in , , ,

Ludwig van Beethoven (2° parte), Vienna, W. A. Mozart

“Uno sguardo ai tempi…”

Vienna1

Beethoven aprì il suo scenario di compositore sul grande palcoscenico occupato , in massima parte , da due personalità eccezionali : Haydn e Mozart . Le più famose composizioni dei due maestri viennesi affascinavano il grande pubblico europeo dall’ Italia all’ Inghilterra , dall’ Austria alla Francia . Vienna , in particolare , era la culla di quei suoni e veniva giornalmente dondolata dall’ aristocrazia curiosa ed intrigante  che cercava di appropriarsi , senza troppo elargire , dei benefici economici che potessero derivare dalla gestione di quei  due geni musicali . Ma , ahimè , la proverbiale tirchieria della casa regnante austriaca , dagli Asburgo ai Lorena , non sarà mai tanto munificente da rendere serena la vita di quei due grandi: Haydn dovrà andarsene in Inghilterra per diventare il re della sinfonia e Mozart dovrà partire per Praga per racimolare quei pochi quattrini che gli servivano per tirare avanti.

D’ altra parte l’ insieme dell’ opera di Mozart , nata a Vienna nellaVienna nuova condizione di indipendenza professionale , presenta , come dato emergente , la riduzione dei generi che erano legati alla vita di corte salisburghese , e cioè la musica da Chiesa e di intrattenimento . L’effetto della libertà porta lo stile mozartiano ad un livello superiore di maturità nel linguaggio musicale soprattutto perché a Vienna fa conoscenza del contrappunto bachiano . Mozart trascrive 11 fughe del grande maestro tedesco e sviluppa una serie di lavori che iniziano dal Quartetto , il terreno migliore per saggiare questo nuovo innesto del contrappunto nell’ austerità sonora di questa formazione strumentale .

Nascono a Vienna i 6 Quartetti dedicati ad Haydn , testimonianza concreta dei rapporti di affetto e stima che intercorsero fra i due grandi musicisti . Per la  prima volta , si legge , la composizione di questi quartetti rappresentarono per il suo autore “una lunga e laboriosa fatica” . Non nacquero di getto, quindi , come erano solite essere partorite con genialità le varie composizioni del giovane musicista : questi manoscritti risultano colmi di correzioni attestanti l’insolito ed insistente cesello a cui Mozart li sottopose .

Ascoltiamo il Quartetto n° 17 KV 458 “La caccia” il cui sottotitolo viene giustificato dalla presenza , nel tema principale , di  un segnale che riproduce il corno da caccia . Carattere campestre ed insieme serenamente vivace , basato  su un unico tema più volte riproposto . L’andamento gioioso si prolunga nel cantabile Minuetto successivo al quale fa seguito un Adagio di tutt’altra atmosfera ; nei movimenti lenti Mozart sembra voler convogliare ogni volta il massimo della espressività per quanto riguarda il contenuto melodico.

 

ASCOLTA QUI “Quartetto per archi No. 17 in B flat major K. 458 “La Caccia”” eseguito dal Quartetto Hagen:

E ORA ALCUNE REGISTRAZIONI DI QUARTETTI “STORICI”:

ASCOLTA QUI “Quartetto per archi No. 17 in B flat major K. 458 “La Caccia”” eseguito dal Quartetto Juilliard:

ASCOLTA QUI “Quartetto per archi No. 17 in B flat major K. 458 “La Caccia”” eseguito dal Quartetto Amadeus (1° tempo in una registrazione storica del 1956):

ASCOLTA QUI “Quartetto per archi No. 17 in B flat major K. 458 “La Caccia”” eseguito dal Quartetto Amadeus (2°, 3° e 4° tempo in una registrazione storica del 1956):

ASCOLTA QUI “Quartetto per archi No. 17 in B flat major K. 458 “La Caccia”” eseguito dal Budapest String Quartet (2° tempo in una registrazione storica del 1927):

ASCOLTA QUI “Quartetto per archi No. 17 in B flat major K. 458 “La Caccia”” eseguito dal Budapest String Quartet (4° tempo in una registrazione storica del 1927):

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA, di Alessandro Giusfredi

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il mio Beethoven… (1° parte), Alessandro Giusfredi

Haydn: la Sinfonia…”Uno sguardo ai tempi”