in , , ,

Al Teatro Regio di Parma UN GIORNO DI REGNO per Festival Verdi 2018

Per colpa della moda, per desiderio di rinnovare, per affetto di sapere, si rinnega la nostra arte, il nostro istinto, il nostro modo di fare; è assurdo e stupido., Giuseppe Verdi

Frontespizio dello spartito dell’ opera Il finto Stanislao ovvero Un giorno di regno

 

Un giorno di regno (noto anche come Il finto Stanislao) è la seconda opera lirica di Giuseppe Verdi, di genere buffo, melodramma giocoso, scritta su libretto di Felice Romani. Prima rappresentazione, Teatro alla Scala il 5 settembre 1840.

Dopo il debutto felice di Oberto, Conte di San Bonifacio, Verdi si ritrovò a dover comporre un’opera buffa per la stagione scaligera autunnale del 1840. In tempi stretti, dovette comporre la musica per l’opera, e lo stesso librettista Romani non si scomodò a fare un nuovo libretto, ma rispolverò uno dei suoi vecchi libretti e lo adattò alla musica. Per Verdi fu un infelice periodo per comporre l’opera, dovuto alla morte della prima moglie, Margherita Barezzi e dei due figli. Inoltre il libretto, scritto da Romani nel 1818, molto prima di intraprendere la gloriosa collaborazione con Vincenzo Bellini, rappresentava un gusto teatrale ormai del tutto superato.

L’opera fu un fiasco totale, tanto che fu ritirata la sera stessa del debutto.

Ripresentata al Teatro San Benedetto di Venezia l’11 ottobre del 1845, col titolo Il finto Stanislao, riuscì ad ottenere un lusinghiero successo (infatti il vero motivo per cui cadde alla Scala fu il libretto poco attuale più che il lutto famigliare, perché la musica, ispirata a Rossini e a Bellini, non presenta alcuna mancanza, considerato che Verdi era comunque al suo secondo esordio).

Oggi quest’opera viene rappresentata raramente, pur non mancando di arie pregevoli come quella del Cavalier Belfiore “Compagnoni di Parigi” o quella carica di lirismo della Marchesa del Poggio “Grave a cor innamorato”. La sinfonia è segnata dall’inconfondibile energia di Verdi, come anche i concertati finali del primo e secondo atto.

 

IL CAST

UN GIORNO DI REGNO

Melodramma giocoso in due atti su libretto di Felice Romani e Temistocle Solera
dalla farsa Le faux Stanislas di Alexandre-Vincent Pineux-Duval
Musica di Giuseppe Verdi
Edizione critica a cura di Francesco Izzo
The University of Chicago Press, Chicago e Casa Ricordi, Milano

Durata complessiva 2 ore e 20 minuti circa, compreso un intervallo

 

Maestro concertatore e direttore, FRANCESCO PASQUALETTI

Regia, MASSIMO GASPARON da un progetto di PIER LUIGI PIZZI

Maestro del coro, ANDREA FAIDUTTI
 

Interpreti:

Artisti del 56° Concorso Internazionale Voci Verdiane Città di Busseto e dell’Accademia Verdiana

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA

Allestimento del Teatro Regio di Parma per il Teatro Giuseppe Verdi di Busseto

In coproduzione con Fondazione Teatro Comunale di Bologna

Con sopratitoli in italiano e in inglese

 

QUANDO

Venerdì 28 settembre 2018, ore 20.00

Mercoledì 3 ottobre 2018, ore 20.00

Venerdì 5 ottobre 2018, ore 20.00

Sabato 6 ottobre 2018, ore 18.00

Martedì 9 ottobre 2018, ore 20.00

Mercoledì 10 ottobre 2018, ore 20.00

Giovedì 11 ottobre 2018, ore 20.00

Sabato 13 ottobre 2018, ore 18.00

Giovedì 18 ottobre 2018, ore 20.00

Domenica 21 ottobre 2018, ore 15.30

 

DOVE: Teatro Giuseppe Verdi di Busseto
Piazza Giuseppe Verdi, 10
43011 Busseto (PR)

 

PRIMA CHE SI ALZI IL SIPARIO
Museo Casa Barezzi di Busseto
lunedì 24 settembre 2018, ore 21.00
A cura di GIUSEPPE MARTINI con DINO RIZZO

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI DISPONIBILI:

Serata inaugurale, Venerdì 28 settembre 2018, ore 20.00

Poltrona al costo di € 180,00
Palco centrale al costo di € 130,00
Palco laterale 1° prezzo al costo di € 100,00
Prima Galleria numerata al costo di € 55,00
Seconda Galleria numerata al costo di € 25,00

