in , , ,

ANNULLATO – Per la Società dei Concerti di Milano OLGA KERN 25 marzo

“Talento puro”, Bryce Morrison The Gramophone.

“La sua energia elettrica alla tastiera è palpabile, e anche se genera dalla musica stessa, che scorre tra le dita, assume tensione fresca che è suo inconfondibilmente”, The Washington Post

Società dei Concerti di Milano, 9° Concerto della serie Rubino, Stagione 2019 – 2020

Per la Società dei Concerti di Milano OLGA KERN 25 marzo. La brillante pianista russa Olga Kern, prima donna in più di 30 anni ad ottenere la Medaglia d’ Oro e Primo Premio al Van Cliburn International Piano Competition, ospite alla Società dei concerti proporrà il seguente programma:

E. Grieg, Concerto per pianoforte in la minore op. 16

… … …

F. Mendelssohn, Sinfonia n. 3 in la minore op. 56 “Scozzese”

QUANDO

Mercoledì 25 Marzo 2020, ore 20.45

DOVE: Sala Verdi
Conservatorio “G. Verdi”
Via Conservatorio, 12
20122 Milano (MI)

INTERPRETI:

Olga Kern, Pianista

Yves Abel, direttore

NWD Philharmonie

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Il costo del biglietto intero è di 35,00 €. Ridotto al costo di 30,00 €

Per la Società dei Concerti di Milano OLGA KERN 25 marzo

oppure se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi anche all’ Associazione MaNi per informazioni su acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

Olga Kern…

Olga Kern, pianista russa dal virtuosismo trascendentale, è universalmente riconosciuta come una delle grandi interpreti della sua generazione. Possiede un controllo strumentale davvero di alto livello, sorretto da una tecnica solida e sicura. Il suono è timbrato, potente senza traccia di forzature e la capacità di controllare la dinamica è assolutamente impeccabile.

E’ nata il 23 aprile del 1975 a Mosca in una famiglia di musicisti (i suoi genitori sono entrambi pianisti; porta il cognome della madre) che vanta legami diretti con Tchaikovsky e Rachmaninov.

Ha cominciato lo studio pianoforte all’ età di cinque anni con il professor Evgeny Timakin alla Scuola Centrale di Mosca e successivamente con Sergei Dorensky al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca; si perfeziona con il professor Boris Petrushansky alla rinomata “Accademia Pianistica Incontri col Maestro” di Imola. Ha dato il suo primo concerto all’ età di sette anni, a Mosca.

Nel 2001, a soli 17 anni, è stata la prima donna in più di 30 anni ad ottenere la Medaglia d’ Oro e il Primo Premio al Van Cliburn International Piano Competition (Forth Worth – Texas). Ma ha conseguito la vittoria anche in ben altri 11 concorsi internazionali fra i più prestigiosi:

  • 1986: Concertino Praga International Piano Competition (Praga)
  • 1993: Rachmaninoff International Piano Competition (Mosca)
  • 1996: Viotti International Piano Competition (Vercelli, Italia)
  • 1996: Unisa International Piano Competition (Pretoria, Sud Africa)
  • 1999: Ettore Pozzoli International Piano Competition (Seregno, Italia)
  • 1999: Beijing International Piano Competition (Beijing)
  • 1999: Dino Ciani International Piano Competition (Milano)
  • 2000: Pinerolo International Piano Competition (Pinerolo, Italia)
  • 2000: Cantu International Piano Competition (Cantu, Italia)
  • 2000: Hamamatsu International Piano Competition (Hamamatsu, Giappone)
  • 2001: Morocco International Piano Competition (Casablanca)

Dopo aver ricevuto una Borsa di Studio Onoraria dal Presidente della Federazione Russa Boris Yeltsin nel 1996 è in seguito divenuta membro della International Academy of Arts in Russia.

Il secondo trionfo di Olga è avvenuto a New York City il 4 Maggio 2004 con un acclamato récital alla Carnegie Zenkel Hall. Otto giorni dopo, il 12 Maggio 2004, Olga Kern ha dato un recital alla Isaac Stern Auditorium, su invito della Carnegie Hall.

La pianista russa ha una media di circa 150 concerti all’ anno eseguendo un repertorio particolarmente esigente.

Nel febbraio 2005, in Sud Africa, ha eseguito i quattro concerti per pianoforte di Rachmaninov e la Rapsodia su un tema di Paganini per tre volte in un arco di sei giorni, probabilmente un’ impresa senza precedenti.

Dopo un’ acclamata tournée in 35 città degli USA nella primavera 2007 con la National Philharmonic Orchestra e Vladimir Spivakov, Olga Kern ha inaugurato la stagione 2007/2008 come solista, ospite presso molte orchestre ed istituzioni di musica da camera in USA ed in Europa. Nel Maggio 2008 è stata tournée in Nord America (Boston, Chicago, New York, Philadelphia, Seattle, Washington DC e Toronto) con Vladimir Spivakov ed i Virtuosi di Mosca.

