in , , ,

Al Teatro Comunale di Bologna Svetlana Zakharova Ottobre 2019

“La danza, per me, è un progetto in divenire”
Svetlana Zakharova

Stagione Teatro Comunale di Bologna 2018 – 2019

 

Svetlana Zakharova è riconosciuta come una delle più grandi ballerine al mondo. Già prima ballerina del Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, è prima ballerina del Teatro Bol’šoj di Mosca ed étoile del Teatro alla Scala. A partire dal 2001 ha riscosso fama internazionale divenendo regolare ospite dei più prestigiosi teatri. Pur mantenendo le proprie radici nel repertorio e nella tecnica classica, Svetlana Zakharova continua a espandere il suo repertorio in programmi e brani contemporanei e a fianco di nuovi coreografi.

Il programma dello spettacolo, dal titolo Amore, prevede tre balletti di coreografi contemporanei. Un trittico composto da Francesca da Rimini di Yuri Possokhov, Rain Before it Falls di Patrick De Bana e Strokes through the Tail di Marguerite Donlon. La sola Marguerite Donlon è però sembrata voler osare qualcosa di nuovo mostrando un ritratto di Svetlana Zakharova meno diva e più spiritosa riuscendo perfettamente nell’ intento. A interpretare ognuno di questi capolavori, naturalmente insieme a Svetlana Zakharova, sono Mikhail Lobukhin, Denis Rodkin, lo stesso de Bana e i Solisti del Balletto Bol’šoj di Mosca:

 

Francesca da Rimini

Coreografia, Yuri Possokhov
Musica, Pëtr Il’ič Čajkovskij
Scene, Maija Tregubova
Costumi, Igor’ Čapurin
Luci, Sergej Ševčenko

… … …

Rain Before it Falls

Coreografia, Patrick De Bana
Musica, George Frederick Händel, Ottorino Respighi e Carlos Pino-Quintana
Libretto, Jean Francois Vazelle
Costumi, Stephanie Baeuerle
Luci, James Engot
Ciò che sperava di trovare, era solo un sogno, un’illusione, una chimera: come la pioggia prima che cada.

… … …

Strokes through the tails

Coreografia, Marguerite Donlon
Musica, Wolfgang Amadeus Mozart
Costumi, Igor’ Čapurin
Luci, Andrej Abramov

 

QUANDO

Lunedì 14 Ottobre 2019, ore 20.30

Martedì 15 Ottobre 2019, ore 20.30

 

DOVE: Teatro Comunale di Bologna
Largo Respighi, 1

40126 Bologna (BO)

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

PLATEA INTERO al costo di € 100,00; UNDER30 al costo di € 50,00

PALCO CENTRALE I – II ORD. disponibile INTERO al costo di € 100,00; UNDER30 al costo di € 50,00

PALCO LATERALE I – II ORD. disponibile INTERO al costo di € 80,00; UNDER30 al costo di € 40,00

PALCO CENTRALE III – IV ORD. disponibile INTERO al costo di € 80,00; UNDER30 al costo di € 40,00

PALCO LATERALE III – IV ORD. disponibile INTERO al costo di € 50,00; UNDER30 al costo di € 25,00

 

Teatro Comunale di Bologna: Amore

 

se non sapete come fare e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti scrivendo a mara.grisoni@gmail.com o telefonando al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Amore Svetlana Zakharova1

Francesca da Rimini

La storia di Francesca da Rimini è molto accattivante per un coreografo come Yuri Possokhov, incline alle storie drammatiche e romantiche, il coreografo definisce la partitura di Cajkovskij come la più romantica della storia, con un finale da “apocalisse”.
La trama rimanda alla celeberrimo Canto V dell’Inferno di Dante Alighieri, dove si racconta la travagliata e “vorticosa” (vista anche l’immagine della pena da scontare) disavventura degli amanti clandestini Paolo e Francesca. Francesca è sposata con Gianciotto Malatesta di Rimini (che secondo la leggenda era piuttosto brutto e con la gobba), si innamora del fratello più giovane, il bel Paolo. Leggendo insieme la storia di Lancillotto e Ginevra, Francesca e Paolo cedono alla passione e vengono scoperti dal marito che li uccide entrambi e trascorrono la vita ultraterrena nel secondo cerchio dell’Inferno riservato ai lussuriosi.

Da qui il musicista russo trasse ispirazione nel 1876 per comporne la fantasia sinfonica.

Rain Before it Falls

La seconda opera è del coreografo germanico-nigeriano Patrick de Bana, allievo dell’ Hamburg Ballet nonché componente del Béjart Ballet Lausanne nel 1987. Rain Before it Falls scava nel profondo dell’ essere umano, cavalcando prepotentemente sulle note di Georg Friedrich Händel, Ottorino Respighi e Carlos Pino-Quintana.

Penso a Marilyn Monroe; penso a Marlene Dietrich; penso a Maria Callas e Romy Schneider. Bellissime, talentuose, famose; ma sole. Terribilmente, disperatamente sole. In questa condizione la solitudine diventa la compagna di ogni momento e ciò che ti ritrovi a fronteggiare: questo è l’Amore Assoluto. Come una droga, che inganna le menti fino a quando esse non inventano una ragione per vivere ancora; una chimera. E poi ci sono persone dalla vita ordinaria il cui destino cambia in un istante; un terremoto, lo schianto di un aereo… Famosi o anonimi siamo uguali di fronte al vuoto abissale che rifiutiamo, con cui ci ribelliamo nella violenza della disperazione. Il Fato non suole piangere: torniamo dunque alle nostre chimere e viviamo, se ci è ancora possibile. (J.-F. Vazelle).

