in , , ,

ORCHESTRA della RAI: Pelléas et Mélisande (15-16 ott.)

“Ho voluto che l’ azione non si fermasse mai, che fosse continua, ininterrotta. La melodia è antilirica, incapace di trasporre la mobilità delle anime e della vita”, Claude Debussy

Valcuha dirige 2

Pelléas et Mélisande, Claude Debussy

Pelléas et Mélisande (in italiano Pelleas e Melisanda) è un’ opera di Claude Debussy, messa in scena per la prima volta al Théâtre national de l’ Opéra-Comique di Parigi il 30 aprile 1902 diretta da André Messager con Mary Garden e Jean-Alexis Périer.

Il libretto è tratto dall’ omonimo dramma simbolista di Maurice Maeterlinck.

Juraj Valčuha, Direttore

Sandrine Piau, Soprano (Mélisande)

Chloé BriotSoprano (Yniold), figlio di primo letto di Golaud

Karan ArmstrongContralto (Geneviève), madre di Golaud e Pelléas

Guillaume AndrieuxBaritono – (Pelléas), nipote di Arkel

Paul GayBaritono – (Golaud), suo fratellastro

Mauro Borgioni, Baritono – (il dottore, il pastore)

Robert LloydBasso (Arkël), re di Allemonde

Servi, poveri

Coro Maghini

Claudio Chiavazza, Maestro del coro

 

Quando?

Giovedì 15 Ottobre 2015, ore 20.30

Venerdì 16 Ottobre 2015, ore 20.30

 

DOVE: Auditorium Rai “A. Toscanini” – via Rossini, 15 – 10124 Torino

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Associazione Ma.Ni. ha a sua disposizione i seguenti biglietti:

Poltrona numerata platea al costo di 30,00 €

Poltrona numerata balconata al costo di 28,00 €

Poltrona numerata galleria al costo di 26,00 €

Ingresso (posto non assegnato) al costo di 20,00 € (in ogni settore)

Cambio turno al costo di 8,00 €

Under 30 Poltrona numerata al costo di 15,00 € (in ogni settore)

Under 30 Ingresso (posto non assegnato) al costo di 9,00 € (in ogni settore)

 

PER I GIOVANI NATI DAL 1985 IN POI

ecco i seguenti vantaggi:

Poltrona numerata al costo di 15,00 €

Ingresso al costo di 9,00 €

Carnet al costo di 5,00 € a concerto (da un minimo di 6 concerti scelti fra i due turni e in tutti i settori)

 

 

Acquisto on line

 

se non sapete come fare e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e consegna dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

 

Debussy avrebbe voluto affidare la prima esecuzione a Georgette Leblanc, che era stata per più di dieci anni la compagna di Maeterlinck, ma il direttore dell’ Opéra-Comique scelse come interprete l’ americana Mary Garden e nonostante Debussy stimasse Georgette fu d’ accordo con il direttore nello scegliere l’ americana. Questo fece infuriare a tal punto Maeterlinck, che lo indusse a scrivere a Le Figaro: “Sono costretto a sperare che sarà un fallimento clamoroso e rapido”; il giorno della prima rappresentazione fece poi distribuire all’ ingresso del teatro dei volantini contenenti critiche ingiuriose, e fece accomodare in sala una claque di disturbatori. Forse per questa ragione la critica non capì l’ opera, e C. Bellaigue che era stato compagno del compositore al Conservatorio scrisse: «Debussy fa poco rumore ma è un piccolo rumore brutto». Tuttavia, la seconda rappresentazione fu un trionfo. «Come in tanti combattimenti estetici, gli snob hanno anche concorso al successo; saranno presto chiamati i Pelleastri» spiegò il musicologo François Lesure.

OSN-Rai-2

Atto primo

Quadro primo. Golaud si è smarrito nella foresta inseguendo un cinghiale (“Je ne pourrai plus sortir de cette forêt”). Scorge una fanciulla sola, che piange al bordo di una fontana. La interroga e ne riceve solo risposte vaghe e impaurite: qualcuno le ha fatto del male, si chiama Mélisande e ha perduto nell’acqua della fontana una corona. Golaud le offre di portarla con sé e la fanciulla acconsente (Interludio sinfonico).