Olga Kern ha debuttato con la Royal Philharmonic Orchestra nel novembre 2006 con il Concerto n. 1 di Shostakovich, sotto la direzione di Leonard Slatkin. Le sue recenti apparizioni europee includono, fra l’ altro, tournée in Austria e Svizzera con la Warsaw Philharmonic ed Antoni Wit ed una in Germania con la Czech Philharmonic e Zdenek Maçal.

Nell’ estate 2007 ha debuttato in Canada con la National Arts Centre Orchestra, direttore Pinchas Zukerman.

Nel marzo 2008 la Kern ha debuttato in Sud America con l’ Orquesta Sinfonica do Estado de Sao Paolo.

Nel 2012 ha girato il Nord America con il violinista Vladimir Spivakov eseguendo un programma interamente dedicato alla musica da camera; lo stesso anno è stata invitata dal regista Steven Spielberg per suonare al gala annuale della Fondazione Shoah a Los Angeles.

Nel 2013, per celebrare il 140° anniversario della nascita di Rachmaninoff, ha suonato tutti e quattro i concerti del compositore, più la sua Rapsodia su un tema di Paganini, con Leonard Slatkin e la Orchestre National de Lyon . Lo stesso programma è stato ripreso con orchestre a Città del Capo, Johannesburg, Durban, Colorado, Arizona, e Varsavia. Ha dato recital con artisti come Kathleen Battle e Renée Fleming. Ha inoltre collaborato con il Quartetto Takács e il violoncellista David Finckel.

La carriera concertistica ha portato quindi la giovane pianista ad esibirsi nelle più importanti sale da concerto fra cui la Great Hall del Conservatorio di Mosca, la Symphony Hall a Osaka, la Salzburger Festspielhaus, La Scala di Milano, la Tonhalle a Zurigo e lo Châtelet a Parigi tenendo concerti come solista con l’ Orchestra del Teatro Kirov, per il Teatro Bolshoi, la Filharmonica di Mosca, l’ Orchestra Sinfonica di San Pietroburgo, la Russian National Philharmonic, la China Symphony, i Virtuosi di Mosca, la Filarmonica della Scala, la Czech Philharmonic, l’ Orchestra Sinfonica di Torino, la Royal Orchestra of Scotland, la London Symphony, la Warsaw Symphony e la Cape Town Symphony Orchestra.

“Se non fossi musicista probabilmente dipingerei. Amo disegnare…Rimarrei nell’ Arte. E’ impossibile non vivere nell’ Arte”

Ha collaborato con molti direttori importanti fra cui si ricordano Valery Gergiev, Leonard Slatkin, Vladimir Spivakov, Manfred Honeck, Christoph Eschenbach, James Conlon, Antoni Wit, Pinchas Zukerman e Peter Oundjian. Ha preso parte a recital con il soprano Kathleen Battle alla Carnegie Hall e con il soprano Renee Fleming al Kennedy Center.

Olga Kern è stata ospite speciale al Kennedy Center Honors e invitata dal Presidente Bush al ricevimento alla Casa Bianca dove ha suonato in onore del leggendario pianista Van Cliburn.

Il New York Times ha notato in lei l’ abitudine e la volontà di cercare il contatto visivo con il pubblico. Il suo tono, l’ immediatezza emotiva e il virtuosismo quasi “spericolato” hanno guadagnato il plauso della critica in tutto il mondo, in particolare nel repertorio romantico impetuoso di Liszt, Chopin e Rachmaninoff.

La musica russa, in particolar modo Rachmaninoff, è sempre stata al centro della sua personalità artistica, fin da piccola; assorbendone le storie della sua famiglia profondamente legata ai giganti del passato musicale russo. “Ho vissuto in questo ambiente musicale per tutta la vita”, ha detto. “Ho sentito musica per pianoforte, musica sinfonica, molto Tchaikovsky, tanto Rachmaninoff e tanto Prokofiev. Tutti i compositori russi sono sempre stati eseguiti in casa mia. Come tutti gli altri ho suonato tanto Bach, Beethoven, Haydn e Mozart. Ma in realtà gran parte della mia vita è stata dedicata a Rachmaninoff e Tchaikovsky”.

La sua bisnonna, un mezzosoprano, aveva incluso alcuni brani di Rachmaninoff in un programma da concerto quando il suo accompagnatore si è ammalato il famoso compositore, capitato di essere nella zona, disse alla Kern “Perché siete alla ricerca di qualcuno? Io sono qui e sarò il suo accompagnatore”.

“Ho sempre voluto suonare. Mia madre suona ed è stata una grande insegnante…Mio padre è un pianista. Ho sentito la musica ogni giorno. Anche prima che io nascessi…il pianoforte è lo strumento migliore che possa esserci. Ha tutto”

La discografia di Olga Kern con l’ etichetta Harmonia Mundi comprende oltre all’ incisione dello storico recital al concorso Van Cliburn, il Concerto n. 1 di Tchaikovsky, le Variazioni Corelli e le Trascrizioni di Rachmaninov (nomination al Grammy), un cd recital con opere di Rachmaninov e Balakirev, un’ incisione live del concerto n. 1 di Chopin con la Warsaw Philharmonic Orchestra diretta da Antoni Wit, le Brahms Variations e una registrazione delle Sonate di Chopin n. 2 e n. 3.

