 1969 al 2005 e caso tuttora unico nella storia del Teatro alla Scala, diventa anch’ egli collega di suo padre dal 2000), proseguendo gli studi al Conservatorio di Milano, con Maria Leali, dove si diploma nel 1993, con lode e menzione d’onore.

Si perfeziona alla Fondazione Romanini di Brescia con M. Brunello, alla Stauffer di Cremona con R. Filippini, per terminare il proprio iter alla Hochschule di Basilea, con T. Demenga, nel 1999.

Premiato nei principali concorsi internazionali italiani (concorso Stradivari, Rotary, Pinerolo, Stresa) ha intrapreso precocemente una brillante carriera come primo violoncello, dapprima come vincitore di concorso all’ Accademia di Santa Cecilia a Roma, nel 1998, poi a Milano, dopo aver vinto nel 1999, primo assoluto, il concorso di Primo violoncello del teatro e della Filarmonica alla Scala, ruolo che ricopre tuttora.

Dal 2003 è anche primo violoncello della World Orchestra for Peace, direttore M° V. Gergiev, con la quale ha effettuato tournees nelle sale più prestigiose a livello mondiale, suonando fra l’altro il celebre assolo del Guglielmo Tell di Rossini, per i BBC proms alla Royal Albert Hall di Londra.

Nel 2007 è stato primo violoncello ospite della London Symphony Orchestra. Con lo stesso ruolo ha collaborato anche con l orchestra dell Opera di Zurigo. Come solista ha suonato con le orchestre: Filarmonica Italiana, Aosta, Umbria e Siciliana, Osaka Simphony, Siberian Simphony di Krasnoyarsk, e con le orchestra da camera della Scala (Archi, Virtuosi e Cameristi).

Ha all’ attivo diverse incisioni discografiche con l’ Altus Trio, formato dal violinista Klaidi Sahatchi e dal pianista Andrea Rebaudengo, tra le quali si segnalano i trii di Schumann, Donizetti e Bernstein.

Dal 2011 ha assunto anche l’ incarico di coordinatore artistico dell’ Ensemble del Teatro Grande di Brescia, ensemble che va dal duo al sestetto, che ha una regolare stagione di concerti in residenza al Teatro grande di Brescia.

Per la casa discografica Limenmusic ha pubblicato nel 2015 le Suites di Bach in cd e dvd.

Nel ruolo inedito di compositore per il suo strumento, ha inciso un cd “metallo armonico”, in collaborazione con artisti scultori.

Insegna all’ Accademia della Scala e tiene master classes. Suona un violoncello Carlo antonio Testore del 1730, suo compagno preferito per le doti strumentali di voce grave e dolce allo stesso tempo, ed un F. Ruggieri 1692, della Fondazione Pro Canale.

Appassionato di automobili, di sè dice che i colleghi gli chiedono più spesso consigli per l’acquisto sull’ auto che sulle arcate.

… … …

Michele Nani…

Michele-Nani-2

Nato a Perugia, Michele Nani frequenta e si diploma presso la scuola del Piccolo Teatro di Milano.

Nel 1993, a ventun anni comincia il suo percorso professionale con Strehler che lo vuole in Madre Coraggio di Sarajevo, Lux in tenebris, La grande magia e Il Temporale.

Nel giugno del 1996 collabora con André Ruth Shammah in La cerca del Graal al Castello Sforzesco di Milano.

Dopo una partecipazione estiva al festival di Spoleto nel 1997 ne L’agnello del povero, per la regia di Franco Però, incontra Luca Ronconi che lo chiama a interpretare vari suoi spettacoli allestiti tra Perugia (Teatro Stabile dell’Umbria) e il Piccolo Teatro di Milano, tra cui: Memorie di una cameriera, Il sogno, Quel che sapeva Maisie, Peccato che fosse puttana, Le baccanti, Le rane e Il professor Bernhardi, e nel maggio 2013 per interpretare Ippolito in Pornografia.

Tra il 1999 e 2013 lavora inoltre con Gigi Proietti in Socrate, con Giuseppe Manzari in Gorgo di terra, con Giorgio Diritti in La zattera di Vesalio, con Nicola Russo in Storia di Ermengarda al Teatro di Roma e Leonce e Lena al Franco Parenti di Milano, con Stefano Alleva in In alto mare allo Spoleto Festival. Con Roberto Valerio ne Il vantone di Pasolini.

Nel 2010 entra a far parte della compagnia Horowitz con cui debutta in Suite Horowitz al festival di Caserta. Nel novembre 2010 per tre stagioni, è nella compagnia del Teatro Di Roma ed Ert Di Modena nell’allestimento di La resistibile ascesa di Arturo Ui, con Umberto Orsini. In giugno e Luglio del 2011 in A piedi nudi nel parco per lo Spoleto Festival. Successivamente è Treti in 456 di Mattia Torre al teatro Eliseo di Roma.

Prende parte anche a numerosi film per il cinema e fiction per la tv, con la regia di Pupi Avati, Carlo Carlei, Alberto Sironi, Carlo Lizzani, Giacomo Campiotti, Davide Ferrario, Michele Soavi, Carmine Lia, Francesco Patierno, Roberto Burchielli, Enrico Coletti, Ludovico Gasparini, Massimo Venier, Dominik Tambasco.

… … …

ASCOLTI DI PROGRAMMA

 

“Concerto in la minore per due violini e orchestra” by Antonio Vivaldi (David and Igor Oistrakh, 1961):

“Concerto in la minore per due violini e orchestra” by Antonio Vivaldi (Salvatore Quaranta e Roberto Nigro, I Cameristi della Scala _ Salone del Tiepolo di Palazzo Clerici a Milano il 21 ottobre 2011):

… … …

“Concerto in sol minore per due violoncelli e orchestra” by Antonio Vivaldi (Maud & Paul Tortelier, cello – London Mozart Players – Philip Ledger, conductor):

… … …

“Concerto in la maggiore RV 158 per archi” by Antonio Vivaldi (Claudio Scimone: I Solisti Veneti):

… … …

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al Teatro Regio di Parma la MESSA DA REQUIEM per il Festival Verdi

Alla Sinfonica Abruzzese Concorso Nazionale per Concertino delle Viole 2017