Quadro secondo. In un appartamento del castello, Geneviève legge al vecchio Arkël, re d’Allemonde, una lettera di Golaud al suo fratellastro Pelléas (“Voici ce qu’il écrit a son frère”), nella quale gli comunica d’aver sposato da sei mesi una bellissima fanciulla, di cui però ignora tutto. Vuole tornare al castello ma teme l’ira di Arkël: se vedrà una torcia accesa sulla torre, sarà segno che la sua nuova sposa è bene accetta. Entra Pelléas, che manifesta l’intenzione di partire per recar visita a un amico moribondo. Arkël lo trattiene, ricordandogli che anche suo padre è in fin di vita. Geneviève invita Pelléas ad accendere la torcia sulla torre (Interludio sinfonico).

Quadro terzo. Mélisande, accompagnata da Geneviève che cerca di rincuorarla, è all’ingresso del castello. Giunge Pelléas e annuncia un’imminente tempesta di mare. Geneviève lo prega di tener compagnia a Mélisande mentre lei s’occuperà del piccolo Yniold. Pelléas annuncia alla cognata che forse partirà l’indomani.

Atto secondo

Quadro primo. Davanti a una fontana nel parco, Pelléas e Mélisande stanno conversando. La fanciulla vorrebbe toccare l’acqua della fontana, ma è troppo profonda; vi immerge i suoi lunghissimi capelli, poi gioca con l’anello che le ha regalato Golaud, finché l’anello le sfugge di mano e si perde nell’acqua: non sarà più possibile recuperarlo. Mélisande si chiede allora cosa potrà raccontare a Golaud: «la verità, la verità», le risponde Pelléas (Interludio sinfonico).

Quadro secondo. Golaud è costretto a letto per una caduta da cavallo; racconta che l’animale s’è imbizzarrito proprio mentre suonava mezzogiorno (cioè nel momento esatto in cui Mélisande perdeva il suo anello). Mélisande, al suo capezzale, scoppia in lacrime; Golaud le chiede se qualcuno le abbia fatto del male, ma Mélisande risponde che neppure lei sa la causa della sua infelicità, forse la colpa è del lugubre aspetto del castello, dal quale vorrebbe andar via. Golaud la consola e nel prenderle le mani si accorge che non ha più il suo anello al dito. Mélisande dice d’averlo perduto in riva al mare, davanti alla grotta, e Golaud le impone d’andarlo a cercare, facendosi accompagnare da Pelléas (Interludio sinfonico).

Quadro terzo. Di notte, i due cognati si sono recati alla grotta, perché Mélisande sia in grado di descriverla in caso Golaud glielo chieda. Un raggio di luna spezza l’oscurità e nel fondo della grotta appaiono le sagome di tre vecchi mendicanti addormentati. Mélisande si spaventa e chiede a Pelléas di ricondurla subito al castello.

Atto terzo

Quadro primo. Di notte, affacciata alla finestra della torre, Mélisande si pettina (“Mes longs cheveux descendent jusqu’au seuil de la tour”). Pelléas si avvicina ai piedi della torre: chiama Mélisande e le annuncia che l’indomani partirà. Quindi chiede di poterle baciare la mano: Mélisande si sporge e i suoi lunghi capelli cadono a cascata su Pelléas, che li bacia inebriandosi. All’ improvviso, entra in scena Golaud che rimprovera i due cognati per le loro ragazzate (Interludio sinfonico).

Quadro secondo. Golaud porta Pelléas nei sotterranei del castello, e gli fa contemplare le acque stagnanti di quel luogo (“Eh bien, voici l’eau stagnante dont je vou parlais”). Le mani di Golaud tremano, e Pelléas se ne accorge dal movimento della lanterna. Egli chiede di uscire, perché si sente soffocare dai miasmi provenienti dall’ acqua putrida (Interludio sinfonico).

Quadro terzo. Uscito dai sotterranei, Pelléas respira (“Ah, je respire enfin”). Vede poi Mélisande alla finestra con Geneviève, e Golaud lo mette in guardia: scene come quella cui ha assistito ai piedi della torre non si devono ripetere, giacché Mélisande ora è ancor più fragile, e aspetta un bimbo (Interludio sinfonico).

Quadro quarto. Golaud cerca di sapere da Yniold cosa fanno Pelléas e Mélisande quando sono soli. Il piccolo risponde che discutono della porta, che non può restare aperta, che sono tristi e non vogliono che lui li lasci soli, e una volta si sono baciati sulle labbra. Golaud prende allora sulle spalle il piccolo Yniold perché osservi dalla finestra cosa fanno i due cognati: sono soli, tacciono, non fanno niente. Poi Yniold si spaventa per l’irruenza del padre nel chiedergli la descrizione della scena e lo prega di farlo scendere.

