in , , ,

Alle Serate Musicali Gil Shaham Akira Eguchi 18 Maggio

Uno dei fondamentali violinisti di oggi“, New York Times

Serate Musicali – Milano, Stagione 2019 – 2020

Alle Serate Musicali Gil Shaham Akira Eguchi 18 Maggio. Protagonista della serata il violinista statunitense Gil Shaham. Accompagnato al pianoforte da Akira Eguchi il concerto prevede il seguente programma:

Gaetano Pugnani/Fritz Kreisler, Praeludium und Allegro

… … …

Scott Wheeler, Sonata n. 2 per violino e pianoforte – The Singing Turk

… … …

Avner Dorman, Sonata n. 3 – Nigunim

… … …

Johann Sebastian Bach, Partita n. 3 in mi maggiore BWV 1006 per violino solo

… … …

César Franck, Sonata in la maggiore

QUANDO

Lunedì 18 Maggio 2020, ore 20.45

DOVE: Sala Verdi
Conservatorio “G. Verdi”

Via Conservatorio, 12
20122 Milano (MI)

INTERPRETI:

Gil Shaham, violino

Akira Eguchi, pianoforte

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Intero al costo di € 25,00 e Ridotto al costo di € 20,00

Alle Serate Musicali Gil Shaham Akira Eguchi 18 Maggio

 

oppure, se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti scrivendo a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987 (tramite Ma.Ni. è possibile avere i biglietti al prezzo ridotto).

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

Gil Shaham

Artslife480-GilShaham-Credit-LukeRatray

Gil Shaham, nato a Champaign-Urbana, in Illinois, nel 1971 e cresciuto in Israele, ha iniziato a sette anni lo studio del violino con borse di studio della American-Israel Cultural Foundation.

Nel 1982, dopo aver vinto il concorso Claremont in Israele, prosegue gli studi con Dorothy DeLay con una borsa di studio della Juilliard School di New York.

Sin dal debutto nel 1981 a Gerusalemme, è ospite applaudito delle maggiori orchestre statunitensi e canadesi a New York e Los Angeles Philharmonic, Israel Philharmonic, Boston Symphony, Chicago, Philadelphia, Cleveland, Toronto; in Europa è invitato dai Berliner Philharmoniker, dall’ Orchestre de Paris, Orchestre National de France, Bayerischer Rundfunk, Staatskapelle Dresden e Filarmonica della Scala; nel mondo, oltre alle numerose esecuzioni in Israele, ha suonato con la NHK di Tokyo e in tournées in Giappone.

Da quando si è imposto al pubblico londinese sostituendo Itzhak Perlman con un solo giorno di preavviso nel 1989, è artista beniamino della London Symphony, Philharmonia e Royal Philharmonic.

Il suo vasto repertorio spazia dai classici con orchestra da camera (le Quattro Stagioni di Vivaldi eseguite e registrate con Orpheus) ai grandi concerti romantici, al Novecento meno consueto, con i concerti di Korngold e Barber.

Nel 1990 ha vinto il premio “Avery Fisher Career Grant” e nell’ agosto 1992 gli è stato assegnato il Premio dell’ Accademia Chigiana, un riconoscimento assegnato in passato a Gidon Kremer, Shlomo Mintz, Anne Sophie Mutter, Andrei Gavrilov e Jewgenij Kissin.

Suona lo Stradivari “Comtesse de Polignac” del 1699 che gli è stato offerto in prestito, nel 1989, dalla Stradivari Society of Chicago.

… … …

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per I Concerti della Normale di Pisa Enrico Bronzi 12 Maggio

La Sinfonia 8 di Beethoven: analisi, storia e curiosità