in , , ,

La Verdi: di Beethoven triplo concerto, romanze e sinfonia n. 4

Chi penetra il senso della mia musica potrà liberarsi dalle miserie in cui si trascinano gli altri uomini“, L. v. Beethoven

zhang-xian

37 ° Concerto della Stagione Sinfonica 2016 per La Verdi

 

Dal palco de La Verdi il direttore Zhang Xian, con l’ Orchestra Sinfonica “Giuseppe Verdi” di Milano, e molti solisti come Luca Santaniello, Nicolai Freiherr Von Dellingshausen, Mario Shirai Grigolato, Roberto Cominati per un programma interamente dedicato a Ludwig van Beethoven:

 

Ludwig van Beethoven, Romanza n. 1 in Sol Maggiore op. 40

… … …

Ludwig van Beethoven, Triplo concerto in Do maggiore per pianoforte, violino, violoncello e orchestra op. 56

… … …

Ludwig van Beethoven, Romanza n. 2 in Fa Maggiore op. 50

… … …

Ludwig van Beethoven, Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60

 

QUANDO:

Giovedì 8 Dicembre 2016, Ore 20.30

Venerdì 9 Dicembre 2016, Ore 20.00

Domenica 11 Dicembre 2016, Ore 16.00

 

DOVE: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo
Largo Gustav Mahler
20136 Milano (MI)

 

INTERPRETI:

Zhang XianDirettore

Luca Santaniello, Violino

Nicolai Freiherr Von Dellingshausen, Violino

Mario Shirai Grigolato, Violoncello

Roberto Cominati, Pianoforte

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Settore A al costo di € 35,00
Settore B al costo di € 25,00
Settore C al costo di € 20,00
Settore D al costo di € 15,00

SETTORE A Platea dalla fila 4 alla 25; SETTORE B Balconata dalla fila 4 alla 15; SETTORE C Prime 3 file Balconata e logge e SETTORE D Prime 3 file di Platea

 

Con Associazione Ma.Ni. è possibile avere i biglietti a prezzo ridotto! Scrivere a mara.grisoni@gmail.com per ricevere informazioni oppure telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

 


… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

“La mia vita è cambiata in 24 ore”

Zhang Xian…

zhang-xian-2

Nata a Dandong, in Cina, Zhang Xian ha fatto il suo debutto professionale con Le nozze di Figaro alla Central Opera House di Pechino all’ età di 20 anni. Ha studiato al Conservatorio Centrale di Beijing – dove ha ottenuto sia il diploma che il Master of Music – dirigendo per un anno prima di trasferirsi negli Stati Uniti nel 1998. Nel 2002 è stata nominata Assistant Conductor della New York Philharmonic, diventandone successivamente Direttore associato e prima titolare della “Arturo Toscanini Chair”.

Recentemente è stata nominata Direttore musicale della New Jersey Symphony Orchestra, effettiva dalla stagione 2016/17. Ricopre il medesimo ruolo presso l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi dal settembre 2009. Tra i momenti salienti della sua collaborazione con laVERDI ricordiamo il concerto ai BBC Proms del settembre 2013, con un programma di arie verdiane (con il tenore Joseph Calleja) e la Sinfonia dal Manfred di Čajkovskij, trasmesso live sulle piattaforme BBC. Nella Stagione 2014/15, ha avuto con l’Orchestra Verdi un ruolo molto importante negli eventi culturali di EXPO 2015.

Collabora regolarmente con importanti orchestre quali la London Symphony e il Royal Concertgebouw. I suoi impegni più recenti includono il suo ritorno ai BBC Proms nel luglio 2015 alla testa della BBC National Orchestra of Wales, concerti con la Rotterdam Philharmonic Orchestra e la Gothenburg Symphony Orchestra. Durante la stagione 2015/16 debutterà con l’Orchestre Philharmonique di Strasburgo e l’Orquesta y Coro Nacionales de España, e ritornerà a dirigere la Netherlands Radio Philharmonic e l’Orchestre National de Belgique.

Lavora costantemente in America del Nord. I suoi impegni più recenti includono una settimana di concerti con la Los Angeles Philharmonic, in occasione delle celebrazioni per il nuovo anno cinese, e con la New Jersey Symphony, che tornerà a dirigere nell’ aprile 2016.

