in , , ,

Al Teatro Massimo di Palermo Winter Journey di Ludovico Einaudi ottobre 2019

Non è stato facile, ho avuto momenti di crisi, di difficoltà, durante i quali sentivo di dover capire quale potesse essere la strada giusta per guadagnarmi da vivere con la musica. Sono stati anni di studio e preparazione professionale, non era affatto scontato che un giorno sarei riuscito ad arrivare dove sono arrivato”, Ludovico Einaudi

Winter Journey è un viaggio nell’ inverno desolato dell’ Europa di oggi, nella solitudine disperata di chi è costretto a lasciare il proprio paese per imbarcarsi alla volta di terre in cui mendicare una manciata di vita.

L’opera è fatta da frammenti che disvelano la profondità di un paesaggio interiore al cui centro si stagliano tre anime in fuga, o in attesa. I protagonisti sono un uomo, una donna, un bambino. Intorno a loro, un politico, e un coro di uomini e donne che enunciano le proprie ragioni per respingere o per accogliere gli stranieri.

Che la si definisca una storia d’amore tra un uomo e una donna, o tra un bambino e i suoi genitori, questa è una storia che va oltre i confini ordinari dell’amore. Perdita, dolore, solitudine, disperazione, ironia, sono le diverse intonazioni delle voci che vi si inseguono, in un colloquio tragico, che, a volte, assume il tono febbrile del desiderio, altre quello lirico e struggente dell’assenza.

 

IL CAST

Winter Journey

Un’ opera di Ludovico Einaudi / Colm Toibin / Roberto Andò
Musica di Ludovico Einaudi
Libretto Colm Tóibín

 

Direttore, Carlo Tenan

Ideazione drammaturgica e regia, Roberto Andò

Scene, costumi e luci, Gianni Carluccio

Post-produzione video, Luca Scarsella

… … …

Interpreti:

Orchestra e Coro del Teatro Massimo

Prima rappresentazione assoluta

Nuovo allestimento del Teatro Massimo in coproduzione con Teatro San Carlo di Napoli

 

QUANDO

Venerdì 4 Ottobre 2019, ore 20.30 Turno Prime

Sabato 5 Ottobre 2019, ore 16.30 Turno B – ore 21.30 Turno F

Domenica 6 Ottobre 2019, ore 17.30 Turno D

Martedì 8 Ottobre 2019, ore 18.30 Turno C

 

DOVE: Fondazione Teatro Massimo
Piazza Verdi

90138 Palermo (PA)

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Venerdì 4 Ottobre 2019, ore 20.30 Turno Prime

Settore 1 Intero al costo di € 137,50

Settore 2 Intero al costo di € 115,50

Settore 3 Intero al costo di € 99,00

Settore 4 Intero al costo di € 77,00

Settore 5 Intero al costo di € 66,00

Settore 6 Intero al costo di € 55,00

Settore 7 Intero al costo di € 38,50

Sabato 5 Ottobre 2019, ore 16.30 Turno B; Martedì 8 Ottobre 2019, ore 18.30 Turno C

Settore 1 Intero al costo di € 110,00; Settore 1 Ridotto Under 26 al costo di € 88,00

Settore 2 Intero al costo di € 93,50; Settore 2 Ridotto Under 26 al costo di € 74,80

Settore 3 Intero al costo di € 82,50; Settore 3 Ridotto Under 26 al costo di € 66,00

Settore 3 Intero al costo di € 60,50; Settore 3 Ridotto Under 26 al costo di € 48,40

Settore 5 Intero al costo di € 49,50; Settore 4 Ridotto Under 26 al costo di € 39,60

Settore 6 Intero al costo di € 44,00; Settore 5 Ridotto Under 26 al costo di € 35,20

Settore 7 Intero al costo di € 27,50; Settore 6 Ridotto Under 26 al costo di € 22,00

Domenica 6 Ottobre 2019, ore 17.30 Turno D

Settore 1 Intero al costo di € 121,00; Settore 1 Ridotto Under 26 al costo di € 96,80

Settore 2 Intero al costo di € 104,50; Settore 2 Ridotto Under 26 al costo di € 83,60

Settore 3 Intero al costo di € 88,00; Settore 3 Ridotto Under 26 al costo di € 70,40

Settore 4 Intero al costo di € 66,00; Settore 4 Ridotto Under 26 al costo di € 52,80

Settore 5 Intero al costo di € 55,00; Settore 5 Ridotto Under 26 al costo di € 44,00

Settore 6 Intero al costo di € 49,50; Settore 6 Ridotto Under 26 al costo di € 39,60

Settore 7 Intero al costo di € 33,00; Settore 7 Ridotto Under 26 al costo di € 26,40

Sabato 5 Ottobre 2019, ore 21.30 Turno F

Settore 1 Intero al costo di € 99,00; Settore 1 Ridotto Under 26 al costo di € 79,20

Settore 2 Intero al costo di € 82,50; Settore 2 Ridotto Under 26 al costo di € 66,00