Mercoledì 3 ottobre 2018, ore 20.00; Venerdì 5 ottobre 2018, ore 20.00; Sabato 6 ottobre 2018, ore 18.00; Martedì 9 ottobre 2018, ore 20.00; Mercoledì 10 ottobre 2018, ore 20.00; Giovedì 11 ottobre 2018, ore 20.00; Sabato 13 ottobre 2018, ore 18.00; Giovedì 18 ottobre 2018, ore 20.00; Domenica 21 ottobre 2018, ore 15.30

Poltrona al costo di € 150,00
Palco centrale al costo di € 110,00
Palco laterale 1° prezzo al costo di € 85,00
Prima Galleria numerata al costo di € 45,00
Seconda Galleria numerata al costo di  23,00

 

Festival Verdi di Parma 2018: opera UN GIORNO DI REGNO

 

se non sapete come fare e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

 

  • Il cavalier Belfiore, sotto il nome di Stanislao di Polonia (baritono)
  • Il barone di Kelbar (basso)
  • La marchesa Del Poggio, giovane vedova, nipote del barone e amante del cavaliere (soprano)
  • Giulietta di Kelbar, figlia del barone e amante di Edoardo (mezzosoprano)
  • Edoardo di Sanval, giovane ufficiale (tenore)
  • Il signor Della Rocca, tesoriere degli stati di Bretagna, zio di Edoardo (basso)
  • Il conte Ivrea, comandante di Brest (tenore)
  • Delmonte, scudiero del finto Stanislao (tenore)
  • Camerieri e cameriere, vassalli del barone (coro)

 

Trama

La vicenda, ambientata in Bretagna presso Brest nel 1733, non troppo complicata, è tipica dell’opera comica e le formule musicali talvolta non rispettano molto l’esilità del libretto. Ma nel complesso è da considerarsi un lavoro ben riuscito, nonostante tutti gli impicci e le opposizioni che all’epoca attanagliarono Giuseppe Verdi.

Atto I

Nel castello del decaduto barone di Kelbar (basso buffo) si fanno due sposalizi: quello di sua figlia Giulietta (mezzosoprano) col tesoriere Della Rocca (basso buffo) e quello della marchesa Del Poggio (soprano) col conte Ivrea (tenore). Ospite di Kelbar è il re di Polonia, Stanislao alias il cavalier Belfiore (baritono), già fidanzato della marchesa, che si è prestato alla finzione per consentire al vero monarca di combattere i suoi nemici in incognito. Frattanto Edoardo (tenore), nipote spiantato del tesoriere e amante di Giulietta, è disperato e vuole arruolarsi sotto Stanislao. La marchesa, giunta al castello, vuole aiutare i due giovani al pari del finto re, che offre al tesoriere un importante incarico se rinuncia alle nozze. Quando il barone cerca il Della Rocca per la sigla del contratto nuziale, questi di conseguenza rifiuta e tra i due scoppia un litigio furibondo. Accorre la marchesa con Edoardo e Giulietta, e compare anche il re, indignato per il troppo chiasso. Il barone è costernato per la figuraccia fatta coll’illustre ospite.

Atto II

Edoardo confida ai servitori la sua tristezza. Il finto Stanislao concretizza l’offerta al tesoriere, che ha col barone un secondo litigio buffonesco. In separata sede, la marchesa Del Poggio e il sedicente re si affrontano in una serie di schermaglie. La donna pensa di riconoscere l’antico amante, ma Belfiore insiste nella finzione. Viene annunciato il conte Ivrea e l’imminente matrimonio della marchesa, mentre Edoardo si dispera con Giulietta perché, se anche lo zio rinunciasse a lei, egli dovrebbe arruolarsi comunque col re. Questi, sopraggiunto Ivrea, usa la sua autorità per impedire il matrimonio con la Del Poggio. In extremis una lettera del vero Stanislao chiarisce il tutto, esonerando il cavaliere dalla simulazione, ma non prima che egli abbia strappato al barone, con un’ultima “régia” imposizione, il consenso a maritare Giulietta a Edoardo. La marchesa si riconcilia subito col vecchio fidanzato. Le due nozze iniziali si fanno, ma con mariti diversi. Tripudio generale. Infine il barone, il tesoriere e il conte Ivrea fanno buon viso a cattivo gioco.

 

“UN GIORNO DI REGNO” by Giuseppe Verdi (Alessandro Corbelli, Simone Alaimo, Franca Mattiucci, Daniela Dessì, Berardino Trotta, Orazio Mori, Walter Brighi, Giancarlo Tosi):

“UN GIORNO DI REGNO” by Giuseppe Verdi (Renato Capecchi, Sesto Bruscantini, Lina Pagliughi, Laura Cozzi, Juan Oncina, Cristiano Dalamangas, Mario Carlin):

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al Teatro Carlo Felice Audizione per Baritoni e Bassi Settembre 2018

A Musikàmera di Venezia Ivan Krpan 8 Ottobre 2018