Attiva anche nel repertorio operistico, è tornata nell’ ottobre 2015 all’ English National Opera per dirigere Bohème e debutterà nel gennaio 2016 con la Den Norske Opera con La traviata. Dopo il successo di Nabucco al Savonlinna Opera Festival (2014), con la Welsh National Opera, ritornerà al Festival nell’ estate 2016 per dirigere Otello.

Torna spesso nella sua nativa Cina, per dirigere China Philharmonic, Beijing Symphony and Guangzhou Symphony. Un punto di riferimento per i compositori cinesi, nell’ ultima stagione ha diretto Iris Devoilee di Qigang Chen con il National Centre for the Performing Arts e la BBC National Orchestra of Wales; nella primavera del 2015, la premiere mondiale di Luan Tan di Qigang Chen con la Hong Kong Philharmonic – un lavoro commissionato dall’orchestra – e il Resurrection Concerto di Tan Dun con la Los Angeles Philharmonic.

Il lavoro con giovani musicisti continua ad avere un ruolo importante nella sua vita. Nel 2011 è stata nominata Direttore Artistico della NJO (Dutch Orchestra e Ensemble Academy), e durante quest’estate ha debuttato con la European Union Youth Orchestra a Grafenegg, Amsterdam, Berlin, Rheingau e Bolzano.

… … …

Luca Santaniello…

luca-santaniello

Luca Santaniello ha intrapreso lo studio del violino all’ età di sei anni sotto la guida della prof.ssa Luciana Invernizzi che lo ha seguito sino al diploma; ancora studente ha ottenuto riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali. Diplomatosi quale privatista al Conservatorio G. Verdi di Milano nel ’92 si è perfezionato nei due anni successivi a Sion in Svizzera, sotto la guida del maestro Tibor Varga. Ha frequentato in seguito i corsi del maestro Pavel Vernikov e per due anni il corso di Violino di Spalla con il maestro Giulio Franzetti a Fiesole. Quale violinista del Trio Felix ha conseguito con il massimo dei voti e la lode il diploma all’Accademia di alto perfezionamento a Pescara; con la stessa formazione ha vinto tre concorsi nazionali e due internazionali e ha ottenuto un contratto discografico per la realizzazione di un CD con il Trio in La minore di M.Ravel ed il trio in Re minore Op 49 di F. Mendelshonn.

Giovane diplomato ha collaborato con le più prestigiose Orchestre Italiane, e si è esibito in numerosi teatri in Italia, Francia, Svizzera, Spagna, Austria e Germania.

Dal 2000 è spalla dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi e ha lavorato con direttori e solisti di fama mondiale tra cui C.M.Giulini, R.Chailly, G.Prêtre, R.Muti, V.Gergiev, Xian Zhang, L.Pavarotti ,P.Domingo, S.Rostropovich, M.Argerich, S.Accardo, Joshua Bell, K. Blacher, E.Dindo, M.Brunello, e molti altri. Con la stessa formazione diretta dal maestro R. Chailly ha inciso per la Decca il solo de I lombardi alla prima crociata di Verdi, (il disco ha ricevuto diversi premi) nella stagione 2002-2003 si è esibito come solista con un violino Stradivari del 1703 appartenuto a J. S. Bach e ha suonato nelle sale più prestigiose d’Europa, Sud America, Cina, India e Giappone. Come primo violino del Quartetto de “I Solisti della Verdi” ha inciso un cd con trascrizioni di brani di Jimi Hendrix, Janis Joplin e dei Beatles.Con questa formazione ha un’intensa attività concertistica affiancando al repertorio classico interessanti ed innovative trascrizioni.

Oltre al suo ruolo di Primo violino dell’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi negli ultimi anni si è esibito come solista nelle rassegne dedicate all’esecuzione dell’integrale dei concerti di Mozart e Haydn, ed ha inoltre eseguito nel Marzo 2008 il Triplo Concerto di L.V.Beethoven con Simone Pedroni al pianoforte ed Enrico Dindo al violoncello.

Dal 2007 si occupa anche di un’orchestra amatoriale, “la Verdi per tutti” e di un’ orchestra di ragazzi l’ Orchestra Sinfonica Junior.

Suona un Vuillaume copia Maggini del 1617.