Settore 3 Intero al costo di € 71,50; Settore 3 Ridotto Under 26 al costo di € 57,20

Settore 4 Intero al costo di € 55,00; Settore 4 Ridotto Under 26 al costo di € 44,00

Settore 5 Intero al costo di € 44,00; Settore 5 Ridotto Under 26 al costo di € 35,20

Settore 6 Intero al costo di € 39,60; Settore 6 Ridotto Under 26 al costo di € 31,90

Settore 7 Intero al costo di € 24,20; Settore 7 Ridotto Under 26 al costo di € 19,80

 

Teatro Massimo di Palermo: opera Winter Journey

 

se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti scrivendo a mara.grisoni@gmail.com o telefonando al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Ludovico Einaudi…

Ludovico Einaudi, nato a Torino il 23 novembre 1955, è un compositore e pianista italiano conosciuto e apprezzato nel mondo per i suoi concerti, le celebri colonne sonore e la sua carriera discografica.

Trasferitosi a Milano, si diploma in composizione al Conservatorio Verdi e si perfeziona sotto la guida del compositore Luciano Berio, suo indimenticato maestro a cui ha di recente reso omaggio con l’opera-tributo The Elements, prodotto dalla Fondazione Musica per Roma per la stagione di Contemporanea 2012 dell’Auditorium della Musica.

Musicista curioso e aperto a nuovi incontri e sperimentazioni, incrocia le avanguardie musicali e i suoni ancestrali alle melodie jazz, al rock e alla musica contemporanea non tralasciando particolari e inaspettate incursioni nell’elettronica e sperimentazioni anche nella musica etnica e nel pop.

Nel corso della sua carriera collabora con artisti provenienti da diverse estrazioni musicali tra cui: Ballakè Sissoko, Djivan Gasparijan, Mercan Dede, Robert e Ronald Lippok.

Le sue composizioni sono esempio di musica trasversale, rappresentano un ponte tra le melodie classiche e il pop; ne è un esempio il fatto che è stato l’unico artista di musica classica ad aver partecipato alla prima edizione dell’ Itunes Festival (nel 2007) accanto ai più popolari artisti e gruppi rock del mondo (tra i tanti Oasis, Placebo e Franz Ferdinand).

Alcuni brani tratti da Divenire e da Una Mattina sono ancora in classifica tra gli album più venduti dell’Itunes Music Store.

Una minuziosa ricerca di ispirazioni creative e numerose esperienze musicali segnano la sua carriera e il suo percorso artistico: “c’è qualcosa che viene dalla classica ma ho influenze di differenti musiche che ho sperimentato nella mia vita, da quella africana al folk e al rock”, ha dichiarato al The Telegraph in occasione delle celebrazioni per le Olimpiadi 2012, dove ha partecipato come unico musicista italiano esibendosi a Trafalgar Square al BT River of Music.

Al magnetismo del suo linguaggio semplice e originale caratterizzato da un tocco lieve e un suono avvolgente non è sicuramente facile sottrarsi. Nei suoi fortunati tour in giro per il mondo vede il “tutto esaurito” alla Royal Albert Hall di Londra (città in cui nel 2013 due concerti programmati al Barbican sono già sold out), nei più importanti palchi degli Stati Uniti (San Francisco, Washington, New York), in Canada (Montreal, Toronto), in Asia (Hanoi, Bangkok, Shanghai, Tokyo).

Lo strepitoso successo riscosso in Cina ha portato il National Center for Performing Arts di Pechino (NCPA), prestigiosa istituzione culturale cinese, a commissionargli una composizione dedicata ai temi ambientali che sarà eseguita dall’orchestra residente in prima mondiale a Pechino nel giugno 2013.

Il grande successo di Ludovico Einaudi inizia a fine anni Novanta, anni in cui si dedica a un’indagine approfondita sulla canzone strumentale.

Nel 1990 pubblica Stanze,16 composizioni interpretate dall’arpa elettrica di Cecilia Chailly e nel 1996 Le Onde, album della svolta in cui compone e interpreta un ciclo di ballate per pianoforte ispirato dall’omonimo romanzo di Virginia Woolf.

La ricerca e la sperimentazione musicale proseguono in Eden Roc (1999), con l’aggiunta di un quintetto d’archi e con la collaborazione del grande musicista armeno Djivan Gasparijan.

Gli anni Novanta segnalano inoltre l’esordio di Einaudi nel cinema; alcuni dei suoi brani sono stati scelti da Nanni Moretti per il film Aprile; seguono proficue e premiate collaborazioni a Fuori dal Mondo (Echo Klassik Preis) e Luce dei miei occhi (Italian Music Awards) di Giuseppe Piccioni, Dr Zhivago di Giacomo Campiotti (Gold Word Medal New York Film Festival), Sotto Falso Nome di Roberto Andò (Best Filmscore Avignon Festival) fino al più recente This is England dell’inglese Shane Meadows (Best British Film-Bafta 2008). Alcuni brani di Ludovico Einaudi sono nella colonna sonora (raccolta in un album già disco di platino) di Quasi amici – Intouchables di Éric Toledano e Olivier Nakache, film campione di incassi in Francia nel 2011.

