in , , ,

Al Teatro San Carlo 2020 CENERENTOLA, dal 9 all’ 11 ottobre

Ho composto Cenerentola nel solco della tradizione del balletto classico russo

Al Teatro San Carlo 2020 CENERENTOLA, dal 9 all’ 11 ottobre

 

Cenerentola

“Ciò che più mi premeva di rendere con la musica di “Cenerentola” – spiegò il compositore – era l’ amore poetico tra lei ed il principe, la nascita ed il fiorire del sentimento, gli ostacoli su questa via, la realizzazione di un sogno. Ho cercato di far sì che lo spettatore non rimanga indifferente alla sventura e alla gioia”

Cenerentola, «Zolushka», (op. 87) è un balletto su musica di Sergej Sergeevič Prokof’ev, su libretto di Nicolai Volkov, e rappresentato per la prima volta il 21 novembre 1945 al Teatro Bolshoi di Mosca con le coreografie di Zacharov; quello fu un anno memorabile per l’ Unione Sovietica. La musica scritta da Prokofiev rifletteva, infatti, la tragedia delle sofferenze subite a causa della guerra.

Il balletto è ispirato alla celebre fiaba di Perrault.

Dal balletto sono state ricavate tre suite sinfoniche: op. 107, 108, 109.

CENERENTOLA
 
Balletto su musica di Sergej Prokof’ev
su uno scenario di Nikolay Volkov

Coreografia originale di Giuseppe Picone

Direttore, Nicola Giuliani

Scene, Nicola Rubertelli

Costumi (dal repertorio del Teatro di San Carlo), Giusi Giustino

 

INTERPRETI

Cenerentola      Claudia D’Antonio (9 ed 11 ottobre 2020) / Anna Chiara Amirante (10 ottobre 2020)

Principe      Alessandro Staiano (9 ed 10 ottobre 2020) / Salvatore Manzo (11 ottobre 2020)

Orchestra e Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo
Con la Partecipazione degli allievi della Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo

Produzione del Al Teatro San Carlo 2020 CENERENTOLA

Durata: 2 ore circa con intervallo

 

QUANDO

Venerdì 9 Ottobre 2020, ore 20.00 – Tagliando Serale (incluso in turni A e C/D)

Sabato 10 Ottobre 2020, ore 19.00- Turno M – Opera e Danza

Domenica 11 Ottobre 2020, ore 17.00 – Tagliando Pomeridiano (incluso in turni B e F)

DOVE: Fondazione Teatro di San Carlo
98/F, via San Carlo
80131 Napoli (NA)

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Venerdì 9 Ottobre 2020, ore 20.00 – Tagliando Serale (incluso in turni A e C/D); Sabato 10 Ottobre 2020, ore 19.00- Turno M – Opera e Danza; Domenica 11 Ottobre 2020, ore 17.00 – Tagliando Pomeridiano (incluso in turni B e F)

POLTRONISSIMA ORO al costo di € 76,83
POLTRONISSIMA al costo di € 66,59
POLTRONA ORO al costo di € 66,59
POLTRONA al costo di € 56,35
PALCHI CENT. I/II ORD. PARAPETTO al costo di € 51,22
PALCHI CENT. I/II ORD. DIETRO al costo di € 46,10
PALCO REALE al costo di € 215,13
PALCHI LAT. I/II ORD. PARAPETTO al costo di € 51,22
PALCHI LAT. I/II ORD. DIETRO al costo di € 40,98
PALCHI CENT. III/IV ORD. PARAPETTO al costo di € 40,98
PALCHI CENT. III/IV ORD. DIETRO al costo di € 35,86
PALCHI LAT. III/IV ORD. PARAPETTO al costo di € 35,86
PALCHI LAT. III/IV ORD. DIETRO al costo di € 32,79
POSTI ASCOLTO al costo di € 20,49
BALCONATA V e VI al costo di € 30,74

 

Al Teatro San Carlo 2020 CENERENTOLA, dal 9 all’ 11 ottobre

se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi anche all’ Associazione MaNi per informazioni su acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

Cenerentola è una fiaba popolare e compare, in oltre 300 varianti, in numerose tradizioni popolari. La versione più remota è già presente nella passato egiziano ma sembrerebbe originaria della Cina, nella quale, il piede piccolo, detto loto d’oro, era considerato emblema di bellezza e di qualità femminili.

