in , , , ,

La Resurrezione Sinfonia 2 di Gustav Mahler: analisi, storia e curiosità

Ho chiamato il primo movimento Totenfeier e, se vuole saperlo, è l’ eroe della mia Prima Sinfonia che io porto a seppellire
(Gustav Mahler, lettera del 26 marzo 1896 a Max Marschalk)

La sinfonia è un mondo costruito con i suoni”, Gustav Mahler

 

La Sinfonia n 2 di Gustav Mahler in do minore “Auferstehung” per soli, coro e orchestra, nota anche come Resurrezione, fu scritta nello stesso periodo della Prima Sinfonia fra il 1888 ed il 1894. La prima esecuzione mondiale avvenne a Berlino il 13 dicembre del 1895. Insieme alla Ottava, la Seconda è stata la sinfonia che ottenne più successo e popolarità durante la vita del compositore.

Si tratta della prima delle quattro sinfonie di Mahler per le quali il compositore ha previsto l’ intervento delle voci, oltre ad essere la prima delle tre Wunderhorn Symphonien, sinfonie in cui vengono messi in musica testi provenienti dalla raccolta di canti medioevali tedeschi intitolata Des Knaben Wunderhorn. Uno di questi lied, Des Antonius von Padua Fischpredigt (La predica ai pesci di Sant’ Antonio da Padova), viene quasi letteralmente trascritto come scherzo della sinfonia, mentre il Lied “Urlicht” diventa il 4° movimento.

Nell’ aprile 1899 il compositore dirige la Sinfonia n. 2 a Vienna.

Nei Paesi Bassi la prima è stata diretta dal compositore ad Amsterdam il 26 ottobre 1904 con la Royal Concertgebouw Orchestra.

Negli Stati Uniti la première è stata diretta dal compositore l’ 8 dicembre 1908 a New York con la New York Symphony Orchestra.

Nella sua forma definitiva Sinfonia n 2 di Gustav Mahler è divisa in cinque movimenti:

  1. Allegro maestoso. Mit durchaus ernstem und feierlichem Ausdruck 4/4
    (Allegro maestoso. Con espressione assolutamente seria e solenne)
  2. Andante moderato. Sehr gemächlich 3/8
    (Andante moderato. Molto comodo)
  3. In ruhig fließender Bewegung 3/8
    (Con movimento tranquillo e scorrevole)
  4. “Urlicht” (Luce primitiva) – Sehr feierlich, aber Schlicht 4/4
    (Molto solenne ma con semplicità, come un corale)
    testo tratto da “Die Wunderhorn” di Ludwig Achim von Arnim e Clemens Brentano
  5. Im Tempo des Scherzo. Wild herausfahrend. “Aufersteh’n” 3/8
    (Tempo di Scherzo. Selvaggiamente. Allegro energico. Lento. Misterioso)
    contiene l’inno “Die Auferstehung” (La Resurrezione) di Friedrich Klopstock

Le origini della Sinfonia n 2 di Gustav Mahler si ricollegano alla conclusione della lunga composizione della prima sinfonia: Mahler aveva completato nell’ agosto del 1888 un poema sinfonico detto Totenfeier (celebrazione della morte), che in seguito sarebbe diventato il primo movimento della sinfonia. Anche alcuni abbozzi del secondo movimento risalgono a quell’anno. Mahler rimase in dubbio per cinque anni se fare di Totenfeier il movimento di apertura di una nuova sinfonia, finché nel luglio del 1893 compose il secondo, il terzo ed il quarto movimento. Rimaneva il problema del finale della sinfonia: Mahler desiderava un finale in cui intervenissero le voci, così come era stato per la Nona Sinfonia di Beethoven e ciò avrebbe reso inevitabile il confronto diretto fra le due sinfonie. Un altro punto aperto era la ricerca del giusto testo da mettere in musica per il finale. La soluzione decisa fu ispirata da una cerimonia commemorativa per il direttore d’ orchestra Hans von Bülow tenuta ad Amburgo il 29 marzo 1894, quando il coro intonò il corale Risorgere di Friedrich Gottlieb Klopstock. Mahler compose il finale fra il giugno ed il luglio del 1894 e completò la sinfonia il 18 dicembre 1894, al termine di un lavoro durato sette anni.

“Se non fossi così come sono, non dovrei scrivere le mie sinfonie”, Gustav Mahler

 

“Sinfonia n 2 di Gustav Mahler, Die Auferstehung (Resurrezione)” by Gustav Mahler (L. Bernstein – London Symphony Orchestra, Edinburgh Festival 1974):

“Sinfonia n 2 di Gustav Mahler, Die Auferstehung (Resurrezione)” by Gustav Mahler (Lucerne Festival Orchestra – Claudio Abbado, Recorded live at the Lucerne Festival, Culture and Convention Centre Lucerne, 21 August 2003):

“Sinfonia n 2 di Gustav Mahler, Die Auferstehung (Resurrezione)” by Gustav Mahler (Sir Simon Rattle – City of Birmingham Symphony Orchestra, 1998 at Symphony Hall, Birmingham):

“Sinfonia n 2 di Gustav Mahler, Die Auferstehung (Resurrezione)” by Gustav Mahler (Royal Concertgebouw Orchestra – Mariss Jansons):

“Sinfonia n 2 di Gustav Mahler, Die Auferstehung (Resurrezione)” by Gustav Mahler (P. Boulez):


“Sinfonia n 2 di Gustav Mahler, Die Auferstehung (Resurrezione)” by Gustav Mahler (Simon Bolivar Symphony Orchestra – Gustavo Dudamel, Royal Albert Hall for the BBC Proms 2011):

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

All’ Accademia Teatro alla Scala corso di SPECIAL MAKEUP 2019-20

Per Stresa Festival 2019 La caduta della casa Usher di Jean Epstein