Gli anni zero cominciano con la fase africana. Nel 2001 esce I Giorni, raccolta di brani per piano solo ispirata da un viaggio in Mali durante il quale Einaudi incontra il maestro della kora Toumani Diabate. In Mali ritornerà nel gennaio 2003 per partecipare alla terza edizione del Festival au Désert. Questa volta a riportarlo in Africa è Ballaké Sissoko, altro mostro sacro della kora, con il quale pubblica l’album Diario Mali.

Il 2003 è caratterizzato da puntuali “tutto esaurito” in Italia e all’estero, a cominciare dalla Gran Bretagna dove esce la raccolta dei suoi successi Echoes (The Einaudi Collection); a marzo 2003 è in cartellone alla Scala di Milano e registra il doppio live LaScala: Concert 03 03 03, che contiene i suoi brani più noti e un omaggio al rock con una versione di Lady Jane dei Rolling Stones.

Quando nell’autunno del 2004 pubblica Una mattina, primo album firmato con la Decca, il disco schizza al primo posto delle charts britanniche di musica classica.

Il 2006 è la volta di Divenire (Decca), registrato in Inghilterra con la Royal Liverpool Philarmonic Orchestra, album di grande successo di critica e di vendite (disco d’oro in Italia).

Da questo momento Einaudi inizia un tour europeo pressoché infinito e nel 2008 si esibisce per la prima volta anche negli Stati Uniti, in Giappone e in India.

Nel 2009 fonda il gruppo Whitetree con i tedeschi Robert e Ronald Lippok già membri dei To Rococo Rot con cui incide Cloudland.

Sempre nel 2009 con Nightbook, terzo lavoro su etichetta Decca, Ludovico Einaudi parte per un tour mondiale nei più importanti teatri, con l’obiettivo di portare le sonorità originali del disco ottenute amalgamando pianoforte, archi, percussioni ed elettronica al grande pubblico.

The Royal Albert Hall Concert (2010) è il doppio cd e dvd della performance del Nightbook Tour registrato nella storica sala da concerti londinese.

Il 2010 e nel 2011 lo portano in Puglia, a Melpignano, con il ruolo di Maestro Concertatore di due edizioni del festival La Notte della Taranta. Nel 2011 esce il live La Notte della Taranta 2010 con l’Orchestra della manifestazione e la partecipazione di Ballaké Sissoko, Savina Yannatou, Mercan Dede accompagnato dai Secret Tribe, Justin Adams e Juldeh Camara.

A novembre 2012 Ludovico Einaudi riceve dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il Premio Vittorio De Sica 2013 per il suo felice contributo alla musica per film. A gennaio 2013 esce l’album In a time lapse, subito dopo l’uscita di quest’ultimo il maestro affronta un tour mondiale. 

Nel suo fortunato giro sui palchi più importanti del mondo cominciato a febbraio 2013 con In a Time Lapse tour, il compositore ha visto il tutto esaurito ovunque: dall’Olympia di Parigi, al Barbican Theatre di Londra, dalla prestigiosa Opera House di Kiev, alla Berlin Philarmonie, fino agli Arcimboldi di Milano.

L’artista ha inoltre suonato negli Stati Uniti, Canada, Cina, Russia nei teatri più prestigiosi. Da Montreal a Toronto, da New York a San Francisco, passando per Los Angeles arrivando fino a Pechino.

A seguire l’acclamata partecipazione all’Itunes Festival di Londra come unico artista italiano, una serie di date in Russia dove ha registrato concerti sold out al Teatro Svetlanosky di Mosca, una al Kremlin Palace e uno alla Philarmonia di San Pietroburgo, I successi e le ottime recensioni continuano in Australia, dove Einaudi si è esibito per la prima volta nell’ ottobre 2012 per il Graphic Festival alla Sydney Opera House.

Sempre alla Opera house registra un altro tutto esaurito a distanza di soli 4 mesi. Da non dimenticare, a giugno 2015, la memorabile esibizione in Inghilterra, nella splendida cornice del Blenheim Palace per il Nocturne Live, per una data sold out con più di 11.000 persone presenti solo per lui.

Il tour si è concluso il 2 di agosto in uno degli scenari più meravigliosi e caratteristici d’Italia, il Teatro dell’Opera di Roma, alle Terme di Caracalla.

A due anni e mezzo di distanza da In a Time Lapse, Einaudi presenta Elements, un disco dai contorni ancora più trascinanti e decisi, uscito il 16 ottobre 2015 su etichetta Decca Records – Universal Music Group e Ponderosa Music & Art

Sito personale: http://www.ludovicoeinaudi.com/

 

“Ludovico Einaudi:

“Ludovico Einaudi (“Elegy for the Arctic” – Official Live (Greenpeace)):

… … …

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per Settimane Musicali di Ascona 2019 Finnish Radio Symphony Orchestra

Alle Serate Musicali ANDRAS SCHIFF 7 ottobre 2019