in , , ,

Alla Società del Quartetto di Vicenza Quartetto Jerusalem 24 Febbraio

“Passione, precisione, calore, una miscela dorata: questi sono i segni distintivi di questo eccellente quartetto d’archi”, New York Times

Società del Quartetto di Vicenza 1910, Stagione 2019 – 2020

 

Alla Società del Quartetto di Vicenza Quartetto Jerusalem 24 Febbraio. Il Jerusalem String Quartet, sostenuto dall’ American-Israel Cultural Foundation, si è ormai affermato tra i quartetti più dinamici e interessanti del panorama internazionale; in stagione per la Società del Quartetto di Vicenza, il concerto prevede il seguente programma:

 

L. van Beethoven, Quartetto per archi in Mi minore Op. 59 n. 2 “Razumowsky”

… … …

L. van Beethoven, Quartetto per archi in La minore Op. 132

 

QUANDO

Lunedì 24 Febbraio 2020, Ore 20.45

 

DOVE: Teatro Comunale di Vicenza – Sala Maggiore
Viale Giuseppe Mazzini, 39
36100 Vicenza (VI)

 

INTERPRETI:

Alexander Pavlovsky, violino
Sergei Bresler, violino
Ori Kam, viola
Kyril Zlotnikov, violoncello

Quartetto Jerusalem

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Posto unico al costo di €‬ 17,00; Over 65 al costo di €‬ 13,00; Under 30 al costo di €‬ 10,00

 

Alla Società del Quartetto di Vicenza Quartetto Jerusalem 24 Febbraio

 

se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Quartetto Jerusalem

Con la fondazione del Quartetto Jerusalem nella stagione 1993/1994 ed il debutto nel 1996, i quattro musicisti israeliani hanno intrapreso un viaggio di crescita e maturazione che li ha portati ad avere un vasto repertorio e una impressionante profondità di espressione: un viaggio che è tutt’oggi ancora motivato dalla stessa energia e curiosità con cui l’ ensemble ha iniziato.

Il Quartetto Jerusalem porta avanti le tradizioni dei quartetti d’archi in un modo unico, avendo trovato il suo cuore espressivo in un suono caldo, pieno, umano e nel bilanciamento tra toni alti e bassi, ottenendo la possibilità di raffinare sia le interpretazioni del repertorio classico sia delle opere di epoche più recenti e, in entrambi i casi, ambendo alla perfezione del suono.

Le collaborazioni con artisti del calibro di András Schiff, Elisabeth Leonskaja, Alexander Melnikov, Tabea

Zimmermann, Nobuko Imai, Steven Isserlis, Gary Hoffman, Sharon Kam e Martin Fröst dimostrano chiaramente come ogni artista ospite diventi parte integrante dell’inseparabile ensemble.

Vincitore nel 1996 del concorso di musica da camera della Jerusalem Academy e, nel 1997, del concorso “Franz Schubert and the Music of the 20th Century” di Graz, ha partecipato a master class e corsi tenuti da artisti quali Isaac Stern, Tabea Zimmermann, György Kurtág, Michael Tree, Henry Meyer e dal Quartetto Amadeus e nel 2003 ha vinto il Premio Borletti-Buitoni Trust. Dal 1999 al 2001 ha fatto parte del programma New Generation Artists.

Il Quartetto Jerusalem è ospite regolare e affezionato delle sale da concerto più rinomate al mondo; l’ensemble ha ricevuto accoglienza speciale in Nord America, dove si è esibito in città quali New York, Chicago, Los Angeles, Filadelfia, Cleveland, Washington e al Festival di Ravinia. Anche in Europa il Quartetto è ospite di importanti sale quali la Tonhalle di Zurigo, la Herkulessaal di Monaco, la Wigmore Hall di Londra, il Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, oltre ad apparizioni speciali all’Auditorium du Louvre di Parigi, alla Laeiszhalle di Amburgo e ad importanti festival quali la Schubertiade di Schwarzenberg, il Festival di Verbier, il Festival di Rheingau, il Festival di Salisburgo, lo Schleswig Holstein Musikfestival, il Festival Notti Bianche di San Pietroburgo e molti altri.

Nella stagione 2009/2010 è stato protagonista alla Wigmore Hall del progetto “Mozart Plus” dedicato ai Quartetti e Quintetti per archi di Mozart con il violinista Lawrence Power portato in torunée in varie città europee tra cui Amsterdam, Rotterdam, Monaco di Baviera e Zurigo.

Nella stagione 2010/2011 si è dedicato alla musica da camera di Brahms con “residenze” all’Auditorium du Louvre di Parigi e ai festival Hamburger Ostertöne, Schubertiade e De Dolene di Rotterdam.

Il Quartetto Jerusalem registra in esclusiva per Harmonia Mundi.

Gli album con i Quartetti di Haydn e “La Morte e la Fanciulla” di Schubert sono stati premiati con riconoscimenti prestigiosi quali il Diapason d’or, il BBC Music Magazine Award e un ECHO Klassik. Nel gennaio 2014 è stato inciso l’acclamatissimo album con i quartetti d’archi di Janácek e Smetana. Nel 2015 è stato pubblicato un CD con l’op. 18 di Beethoven.

La stagione 2016/17 ha visto tre programmi differenti: i quintetti per pianoforte di Mieczysław Weinberg e Johannes Brahms con Sir András Schiff, il “Dvorak Fest” (un ciclo di due concerti in cui vengono presentati dai Trii ai Sestetti d’archi) e il ciclo completo dei Quartetti di Bartok. Nel corso della stagione il Quartetto Jerusalem è stato inoltre impegnato in una lunga tournée in Australia.

Sito Ufficiale: http://www.jerusalem-quartet.com/

 

“Haydn string quartet op.64 no 5 “The Lark””:

“Quartetto Jerusalem, Società del Quartetto di Milano 24 marzo 2015”:

“Shostakovich – Quartet no. 8 in c minor”:

“Johannes Brahms – String Quartet No 2 in A minor, Op.51 No 2”:


… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alla Filarmonica Toscanini Omer Meir Wellber Pablo Ferrández febbraio 2020

Per Perugia Musica Classica Benedetto Lupo 29 febbraio