in , , ,

Orchestra della Rai, Torino: James Conlon e Jonathan Biss

La musica costituisce una rivelazione più alta di qualsiasi filosofia“, Ludwig van Beethoven

james-conlon 

Concerto Stagione 2016 – 2017, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

 

Dal palco dell’ Auditorium Rai “A. Toscanini” di Torino l’ Orchestra sinfonica della Rai, il giovane pianista Jonathan Biss e il Direttore Americano James Conlon, Direttore principale dell’ Orchestra sinfonica nazionale della RAI, presenteranno il seguente programma:

 

Wolfgang Amadeus MozartEine kleine Nachtmusik, serenata in sol maggiore KV 525 per archi

… … …

Wolfgang Amadeus MozartConcerto n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 per pianoforte e orchestra (Jeunehomme-Konzert)

… … …

Ludwig van BeethovenSinfonia n. 2 in re maggiore op. 36

 

QUANDO:

Giovedì 15 Dicembre 2016, ore 20.30

Venerdì 16 Dicembre 2016, ore 20.00

 

DOVE: Auditorium Rai “A. Toscanini”
Via Rossini, 15

10124 Torino (TO)

 

INTERPRETI:

James Conlon, direttore

ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

poltrona numerata platea al costo di 32,50 € (comprese spese di prevendita)

poltrona numerata balconata al costo di 30,50 € (comprese spese di prevendita)

poltrona numerata galleria al costo di 28,50 € (comprese spese di prevendita)

 

Orchestra della Rai, Torino: James Conlon e Jonathan Biss

 

se non sapete come fare e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

James Conlon

james-conlon

Direttore principale dell’ OSN Rai dall’ ottobre 2016. È Direttore musicale dell’Opera di Los Angeles e del Cincinnati May Festival, il più antico Festival corale degli Stati Uniti. È stato Direttore musicale del Ravinia Festival, sede estiva della Chicago Symphony Orchestra (2005-2015), Direttore principale dell’ Opéra de Paris (1995-2004), Direttore generale musicale della Città di Colonia, dove era a capo della Gürzenich-Orchester e dell’Opera di Colonia (1989-2002) e Direttore musicale della Filarmonica di Rotterdam (1983- 1991).

Dal suo debutto, avvenuto nel 1976, ha diretto più di 280 recite al Metropolitan di New York, tra cui nel 2014 Lady Macbeth del distretto di Mtsensk di Šostakovič.

Ha diretto alla Scala di Milano, alla Royal Opera House di Londra, alla Lyric Opera di Chicago, al Maggio Musicale Fiorentino, all’ Opera di Roma (nell’estate 2015 vi ha interpretato La dama di Picche di Čajkovskij), al Teatro Real di Madrid, al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo e alla Staatsoper di Vienna.

All’ Opera di Los Angeles, dopo la sua nomina, ha diretto oltre 48 produzioni e quasi 300 recite, tra le quali si segnala la prima esecuzione del Ring des Nibelungen di Wagner nel 2010. Oltre a divulgare il lavoro di compositori oscurati dal regime nazista, ha lavorato alla creazione della Fondazione OREL, della serie Recovered Voices dell’Opera di Los Angeles e dell’iniziativa “Ziering-Conlon” alla Colburn School.

Ha insegnato nelle scuole della New World Symphony, del Ravinia Festival, dell’ Aspen Music Festival, del Tanglewood Music Center e alla Juilliard School di New York. Ha inciso per Emi, Sony Classical, Erato, Capriccio e Telarc. La Decca gli ha dedicato un DVD e la PBS statunitense lo ha voluto come protagonista di numerose trasmissioni televisive. Nel 2009 ha vinto due Grammy Awards.

Nel 2002 è stato insignito, per mano dell’allora Presidente della Repubblica Francese Jacques Chirac, della Légion d’ Honneur. Tra i recenti e futuri impegni: Chovanščina di Musorgskij alla Wiener Staatsoper e Luisa Miller di Verdi al Teatro Real di Madrid, concerti sul podio di Deutsche Sinfonie-Orchester Berlin, Orchestre National de France, Filarmonica Nazionale Russa, Chicago e San Francisco Symphony.

Ha diretto il Concerto di Capodanno 2016 alla Fenice di Venezia, trasmesso in diretta su Rai Uno.

Nel giugno 2016 ha inaugurato il Festival di Spoleto con Le nozze di Figaro, secondo titolo della trilogia Mozart/Da Ponte che sta eseguendo al Festival della cittadina umbra nel corso di tre anni.

… … …

Jonathan Biss…

jonathan-biss

Jonathan Biss si è imposto come uno dei migliori pianisti del panorama musicale internazionale. Negli Stati Uniti si esibisce regolarmente con prestigiose orchestre quali le Orchestre Sinfoniche di Boston e Chicago, la Filarmonica di Los Angeles, la National Symphony, la Filarmonica di New York, l’Orchestra di Filadelfia, l’Orchestra Sinfonica di Pittsburgh e la Sinfonica di San Francisco. Le collaborazioni europee includono la Royal Concertgebouw Orchestra, la Sinfonica di Londra, la Filarmonica di Londra e la Sinfonica della BBC, la NDR di Amburgo e la NDR di Hannover, la Filarmonica di Rotterdam, l’Orchestra Sinfonica della Radio Svedese, l’Orchestra del Festival di Budapest, la Staatskapelle di Berlino, la Staatskapelle di Dresda e l’Orchestra della Gewandhaus di Lipsia.