Sito Ufficiale: http://www.lucasantaniello.com/

… … …

Nicolai Freiherr Von Dellingshausen…

nicolai-freiherr-von-dellingshausen

Nicolai Freiherr von Dellingshausen inizia lo studio del violino col padre all’ età di sei anni.

Nel 1992 è ammesso alla “Hochschule für Musik des Saarlandes” nella classe del professor M. J. Epstein, dove ottiene il diploma con lode. In seguito frequenta la classe da solista. Ha registrato diversi brani per violino solo di Bach, Schubert, Paganini, ecc. per la WDR e SR.

Ottiene diverse borse di studio e nel 1999 il premio culturale della città di Saarbrucken e dell’associazione Richard Wagner, oltre a diversi premi internazionali come il secondo premio città di Lisbona e il primo premio “Bach” di Parigi.

Dal 1997 al 2000 entra a far parte dell’Orchestra dell’Opera di Saarbrucken nelle file dei primi violini ed è membro del complesso cameristico di Düsseldorf con il ruolo di Spalla.

Parallelamente svolge un’intensa attività cameristica in quartetti e trii d’archi. Dal 2004 entra come membro stabile dei primi violini dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi e dalla Stagione 2013/14 ricopre il ruolo di Primo violino.

… … …

Mario Shirai Grigolato…

grigolato

Mario Shirai Grigolato ha iniziato gli studi di violoncello con il Maestro Franco Zecchino e ha proseguito con il M° Sanarica Antonio conseguendo il diploma di violoncello presso il Conservatorio “Tito Schipa”di Lecce con il massimo dei voti. 

Ha poi proseguito lo studio del violoncello seguito dal M°Christian Bellisario e in seguito con il M° Marco Scano, docente del Conservatorio “G. Verdi” di Milano

Ha collaborato con l’Orchestra Lirico Sinfonica Salentina di Lecce e l’Associazione “Eur Pesaro” nel ruolo di primo violoncello e collaborato alle stagioni liriche del Teatro Verdi di Sassari e del Teatro Coccia di Novara, con l’Orchestra di Sanremo e l’Orchestra Comunale di Bologna. Nel 1996 ha superato le audizioni del corso di formazione dell’Orchestra Giovanile Italiana di Fiesole e dell’Orchestra Laboratorio Urbano di Bari.

Nel 1997 ha partecipato alla tournée svoltasi ad Altenburger (Lipsia, Germania) con l’orchestra “Est West Internationale Musik Akademie & V”. Nel 1998 ha superato le audizioni di “Spoleto Festival” e dell’ “Accademia Filarmonica della Scala”, seguendo regolarmente i corsi di perfezionamento indetti da quest’ultima e superando l’esame finale con il massimo dei voti.

Finalista nei concorsi di varie orchestre tra cui il Teatro alla Scala e La Fenice, ha conseguito l’idoneità presso l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali nel ruolo di violoncello di fila e concertino dei violoncelli e nel 1999 come violoncello di fila presso l’Orchestra Sinfonica di Milano G. Verdi, di cui fa parte stabilmente. Ricopre il ruolo di concertino dei violoncelli fino al 2007, e, da quell’anno in poi, di Primo Violoncello. Fa parte del quartetto d’archi “I solisti de La Verdi”.

… … …

Roberto Cominati

roberto_cominati_01_940x440

Nato a Napoli nel 1969, Roberto Cominati ha iniziato giovanissimo lo studio del pianoforte, partecipando già dal 1976, con i più alti riconoscimenti, ai maggiori importanti concorsi pianistici nazionali, e ottenendo a otto anni l’ammissione per meriti speciali al Conservatorio S. Pietro a Majella. 

Ha studiato dal 1984 con Aldo Ciccolini all’Accademia Superiore di Musica “Lorenzo Perosi” di Biella e dal 1989 con Franco Scala all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola. 

Vincitore del primo premio al Concorso internazionale Alfredo Casella di Napoli nel 1991, nel 1993 si è imposto all’attenzione della critica e delle maggiori istituzioni concertistiche europee con il Primo Premio al Concorso Internazionale Ferruccio Busoni di Bolzano.

Nel 1999 ha ottenuto il Prix Jacques Stehman del pubblico della RTBF e della TV5 France, nell’ambito del Concours Reine Elisabeth di Bruxelles. 