Olga Kern è apparsa anche nel premiato documentario sull’ edizione 2001 del Concorso Van Cliburn “Playing on the Edge” e anche nel documentario biografico “Olga’ s Journey” sul suo primo anno dopo la vincita al Van Cliburn; ricordiamo anche “They came to play” film-documentario.

Oltre ai Concerti la Kern dedica il suo tempo al sostegno e alla formazione di aspiranti musicisti. Nel 2012, Olga e suo fratello, direttore d’ orchestra e compositore, Vladimir Kern, hanno co-fondato la “Aspiration” foundation  il cui obiettivo è quello di fornire assistenza finanziaria e artistica ai musicisti di tutto il mondo.

Sito web: http://olgakern.com/

 

ASCOLTA QUI Olga Kern “Concerto per Pianoforte e Orchestra No. 3″ by S. Rachmaninov (Van Cliburn 2001):

ASCOLTA QUI Olga Kern “Piano Sonata No. 2 in B-flat minor, Op. 36 (1931)″ by S. Rachmaninov (2001 Van Cliburn Foundation):

ASCOLTA QUI Olga Kern “Scherzo from A Midsummer Night’s Dream″ by Mendelssohn/Rachmaninoff:

ASCOLTA QUI Olga Kern “Variations and Fugue on a Theme by Handel: Op. 24″ J. Brahms:


… … …

 

Yves Abel…

Yves Abel

Yves Abel si è rapidamente imposto come uno dei direttori d’orchestra più interessanti della sua generazione, sia nel repertorio operistico che in quello concertistico. Dal 2005 al 2011 è stato Direttore Ospite Principale della Deutsche Oper di Berlino.

Da Gennaio 2015 è il nuovo Direttore Principale della Nordwestdeutschen Philharmonie (NWD) di Herford.

Ospite regolare delle più grandi istituzioni del mondo, Yves Abel è salito sul podio di teatri quali Metropolitan Opera di New York, ROH Covent Garden di Londra, Wiener Staatsoper, Teatro alla Scala, Opéra National de Paris, Lyric Opera of Chicago, San Francisco Opera, Bayerische Staatsoper di Monaco, Glyndebourne Opera Festival, Rossini Opera Festival di Pesaro, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Comunale di Bologna, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona, National Theatre di Tokyo.

Attivo anche in campo sinfonico, Yves Abel ha collaborato con importanti compagini orchestrali, fra le quali la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, la Rotterdams Philharmonisch Orkest, la San Francisco Symphony Orchestra, la Netherlands Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Haydn di Bolzano, l’Orchestre National de Lyon, la Toronto Symphony Orchestra, la Montreal Symphony Orchestra, l’Edmonton Symphony Orchestra, l’Orquestra Nacional do Porto (Portogallo).

Nel corso della stagione 2015/16 ha diretto le produzioni de Le nozze di Figaro alla Deutsche Oper di Berlino, Falstaff al New National Theatre di Tokyo e La traviata alla ROH Covent Garden di Londra. Ha diretto inoltre un tour di concerti in Europa con la sua orchestra Nordwestdeutschen Philharmonie.

Fra i suoi passati impegni annovera Carmen al New National Theatre di Tokyo, Madama Butterfly alla San Diego Opera, alle Terme di Caracalla di Roma e alla San Francisco Opera, L’elisir d’amore al Teatro de la Maestranza di Siviglia e alla Canadian Opera Company di Toronto, Pelléas et Mélisande all’Opera de Oviedo e Carmen alla Philadelphia Opera Company. Terrà inoltre concerti sul podio della Seoul Philharmonic Orchestra dell’Orchestra Haydn di Bolzano.

La sua ricca discografia include, fra le altre cose, Thaïs di Massenet con Renée Fleming, Thomas Hampson e Giuseppe Sabbatini (Decca; 2000), Werther (Decca; 2005), Madame Butterfly, in lingua inglese con la Philharmonia Orchestra (Chandos Records), C’est ça la vie, una selezione di arie francesi con il mezzosoprano Susan Graham e la City of Birmingham Symphony Orchestra (Erato Disques; 2002), French Touch, una selezione di arie d’opera e d’operette francesi, con il soprano Patricia Petibon (Decca; 2003). Di recente uscita il disco “Romantique” con Elīna Garanča, edito dalla Deutsche Grammophon (2012).

Yves Abel è Direttore Musicale dell’ Opéra Français de New York, istituzione da lui stesso fondata nel 1988 al fine di rendere noto il repertorio operistico francese di più rara esecuzione. A riconoscimento di questa sua attività gli è stato conferito, nel 2009, il titolo di “Chevalier de l’Ordre des Arts et Lettres” da parte del Presidente francese Nicolas Sarkozy.

Sito personale: http://www.yvesabel.com/index.html

… … …

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al Teatro Gerolamo per LaVerdi Luca Buratto 22 marzo

Alla IUC di Roma MONTROSE TRIO 14 marzo