Strokes through the tails

Marguerite Donlon trova ispirazione nella Sinfonia N°40 di Mozart e nelle personalità dei danzatori per una creazione che unisce danze virtuose e un piacevole tocco di irriverenza. Incuriosita dalla tecnica di notazione musicale di Mozart, Marguerite Donlon crea una coreografia in cui i danzatori incarnano la struttura di tale notazione rivelando il genio e l’umorismo del compositore.

Incuriosita dalla tecnica di notazione musicale di Mozart, la Donlon creò questa coreografia nel 2005 per la Hubbard Street Dance Company di Chicago con la Chicago Symphony Orchestra diretta da Pinchas Zukerman

… … …

 

Svetlana Zakharova…

Svetlana Zakharova

Etoile del Balletto del Teatro Bol’šoj di Mosca e del Balletto del Teatro alla Scala di Milano, Svetlana Zakharova è indubbiamente una delle più grandi ballerine classiche attualmente in carriera. In Italia come in Russia è amatissima, addirittura idolatrata. E’ nata a Lutsk, in Ucraina, ha studiato presso l’ Istituto Coreografico di Kiev (classe di Valeria Sulegina). Ha continuato la sua formazione all’ Accademia Vaganova di San Pietroburgo dove è stata ammessa direttamente alla terza classe, quella del diploma (diretta da Elena Evteyeva, emerita ballerina del Balletto Mariinskij).

Nel 1996 entra a far parte del Balletto del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo e l’anno seguente viene nominata prima ballerina. Il suo vasto repertorio in questo Teatro include i ruoli principali dei seguenti balletti, tra i tanti: La Bella Addormentata, La Fontana di Bakhčisarai (nella versione di Rotislav Zakharov),Schiaccianoci, Le Corsaire, La Bayadère, Don Chisciotte, Shéhérazade, Romeo e Giulietta (nella versione di Leonid Lavronskij), Il Lago dei Cigni, Giselle, Les Sylphides, Le Poème de l’Extase (di Aleksej Ratmanskij), L’histoire de Manon (di Kennet MacMillan), Etude (di Harald Lander). Tra le creazioni di George Balanchine di cui è stata protagonista: Apollon Musagète, Serenade, Symphony in C, Jewels, Čajkovskij pas de deux. 

Nel 2003 entra a far parte del Balletto del Teatro Bol’šoj, è stata allieva di Ljudmila Semenjanka.

Il suo repertorio per il Teatro Bol’šoj include, tra i tanti, i ruoli principali nei balletti:Giselle (nella versione di Vladimir Vasiliev), La Fille du Pharaon (ricostruzione di Pierre Lacotte), nei balletti a firma di Jurij Grigorović: Il Lago dei Cigni, La Bella Addormentata, La Bayadère, Raymonda, Spartacus; Don Chisciotte (di A. Fadeečev), Symphony in C – Part II, Sogno di una Notte di Mezz’estate (di John Neumeier, ruolo di Ippolita e di Titania), Carmen Suite (di Alberto Alonso), Serenade(di George Balanchine).

Nel 2009 il coreografo Francesco Ventriglia ha creato per lei il balletto Zakharova Super Game.

Dal 1999 è regolarmente “guest artist” presso le più prestigiose compagnie di balletto del mondo, tra queste: New York City Ballet, Bayerisches Staatsballett, Teatro dell’Opera di Roma, Opéra di Parigi, Nuovo Teatro Nazionale di Tokyo, Teatro San Carlo di Napoli, American Ballet Theatre, Hamburg Ballet, Teatro alla Scala.

Dal 2007 Svetlana Zakharova ricopre il ruolo di ballerina étoile del Balletto del Teatro alla Scala di Milano.

Nella sua carriera ha ottenuto diversi premi e riconoscimenti:

1995 – 2° premio alla “Vaganova-Prix Young Dancers Competition” di San Pietroburgo

1997 – premio speciale “Our Hope” da parte di Baltika di San Pietroburgo

1999 e 2000 – “Golden Mask“ per Serenade e per La Bella addormentata

2001 – “People of Our City”, premio speciale della città di San Pietroburgo

2002 – premio da parte della rivista italiana Danza&Danza

2005 – “Benois de la danse” per Sogno di una notte di mezza estate e titolo di “Artista Emerita della Russia”

2007 – “Soul of Dance” da parte della rivista russa “Magazine” (“Queen of the Dance”)

2008 – titolo “Artista del Popolo della Russia”

2015 – “Benois de la danse”

 

“Rose adagio” Svetlana Zakharova from Sleeping beauty

“prove da LA BAYADÈRE”

“The Dying Swan” Svetlana Zakharova in Rose adagio from Sleeping beauty

Svetlana Zakharova in Revelation

ROBERTO BOLLE and Svetlana Zakharova from ‘Giselle’

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

A Ferrara Musica Jordi Savall Le Concert des Nations 16 Ottobre 2019

Ai Pomeriggi Musicali la Nona di Beethoven ottobre 2019