La fiaba fa parte dell’eredità culturale di numerosi popoli.

In occidente la versione più nota è quella di Charles Perrault e, in secondo luogo, dei Fratelli Grimm; come tipica variante moderna. Ma non possiamo dimenticare quella famosissima narrata in tutte le lingue nell’ omonimo film d’ animazione di Walt Disney del 1950.

Il tema centrale rimane l’ amore di Cenerentola e del Principe o meglio la nascita e il fiorire di un sogno d’ amore che si realizza superando ogni ostacolo.

2jbl7qw

Atto I 

Si apre in una stanza nella casa del padre di Cenerentola. Le due sorellastre di Cenerentola, Arabella e Araminta, si preparano per il grande ballo che il principe darà nel suo palazzo. Cenerentola se ne sta triste in disparte e ripensa ai giorni felici della sua infanzia in cui la madre era ancora viva e sa che il padre le vuol bene ma è debole e incapace di imporsi alle altre due figlie che invece la detestano. Una misteriosa mendicante entra a chiedere l’elemosina, e mentre le sorellastre vorrebbero scacciarla, Cenerentola le dona un pezzo di pane. La vecchia se ne va, grata a Cenerentola. Arrivano le sarte, un parrucchiere, un gioielliere, e le sorelle cominciano a prepararsi per la serata; con un maestro di ballo provano una gavotta. Infine, accompagnate dal padre, Arabella e Araminta si avviano al ballo lasciando sola e sconsolata la povera Cenerentola. Ma ecco che la vecchia mendicante riappare e dimesso il travestimento si palesa per la buona fata madrina. Essa chiama le fate delle quattro stagioni, coi loro cavalieri, e Cenerentola viene splendidamente abbigliata. Questo è il premio per la gentilezza d’animo mostrata verso la mendicante. La fata però ammonisce Cenerentola di rientrare prima dello scaccare della mezzanotte, perché a quell’ora l’incantesimo si dissolverà e la bella principessa Cenerentola ridiventerà la povera Cenerentola. Con il corteggio delle fate e delle stelle Cenerentola parte per il ballo su di un cocchio scintillante.

Atto II 

AI palazzo il ballo è gia iniziato quando fanno il loro ingresso il padre e le sorellastre di Cenerentola. Poco dopo giunge anche il principe. Ad un tratto echeggia una musica misteriosa che annuncia l’entrata di Cenerentola. E’ tanto bella ed elegante che tutti la scambiano per una principessa, neppure le sorellastre la riconoscono. II principe affascinato le offre due arance, la frutta più rara e prelibata del suo regno, ma Cenerentola generosamente ne fa dono ad Arabella e Araminta. Rimasti soli Cenerentola e il principe possono dichiararsi il loro amore. Danzano un valzer e Cenerentola nell’ebbrezza del momento dimentica l’avvertimento della fata. I rintocchi della mezzanotte richiamano Cenerentola alla realtà: essa fugge, ma nella fretta perde una scarpetta, che il principe stupito, immalinconito ed addolorato raccoglie giurando che saprà ritrovare la fanciulla.

Atto III

Cenerentola si risveglia nella casa paterna. E’ stato dunque soltanto un sogno? La scarpetta che scopre nel grembiule la rassicura che al palazzo c’è stata veramente, e ha ballato col principe. Le sorellastre la raggiungono e raccontano quanto è accaduto durante la festa, mostrando le due arance. D’improvviso il buffone di corte viene ad annunciare che il principe sta cercando la fanciulla cui appartiene la scarpetta perduta. Arabella e Araminta vogliono provare la scarpetta e Cenerentola le aiuta, ma l’altra scarpetta le scivola dal grembiule. II principe riconosce in lei la bella principessa. La buona fata madrina riappare per unire i due innamorati che vivranno felici per sempre.

“Cenerentola” by Sergej Prokof’ev (ROBERTO BOLLE and Isabel Seabra):

“Cenerentola” by Sergej Prokof’ev (Maksimova-Vasiliev):

“Cenerentola” by Sergej Prokof’ev (Sylvie Guillem):

… … …

Al Teatro San Carlo 2020 CENERENTOLA, dal 9 all’ 11 ottobre

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Festival Verdi 2020 Luca Salsi al Gala Verdiano, 10 ottobre Regio di Parma

Al Teatro La Fenice 2020 La Cambiale di Matrimonio