Jonathan Biss è un artista molto impegnato sia in recital sia in esibizioni di musica da camera. È ospite regolare presso la Carnegie Hall e si è esibito nelle più importanti serie di recital negli Stati Uniti e in Europa: ha aperto per due volte le ‘Master Piano Series’ ai Festival del Concertgebouw, Salisburgo, Lucerna ed Edimburgo, al Beethovenfest di Bonn e al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo. Ha recentemente debuttato in recital con notevole successo alla Filarmonica di Berlino. Per la stagione 2012/2013 Jonathan Biss ha ideato un ciclo di musica da camera in quattro parti dal titolo “Schumann, under the influence” con altri musicisti del calibro di Mark Padmore, Miah Persson, Kim Kashkashian e l’ Elias Quartet. La serie di concerti è stata ospitata alla Wigmore Hall, al Concertgebouw di Amsterdam e a San Francisco mentre la Carnegie Hall ha ospitato tre dei programmi proposti.

Jonathan Biss registra in esclusiva per l’etichetta Onyx Classics con cui sta portando avanti un progetto che prevede la registrazione di tutte le Sonate di Beethoven: il primo e il secondo volume sono stati accolti con entusiasmo dalla critica e il terzo volume sarà pubblicato nel gennaio del 2014. Ha inoltre pubblicato i Quintetti per pianoforte di Schumann e Dvorak per Onyx, realizzati insieme all’ Elias Quartet. Nel corso di questa stagione, l’etichetta Wigmore Hall Live pubblicherà le registrazioni tratte dall’ ultimo recital della serie di Schumann alla Wigmore Hall contenente opere di Schumann, Janecek e Berg. Ha inoltre pubblicato le registrazioni delle Sonate di Schubert con i Frammenti di Kurtag, sempre per l’etichetta Wigmore Hall Live. Precedentemente aveva registrato per EMI Classics con cui può vantare una discografia di quattro incisioni che si sono aggiudicate numerosi riconoscimenti.

Nel 2012 Jonathan Biss è entrato a far parte del corpo docente del Curtis Institute, dove era stato anche alunno. Durante questa stagione ha inoltre ideato un corso online gratuito in cui insegna le Sonate per pianoforte di Beethoven, realizzato in collaborazione con il Curtis Institute e Coursera, il provider di corsi di insegnamento online. Il corso è intitolato “Exploring Beethoven’s Piano Sonatas” e ha avuto inizio nel settembre-ottobre del 2013 con un seguito di 30.000 persone.

Jonathan Biss rappresenta la terza generazione di una famiglia di musicisti. Sua nonna, Raya Garbousova, è stata la violoncellista per cui Samuel Barber ha composto il suo Concerto per Violoncello, mentre sua madre, Miriam Fried, è una violinista ed insegnante molto apprezzata.

Jonathan Biss ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il ‘Gilmore Young Artist Award’ (nel 2002), il ‘Lincoln Center’s Martin E. Segal Award’, un ‘Avery Fisher Career Grant’ e il Borletti-Buitoni Trust. È stato il primo americano scelto per partecipare al programma New Generation Artist della BBC.

Sito Ufficiale: http://www.jonathanbiss.com/

 

QUALCHE VIDEO SU Jonathan Biss…

Beethoven Piano Concerto num. 4 in G Major LIVE Stereo (Boston Symphony e Jonathan Biss):

QUALCHE VIDEO PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

“Eine kleine Nachtmusik, serenata in sol maggiore KV 525 per archi” by Wolfgang Amadeus Mozart (Concertgebouw Kamerorkest – Live):

“Eine kleine Nachtmusik, serenata in sol maggiore KV 525 per archi” by Wolfgang Amadeus Mozart (Karl Bohm, Wiener Philharmoniker):

 

“Concerto n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 per pianoforte e orchestra (Jeunehomme-Konzert)” by Wolfgang Amadeus Mozart (Sviatoslav Richter – Lorin Maazel – ORTF (1966)):

“Concerto n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 per pianoforte e orchestra (Jeunehomme-Konzert)” by Wolfgang Amadeus Mozart (Maria João Pires, piano – John Eliot Gardiner, direttore e Wiener Philamoniker):

“Concerto n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 per pianoforte e orchestra (Jeunehomme-Konzert)” by Wolfgang Amadeus Mozart (Alfred Brendel (piano), The Academy of St Martin in the Fields e Neville Marriner, direttore):

“Concerto n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 per pianoforte e orchestra (Jeunehomme-Konzert)” by Wolfgang Amadeus Mozart (Murray Perahia, English Chamber Orchestra – 1976):

“Concerto n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 per pianoforte e orchestra (Jeunehomme-Konzert)” by Wolfgang Amadeus Mozart (Mozarteum-Orchester Salzburg, Jeffrey Tate, direttore e Mitsuko Uchida, piano):

 

“Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36” by Ludwig van Beethoven (Philharmonia Orchestra ed Herbert von Karajan, direttore – London, 13. & 23.XI.1953):

“Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36” by Ludwig van Beethoven (Deutsche Kammerphilharmonie Bremen e Paavo Järvi, direttore):

“Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36” by Ludwig van Beethoven (New Philharmonia Orchestra e Otto Klemperer (1885 – 1973), direttore):

“Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36” by Ludwig van Beethoven (West-Eastern Divan Orchestra e Daniel Barenboim, direttore – Royal Albert Hall di Londra (BBC Proms 2012)):

“Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36” by Ludwig van Beethoven (Filarmonica della Scala di Milano e RICCARDO MUTI, direttore):

“Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36” by Ludwig van Beethoven (Vienna Philharmonic Orchestra e Christian Thielemann, direttore):

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Teatro Carlo Felice per GOG: il pianista Arkadij Volodos

Teatro alla Scala, Milano: mezzosoprano ANITA RACHVELISHVILI