in , , , ,

Má Vlast di Smetana: analisi, storia, curiosità, ascolti dei sei poemi sinfonici

La composizione descrive il corso della Moldava, a partire dalle due piccole sorgenti, la Moldava fredda e calda, fino all’unificazione dei due rami in un unico flusso, il corso della Moldava fra i boschi ed i prati, lungo paesaggi dove vengono celebrati matrimoni di contadini, e le danze delle sirene nelle notti di luna piena: sulle rocce vicine che fanno da base a castelli e palazzi in rovina. La Moldava si snoda in turbinii alle rapide di San Giovanni e poi si allarga e scorre verso Praga, passa sotto il Vyšehrad e poi svanisce maestosamente in lontananza, terminando il suo corso nell’ Elba, Smetana

Má Vlast di Smetana

La Moldava è un poema sinfonico del 1874 composto da Bedřich Smetana facente parte del ciclo sinfonico Má vlast.

Má vlast (in lingua italiana La mia patria) è un gruppo di sei poemi sinfonici, composti fra il 1874 ed il 1879 dal compositore ceco Bedřich Smetana ed eseguito integralmente per la prima volta a Praga il 5 novembre 1882, due anni prima della morte dell’autore, che era da tempo ormai completamente sordo. Mentre è spesso presentata come una singola opera in sei movimenti, al di fuori de La Moldava, quasi universalmente considerato tale, i singoli pezzi sono stati concepiti come un insieme di singole opere.

In queste opere Smetana ha combinato la forma del poema sinfonico, introdotto da Franz Liszt, con gli ideali della musica nazionalistica che erano in voga alla fine del XIX secolo. Ogni poesia descrive qualche aspetto del paesaggio, della storia o di una leggenda della Boemia; l’opera costituisce un affresco inneggiante al popolo Boemo, e rappresenta un forte elemento identitario.

Curiosità

Il poema sinfonico è usato come colonna sonora del film Tree of Life dal celebre regista Terrence Malick in alcune tra le più suggestive scene.

Uno dei temi più celebri del poema sinfonico è tratto dal motivo della popolare canzone rinascimentale italiana Il ballo di Mantova (conosciuto anche come “Fuggi fuggi fuggi”), che le truppe mercenarie delle guerre d’ Italia del ‘500 e ‘600 diffusero in tutta Europa. Da qui entrò anche nelle tradizioni popolari slave, da cui Smetana trasse il tema principale della Moldava, e perfino fra i temi della tradizione musicale ebrea ashkenazita. Non a caso il tema del “Ballo di Mantova” fu scelto dai padri fondatori dello Stato d’Israele, nel maggio 1948, come inno nazionale (Hatikvah). Si racconta che, durante le discussioni per la fondazione, alcuni dei fondatori, riuniti in un hotel di Tel Aviv, udirono proprio, da una finestra, le note di questo motivo musicale.

“Vltava (Moldava)” by Bedřich Smetana (Ferenc Fricsay):

“Vltava (Moldava)” by Bedřich Smetana (Chamber Orchestra of Europe e Nikolaus Harnoncourt – Graz 2010):

“Vltava (Moldava)” by Bedřich Smetana (Herbert von Karajan e with the Vienna Philharmonic – 1985):

Vltava, anche nota con il nome italiano La Moldava, venne composta fra il 20 novembre e l’8 dicembre 1874 e venne eseguita per la prima volta il 4 aprile 1875. Ha una durata di circa dodici minuti, ed è scritta nella tonalità di Mi minore.

Nella Moldava Smetana celebra la bellezza del fiume Vltava (da cui ha preso nome anche il poema), che nasce nei boschi della Selva Boema e dopo aver attraversato la campagna, giunge a Praga per poi sfociare nell’Elba, che a sua volta si getterà nel Mare del Nord.

“Ma vlast” è una Metafora della vita, un inno alla natura. La musica incalza lo scorrere dell’acqua ed evoca immagini vivide, con ritmi diversi per scorci sempre nuovi. Nell’ ordine, la sinfonia descrive:

  • la sorgente
  • il corso del fiume (melodia-ritornello)
  • la caccia nei boschi
  • una festa di nozze contadina
  • la pianura di notte
  • le cascate
  • l’attraversamento trionfale di Praga
  • l’addio (confluenza nell’ Elba).