Ospite delle più importanti società concertistiche italiane e di istituzioni quali il Teatro alla Scala di Milano, il Comunale di Bologna, la Fenice di Venezia, il Maggio Musicale Fiorentino, il San Carlo di Napoli, l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI (partecipando anche alla tournée in America del Sud diretta da Eliahu Inbal, che l’ha portato al Colón di Buenos Aires e a Rosario, Santiago, Montevideo e Saõ Paulo), l’Accademia Chigiana di Siena e il Festival dei Due Mondi di Spoleto, ha suonato al Théâtre Châtelet di Parigi, al Kennedy Center di Washington, al Festival di Salisburgo, a Berlino, in Inghilterra, in Giappone, Australia, Belgio, Olanda, Finlandia. 

Ha collaborato con molti celebri direttori d’orchestra, fra i quali Sir Simon Rattle, Andrey Boreyko, Leon Fleisher, Daniel Harding, Yuri Ahronovitch, David Robertson, Aleksandr Lazarev.

Sito Ufficiale: http://www.robertocominati.com/

 

QUALCHE ASCOLTO SUI BRANI IN PROGRAMMA…

“Romanza n.1 in Sol Maggiore op.40” by Ludwig van Beethoven (Renaud Capuçon violin e Gewandhaus Orchestra Leipzig):

“Romanza n.1 in Sol Maggiore op.40” by Ludwig van Beethoven (Itzhak Perlman, Barenboim, Berliner Philharmoniker):

 

“Romanza n.1 in Sol Maggiore op.40 e Romanza n. 2 in Fa Maggiore op.50” by Ludwig van Beethoven (Nathan Milstein):

“Romanza n. 2 in Fa Maggiore op.50” by Ludwig van Beethoven (David Oistrakh):

“Romanza n. 2 in Fa Maggiore op.50” by Ludwig van Beethoven (Jascha Heifetz):

“Romanza n. 2 in Fa Maggiore op.50” by Ludwig van Beethoven (Itzhak Perlman, Daniel Barenboim e Berliner Philharmoniker):

“Romanza n. 2 in Fa Maggiore op.50” by Ludwig van Beethoven (Renaud Capuçon violin e Gewandhaus Orchestra Leipzig):

 

Concerto in do maggiore per violino, violoncello e orchestra, op. 56 by L. v. Beethoven (Violin, Isaac Stern; Piano, Emanuel Ax; Cello, Yo-Yo Ma; Michael Stern, direttore & London Symphony Orchestra – Live At Royal Festival Hall):

Concerto in do maggiore per violino, violoncello e orchestra, op. 56 by L. v. Beethoven (Violin, David Oistrakh; Piano, Sviatoslav Richter; Cello, Mstislav Rostropovich; Herbert von Karajan, direttore & The Berlin Philharmonic Orchestra):

Concerto in do maggiore per violino, violoncello e orchestra, op. 56 by L. v. Beethoven (Violin, Itzhak Perlman; Piano, Daniel Barenboim; Cello, Yo-Yo Ma; Daniel Barenboim, direttore – 15.02.1995):

Concerto in do maggiore per violino, violoncello e orchestra, op. 56 by L. v. Beethoven (Violin, Renaud Capuçon; Piano, Frank Braley; Cello, Gautier Capuçon; Bernard Haitink, direttore & Chamber Orchestra of Europe):

 

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Nikolaus Harnoncourt, conductor; Chamber Orchestra of Europe):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (New York Philharmonic e Bruno Walter – Studio recording, New York, 24.III.1952):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven ((1943) Furtwangler/Berlin RS3D):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Filarmonica della Scala di Milano e RICCARDO MUTI):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Celibidache e Orchestra Scarlatti (1959)):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Philharmonia Orchestra e Otto Klemperer – Studio recording, London, 21 & 22.X.1957):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Carlos Kleiber Beethoven Symphonies 4 & 7 Concertgebouw orchestra Amsterdam):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Wiener Philharmoniker e Christian Thielemann – Wiener Musikverein, 2010):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Philharmonia Orchestra ed Herbert von Karajan – London, 13.;16. & 19.XI.1953):

“Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60” by Ludwig van Beethoven (Daniel Barenboim e West-Eastern Divan Orchestra – BBC PROMS 2012):

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Teatro alla Scala, Milano: mezzosoprano ANITA RACHVELISHVILI

BANDO 11° PREMIO INTERNAZIONALE ARTE LAGUNA