Atto quarto

Quadro primo. Pelléas incontra Mélisande e le annuncia che sta per partire, giacché suo padre sta meglio. Prima di partire però le chiede di incontrasi con lei ancora una volta, a sera, presso la fontana. Entra Arkël, che si rallegra per il miglioramento del figlio. Colma Mélisande di tenerezza, e si compiace che la sua vita al castello sia meno triste. In quel mentre, entra Golaud, agitatissimo. respinge Mélisande, prende la spada, e getta a terra la moglie prendendola per i capelli (“Une grande innocence”). Interviene Arkël e Golaud finge d’essersi calmato, ma Mélisande comprende che il marito non l’ama più ed esprime tutta la sua infelicità (Interludio sinfonico).

Quadro secondo. Davanti alla fontana nel parco, il piccolo Yniold cerca di sollevare una grossa pietra per recuperare la sua pallina d’oro. Giunge da lontano il rumore di un gregge di pecore. Yniold le osserva passare, spinte dal pastore, e chiede a quest’ultimo perché le pecore improvvisamente tacciano. Il pastore gli risponde che quello non è il percorso che conduce all’ovile. Agitato, Yniold cerca allora di sapere dove vanno le pecore, poi parte perché sta calando la sera. Entra Pelléas, per incontrarsi alla fontana con Mélisande per l’ultima volta (“C’est le dernier soir”). Le dirà tutto ciò che finora le aveva taciuto. Mélisande giunge e Pelléas le dichiara finalmente il suo amore: per tutta la vita ha cercato la bellezza e finalmente in lei l’ha trovata (“On dirait que ta voix a passé sur la mer au printemps”). Anche Mélisande gli confessa di averlo amato fin dal primo momento. Si sentono dei rumori. È Golaud, che sopraggiunge armato; i due si baciano appassionatamente, e in quell’amplesso Golaud colpisce a morte Pelléas. Mélisande fugge nel bosco, inseguita da Golaud.

Atto quinto

Intorno al capezzale di Mélisande, morente benché ferita da Golaud solo leggermente, stanno Arkël, Golaud e un medico. Mélisande si desta dal suo torpore, vuole che si apra la finestra e chiede chi sia nella stanza. Golaud vuole poi restar solo con Mélisande, le chiede perdono e domanda se il suo amore per Pelléas è stata una passione colpevole. Mélisande nega, e Golaud insiste, chiedendole se è la verità. Mélisande non risponde, e lo lascia nella tortura del dubbio. Frattanto il medico e Arkël rientrano: Mélisande ha freddo, ma non vuole che si chiuda la finestra. Le viene portate la sua bimba, nata da poco, ed ella non ha la forza di prenderla in braccio. Entrano le ancelle, mentre Golaud implora Mélisande piangendo. Quando le ancelle s’inginocchiano, Arkël impone a Golaud di uscire: Mélisande è morta, ora c’è bisogno solo di silenzio, e di prendersi cura della piccola neonata, che continuerà a vivere per lei.

 

“Pelléas et Mélisande” by Claude Debussy (Mélisande Maria Ewing, Pelléas Francois Le Roux, Golaud José van Dam. Arkel Jean-Philippe Courtis, Geneviève Christa Ludwig, Yniold Patrizia Pace, Un Berger Jean-Philippe Courtis, Le Médecin Rudolf Mazzola; Konzertvereinigung Wiener Staatsopernchor, Wiener Philharmoniker e Claudio Abbado, direttore):

“Pelléas et Mélisande” by Claude Debussy (Melisande – Alison HAGLEY, Pelleas – Neill ARCHER, Golaud – Donald MAXWELL, Arkel – Kenneth COX, Genevieve -. Penelope WALKER, Yniold – Samuel BURKEY, Le Berger/ Le Medecin – Peter MASSOCCHI; Pierre Boulez, direttore):

“Pelléas et Mélisande” by Claude Debussy (Natalie Dessay, Stephane Degout, Laurent Naouri, Philippe Ens, Marie-Nicole Lemieux, Tim Mirfin, Beate Ritter – Bertrand de Billy, direttore):

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gianni Raimondi: “Andarsene in assoluto silenzio…”

La Verdi: Leonard Bernstein, Samuel Barber (23 – 25 Ott.)…