Il cammino ha sempre una partenza. Nel caso della Moldava la sorgente, nel Parco Nazionale della Selva Boema. O meglio, le sorgenti. La Vltava nasce da più sottili corsi d’acqua tra i boschi e due sono le fonti riconosciute: la Moldava fredda e la Moldava calda, che si uniscono poi a formare il fiume nazionale ceco. Un invito a una riflessione profonda: il nostro essere ci è dato, un dono che viene rinnovato in continuazione, proprio come l’acqua che il fiume riceve senza sosta.

Ed ecco i corni che imitano l’abbaiare dei cani, i richiami dei cacciatori, la misteriosa profondità dei boschi. E’ la caccia, è lo stupore che aumenta. Forse una metafora dell’astuzia e la creatività che devono aiutare ad affrontare le sfide della vita.

Altri echeggi, altre note: le nozze contadine. Aria di festa, aria di promessa, aria di speranza. Il bello della vita condiviso tra parenti, metafora del bello di una nazione condiviso da un popolo. Il senso di appartenenza, di condivisione.

Basta suoni, basta richiami, basta esaltazioni: è l’ora del silenzio. Nella pianura di notte tutto tace. Il fiume la attraversa muto e accompagna i ripensamenti dell’uomo che ora riposa e ritorna con la mente ai propri desideri, ai propri obiettivi. Perché solo il desiderio del cuore porta a riprendere il cammino ogni mattina.

Scrosci che ricordano una lotta: sono le cascate che si gettano nel vuoto spumeggianti. Se il fiume è vita, questo suo tratto ricorda drammaticamente il combattimento per ciò cui si tiene, l’atteggiamento coraggioso e un po’ incosciente di chi morde la vita e non la subisce, la scelta ammirevole di chi non si ferma davanti agli ostacoli, anzi si lancia.

Il ritornello arriva poi a descrivere l’ingresso trionfale a Praga. Nell’ abbraccio della città dorata il fiume sembra quasi farsi deliberatamente ammirare, in un trionfo festoso che potrebbe anche segnare il culmine del suo percorso, l’arrivo alla meta.

Ma non è così. Abbandonati i palazzi, i monumenti e la teoria di ponti della capitale, ecco che la Moldava non si sottrae al suo destino e prosegue il cammino fino a quando l’accoglieranno le acque dell’Elba. Ecco perché l’ultimo corso del fiume, l’ultimo brano della sinfonia, ha i toni di un addio. Lo si può interpretare come meglio si crede –l’addio a Praga, l’addio alla vita, l’addio all’ ideale che fin qui ha alimentato il cammino, l’addio al comando perché da qui in poi sarà un altro fiume a condurre la corsa verso il mare. Tornando alla metafora, il mistero della vita.

Il pezzo comprende il più famoso tema di Smetana.

Motivo de La Moldava

E’ un adattamento della famosa canzone italiana del rinascimento Fuggi, fuggi, fuggi da questo cielo del tenore Giuseppe Cenci (noto come Giuseppino), una canzone tradizionale italiana, che è anche alla base dell’inno nazionale d’ Israele, Hatikvah. Il tema appare anche, in tono maggiore, nell’antica canzone ceca Kočka leze dírou (“Il gatto passa attraverso il foro”) che Hans Eisler usò per la sua “Canzone della Moldava”.

La Czech Airlines trasmette il tema principale dopo l’atterraggio dei suoi aeromobili.

Il brano è diviso in 7 parti: le sorgenti, che sono una di acqua fredda e una di acqua calda che vanno a incrociarsi, la caccia agli animali, le danze allegre degli uomini al matrimonio, la danza degli elfi al chiaro di luna (che è la parte più fantasiosa della sinfonia), le rapide di san Giovanni, il castello di Vyšehrad accompagnato dall’ inno nazionale e per finire l’ ingresso nella città di Praga. Alcuni passaggi cercano di evocare elementi della cultura e del folklore locale, come il ‘rito’ della caccia e una festa di notte contadina. In particolare il ritornello, che evoca il movimento dello scorrere dell’acqua, è comunemente considerato una metafora dello scorrere della vita.

… … …

Má Vlast di Smetana: analisi, storia, curiosità, ascolti dei sei poemi sinfonici

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini dal sito www.manimagazine.it o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al Festival Pianistico BS-BG 2020 di Brescia Alexander Lonquich

Alla Società dei Concerti di Milano Salvatore Accardo 20 maggio 2020