in , , ,

Alla Rai di Torino Aziz Shokhakimov Seong-Jin Cho maggio 2020

SEONG-JIN CHO

VINCITORE DEL 17° CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE FRYDERYK CHOPIN

SEONG-JIN CHO

Concerto num. 20 della Stagione 2019 – 2020, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

 

Alla Rai di Torino Aziz Shokhakimov Seong-Jin Cho maggio 2020. Un curriculum artistico costellato di grandi successi nonostante i 23 anni: il pianista coreano Seong Jin Cho è entrato a pieno titolo nella galassia dei nuovi grandi talenti della musica vincendo nel 2015 il primo premio al Concorso Chopin di Varsavia. Per l’ occasione sarà diretto dal giovane e brillante Aziz Shokhakimov e accompagnato dall’ Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Il concerto prevede il seguente programma: 

 

Sergej Prokof’ev, Concerto n. 2 in sol minore per pianoforte e orchestra op. 16

… … …

Dmitrij Šostakovič, Sinfonia n. 7 in do maggiore op. 60 Leningrado

 

QUANDO

Giovedì 7 Maggio 2020, ore 20.30

Venerdì 8 Maggio 2020, ore 20.00

 

DOVE: Auditorium Rai “A. Toscanini”
Via Rossini, 15
10124 Torino (TO)

 

INTERPRETI:

Pianista, Seong-Jin Cho

Direttore, Aziz Shokhakimov

Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

poltrona numerata platea al costo di 32,50 € (comprese spese di prevendita)

poltrona numerata balconata al costo di 30,50 € (comprese spese di prevendita)

poltrona numerata galleria al costo di 28,50 € (comprese spese di prevendita)

 

Alla Rai di Torino Aziz Shokhakimov Seong-Jin Cho maggio 2020

 

se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi anche all’ Associazione MaNi per informazioni su acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Seong-jin Cho…

SEONG-JIN CHO - 2

SEONG-JIN ECHO

Seong-jin Cho è balzato all’ attenzione del mondo nell’ ottobre del 2015, quando ha vinto il primo premio al Concorso Chopin di Varsavia. Quattro anni prima, a soli sedici anni, si era classificato terzo al Premio Tchaikovsky di Mosca.

Con il suo sconfinato talento e la sua naturale musicalità, Seong-jin Cho sta intraprendendo una carriera in rapida ascesa e viene considerato uno degli artisti più interessanti della sua generazione.

Nel gennaio 2016, Seong-jin Cho ha firmato un contratto di esclusiva con l’etichetta discografica Deutsche Grammophon.

Nato nel 1994 a Seoul, Seong-jin Cho ha cominciato a studiare pianoforte all’ età di sei anni e si è esibito in pubblico per la prima volta cinque anni dopo. Nel settembre 2008, all’ età di quattordici anni, ha vinto il primo premio alla sesta edizione del Concorso Chopin di Mosca. Nel novembre 2009 si è aggiudicato il primo premio alla settima edizione del Concorso Hamamatsu in Giappone (risultando il vincitore più giovane nella storia del Concorso).

Seong-jin Cho si è esibito al fianco di alcune delle orchestre più prestigiose al mondo, tra cui l’Orchestra del Royal Concertgebouw, la Philharmonia Orchestra, l’Orchestra Mariinskij, i Münchner Philharmoniker, la RSB di Berlino, l’Orchestra Filarmonica di Seoul, la Filarmonica Ceca, la Budapest Festival Orchestra, la Danish National Symphony Orchestra, la Russian National Orchestra, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, la Sinfonica NHK di Tokjo, sotto la direzione di direttori del calibro di Myung-Whun Chung, Lorin Maazel, Marek Janowski, Valery Gergiev e Vladimir Ashkenazy.

Nel 2016 e 2017 con la Philharmonia Orchestra ed Esa-Pekka Salonen, la Filarmonica di San Pietroburgo e Yuri Temirkanov, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Valery Gergiev, la Russian National Orchestra e Mikhail Pletnev, la Tokyo Philharmonic e Myung-Whun Chung, l’Orchestre de Paris e Tomás Netopil. Seong-Jin Cho suonerà in recital al Concertgebouw di Amsterdam, alla Sala Filarmonica di San Pietroburgo, alla London International Piano series, alla Suntory Hall di Tokyo, al Festival di Primavera di Praga, al Klavier Festival Ruhr e alla Carnegie Hall. 

Seong-Jin Cho si è aggiudicato anche il premio della Società Fryderyk Chopin (di 3.000,00 euro) per la migliore interpretazione di una polonaise.

Durante le tre settimane del concorso i pianisti hanno eseguito solo opere di Chopin davanti a una giuria internazionale che comprendeva la grande Martha Argerich, vincitrice del Concorso nel 1965.

Il Concorso Pianistico Internazionale Fryderyk Chopin di Varsavia è una delle più antiche e prestigiose competizioni pianistiche internazionali. Si tiene ogni cinque anni a partire dal 1927 e da allora (con la sola interruzione dovuta alla seconda guerra mondiale)  ogni cinque anni la giuria del concorso, composta da pianisti di fama mondiale, musicisti e famosi esponenti della cultura polacca, si riunisce per ascoltare i pianisti ammessi alla finale e conferire, laddove vi sia un candidato meritevole (per un decennio il primo premio non fu infatti assegnato), l’ambito riconoscimento.

