in , ,

Il mezzosoprano lettone Elīna Garanča

Elīna Garanča

Elina Garanča nasce a Riga in una famiglia di musicisti: suo padre è direttore di coro e sua madre Anita è cantante di lieder, professoressa presso l’Accademia di Musica lettone, professoressa associata presso l’Accademia lettone di Cultura e insegnante di canto presso l’ Opera Nazionale Lettone.

All’ età di 20 anni entra all’ Accademia lettone di Musica nel 1996 a studiare canto con Sergej Martinov. Prosegue i suoi studi a Vienna con Irina Gavrilović e negli Stati Uniti con Virginia Zeani.

La Garanča inizia la sua carriera professionale presso lo Staatstheater Südthüringisches di Meiningen ed in seguito lavora presso il Teatro dell’ Opera di Francoforte sul Meno.

Nel 1999 vince il Mirjam Helin Singing Competition a Helsinki in Finlandia.

Al Wiener Staatsoper nel 2003 è Lola in Cavalleria rusticana con Waltraud Meier diretta da Fabio Luisi, Zweite Dame in Die Zauberflöte, Prinz Orlofsky in Die Fledermaus, Bersi in Andrea Chénier, Nicklausse in Les Contes d’Hoffmann con Neil Shicoff, Meg Page in Falstaff con Bryn Terfel diretta da Luisi e Rosina ne Il barbiere di Siviglia.

Il successo internazionale della Garanča arriva nel 2003 al Festival di Salisburgo quando canta Annio in una produzione di La clemenza di Tito, con i Wiener Philharmoniker e Barbara Bonney diretta da Nikolaus Harnoncourt. Riesci quindi a imporsi come uno dei più importanti mezzosoprani del mondo.

Seguono i ruoli di Dorabella in Così fan tutte a Salisburgo (2004) ed al Teatro dell’ Opera di Vienna dove è anche Stéphano in Roméo et Juliette (Gounod) con Andrea Rost e Marcelo Alvarez nel 2004 e Charlotte in Werther nel 2005, Dorabella con la Bonney e Ruggero Raimondi in una produzione dell’ Opéra National de Paris con la regia di Patrice Chéreau.

Nel 2005 le sue straordinarie doti vengono conosciute grazie a un contratto esclusivo con la Yellow Label. Il suo primo disco da solista è stato premiato con un Echo Klassik Singer of the Year. Nel 2009 il suo secondo disco vince un altro Echo Klassik e un BBC Music Magazine Award; i successivi disci, “Habanera” nel 2010 e “Romantique” nel 2012, hanno come i precedenti grande successo. Ancora una volta, critici e amanti della musica vengono travolti dalla sua agilità e bellezza vocale.

Nel 2006 torna a Parigi ne La clemenza di Tito questa volta nella parte di Sesto con Anna Caterina Antonacci e come Octavian in Der Rosenkavalier.

Nel 2006 a Salisburgo canta la Messa solenne, Missa aulica ed il Vesperae solemnes de confessore di Mozart diretta da Riccardo Muti; nel 2008 Les Nuits d’ été di Hector Berlioz diretta da Mariss Jansons; nel 2010 il Te Deum in do maggiore di Anton Bruckner diretta da Daniel Barenboim e nel 2012 canta i Folk Songs di Berio, tiene un recital e canta il Requiem di Verdi alla Scala con Jonas Kaufmann diretta da Barenboim.

Con la crescente fama per le sue apparizioni teatrali e una discografia in rapida crescita, Elīna Garanča è sempre più richiesta. Ancora a Vienna nel 2006 è Octavian in Der Rosenkavalier con Patricia Petibon, Cherubino ne Le nozze di Figaro con Diana Damrau diretta da Muti ed Überraschungsgast bei Orlofsky in Die Fledermaus; nel 2007 Adalgisa in Norma con Edita Gruberova; nel 2011 Giovanna Seymour in Anna Bolena con Anna Netrebko e nel 2012 Carmen con Roberto Alagna e Sesto ne La clemenza di Tito.

Fino ad oggi ha preso parte a 136 rappresentazioni viennesi.

Elīna Garanča_1

Al Theater an der Wien nel 2006 è Sesto ne La clemenza di Tito con i Wiener Symphoniker e Dorabella in Così fan tutte con Ruggero Raimondi e la Mahler Chamber Orchestra.

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra nel 2007 è Dorabella in Così fan tutte diretta da Colin Davis e nel 2009 Romeo ne I Capuleti e i Montecchi con la Netrebko e Carmen con Alagna.

Consolida la sua carriera il 12 gennaio 2008 quando la Garanča fa il suo debutto al Metropolitan Opera House di New York, nel ruolo di Rosina ne Il barbiere di Siviglia (Rossini). Per il New York Times: “La Garanča dispone di tutte le doti: musicalità, tecnica, voce, intelligenza… “

Al Metropolitan la Garanča torna nel 2009 col ruolo di Angelina ne La Cenerentola e col ruolo di Carmen con Alagna e Barbara Frittoli e nel 2012 Sesto ne La clemenza di Tito con la Frittoli.

Nel 2009 è Carmen alle Terme di Caracalla diretta da Karel Mark Chichon.

Nel concerto di apertura del 2011 del Rheingau Musik Festival nell’ Abbazia di Eberbach si è esibita in Sieben Lieder frühe di Alban Berg con la hr-Sinfonieorchester diretta daPaavo Järvi.

Al Gran Teatre del Liceu nel 2011 è Giovanna Seymour in Anna Bolena con la Gruberova e Sonia Prina.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 2012 tiene un recital e canta nel Requiem (Verdi) con Kaufmann diretta da Barenboim.

Nel 2012 è Sesto ne La clemenza di Tito al Théâtre des Champs-Elysées; tiene un recital diretta da Chichon a Monte Carlo ed a Masada con Alagna.

Nel 2013 ha tenuto recital al Grand Théâtre di Ginevra e al Festspielhaus Baden-Baden; è stata Didon in Les Troyens al Deutsche Oper Berlin.

Elīna Garanča_2

ECCO QUALCHE VIDEO…

ASCOLTA QUI Elina Garanča in “Habanera″ from Carmen by Bizet (Baden-Baden, 2008):

ASCOLTA QUI Elina Garanča in “Agnus dei″ (29.11.2014):

ASCOLTA QUI Elina Garanča in “Ave Maria″ by William Gomez (Christmas in Vienna, 2007):

ASCOLTA QUI Elina Garanča in “Laudate Dominum″ from Vesperae solennes de confessore by W. A. Mozart :

ASCOLTA QUI Elina Garanča in “Panis Angelicus″ by César Franck (Dresden Adventskonzert ’08):

ASCOLTA QUI Elina Garanča in “Mon coeur s’ouvre à ta voix″ from Samson et Dalila by Camille Saint-Saëns (album Romantique):

ASCOLTA QUI Elina Garanča and Anna Netrebko in “Barcarolle″ from Les Contes d’Hoffmann by Offenbach :

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

3 Comments

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Renaud Capuçon: “il violino, il mio secondo cuore”

Ouverture 1812 e i colpi di cannone, P. I. Tchaikovsky