Fu ideato da Jerzy Żurawlew (1887-1980). Nel 1957 è stato uno dei membri fondatori della “Federazione mondiale dei concorsi internazionali di musica” di Ginevra.

Oltre ai sei vincitori, vengono assegnati quattro premi speciali:

  • premio speciale per la miglior esecuzione di una mazurka, assegnato dalla Radio polacca dal 1927;
  • premio speciale per la migliore esecuzione di una polacca, assegnato dalla “Fondazione polacca Chopin” dal 1960;
  • premio speciale per la migliore esecuzione di un concerto, assegnato dai Filarmonici di Varsavia dal 1980;
  • premio speciale per la migliore esecuzione di una sonata, assegnato da Krystian Zimerman.

In conferenza stampa Cho ha confessato di voler partecipare al rinomato concorso fin da quando aveva undici anni. Per lui tutte le fasi del concorso sono state “davvero dure”, tranne il concerto finale con orchestra, nel quale “non era così nervoso.” “Nel primo turno ero fuori controllo”, ha detto. “Non mi ricordo come ho suonato così ho controllato su YouTube.”.

 

Seong-Jin Cho “Piano Concerto in E minor Op. 11 (final stage of the Chopin Competition 2015)” by Fryderyk Chopin:

Seong-Jin Cho “Polonaise in A flat major Op. 53 (second stage)” by Fryderyk Chopin:

Seong-Jin Cho “Concerto No. 1 in B-flat minor, Op. 23, The Arthur Rubinstein Piano Master Competition (5/2014, Tel Aviv)” by P. I. Tchaikovsky:

Seong-Jin Cho “Piano Concerto No. 3 in D minor, Op. 30 (2011)” by S. Rachmaninoff:

Seong-Jin Cho “Pictures at an Exhibition” by Mussorgsky:

… … …

 

Aziz Shokhakimov…

Lo straordinario talento di Aziz Shokhakimov ha fatto per la prima volta parlare di sé nel 2010 a Bamberga, conquistando a 21 anni il 2° premio del Gustav Mahler International Conducting Competition sotto gli auspici dei Bamberger Symphoniker.

Sono succeduti debutti importanti: in Germania con la Staatskapelle Dresden e la Deutsche Kammerphilharmonie Bremen; in Italia con la Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna, la Filarmonica del Teatro La Fenice di Venezia e l’Orchestra Verdi di Milano; in Spagna con la RTVE di Madrid; in Polonia con la Sinfonia Varsovia; a Mosca con la National Philharmonic Orchestra of Russia di Spivakov; in USA con la Houston Symphony, la Pacific Symphony e in tour con I Musici di Montreal.

I riconoscimenti di un talento speciale sono del resto giunti molto presto ad Aziz Shokhakimov. Nato nel 1988 a Tashkent, Uzbekistan, Aziz è entrato nella Uspensky Music School for Gifted Children a 6 anni, dove ha studiato violino, viola e direzione d’orchestra (professor V. Neymer). A 13 anni ha tenuto il suo debutto con la National Symphony Orchestra of Uzbekistan, dirigendo la 5° Sinfonia di Beethoven e il 1° Concerto per pianoforte di Liszt. L’anno seguente, Aziz è stato invitato a dirigere la sua prima opera, Carmen, al National Opera and Ballet Theatre of Uzbekistan.

Nel 2005, a 17 anni, è stato invitato a partecipare al programma di formazione della National Philharmonic Orchestra of Russia sotto la guida del Maestro Vladimir Spivakov, che è sfociata in un invito a dirigere l’orchestra in un concerto a sottoscrizione nel 2010. Subito dopo, Aziz ha ricevuto una sponsorizzazione dalla Vladimir Spivakov International Charitable Foundation. Nel 2006, appena diciottenne, Aziz Shokhakimov ha assunto la posizione di Direttore Principale alla National Symphony Orchestra of Uzbekistan. Dal 2010, con il premio a Bamberga, inizia la sua carriera internazionale.

La serie di debutti ha portato ad immediati nuovi inviti. A Bologna ha diretto al Teatro Comunale una produzione in balletto della Sagra della Primavera di Stravinsky nell’ ottobre 2012 ed all’ Auditorium Manzoni quattro sinfonie di Beethoven e successivamente la 5° Sinfonia di Mahler rispettivamente in primavera ed autunno 2013; è ritornato nella primavera successiva a sostituire James Conlon nel concerto di apertura della Stagione Sinfonica del teatro, quindi a dirigere la sua prima produzione d’opera in Occidente, l’ Eugene Onegin. A Venezia ha diretto il concerto di apertura della Stagione Sinfonica 2014 della Filarmonica del Teatro La Fenice, dopo il debutto con l’ Orchestra nella stagione precedente. A Varsavia Shokhakimov ha diretto ancora la Sinfonia Varsovia e Nikolai Lugansky nel Settembre 2012 e vi ritornerà nella prossima stagione. L’Orchestra Verdi di Milano l’ha invitato nell’ estate 2012 per un’esecuzione speciale della 7° Sinfonia di Shostakovich e vi è ritornato a dirigere l’ orchestra nel maggio 2014 su un programma ancora dedicato alla grande scuola russa.

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alla Società dei Concerti di Milano Carlo Guaitoli 8 maggio

A LaVerdi I Solisti de laVerdi e Domenico Nordio 3 maggio