in , , ,

Per Amici della Musica di Firenze Pierre-Laurent Aimard 16 marzo

Pierre-Laurent Aimard Photo: Marco Borggreve

Un musicista geniale e un visionario straordinario“, Wall Street Journal

Pierre-Laurent Aimard, Photo: Marco Borggreve

Amici della Musica di Firenze, Stagione 2019 – 2020

 

Per Amici della Musica di Firenze Pierre-Laurent Aimard 16 marzo. Pierre-Laurent Aimard è uno deli migliori pianisti a livello internazionale. In Stagione col seguente programma: 

 

J. P. SWEELINCK, Fantasia cromatica

… … …

W. BENJAMIN, Shadowlines

… … …

L. van BEETHOVEN, Sonata in la magg. op. 101

… … …

A. BERG, Sonata in si minore op. 1

… … …

L. van BEETHOVEN, Sonata in la bemolle magg. op. 110

 

QUANDO

Lunedì 16 Marzo 2020, ore 16.00

 

DOVE: Teatro Della Pergola – Saloncino
Via della Pergola, 12/32
50121 Firenze (FI)

 

INTERPRETI:

Pianista, Pierre-Laurent Aimard

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Poltrona, Posto palco I ordine e primo settore del Saloncino al costo di € 28,00; ridotto al costo di € 24,00

Posto di palco centrale, II e III ordine e secondo settore del Saloncino al costo di € 23,00; ridotto al costo di € 20,00

Galleria (solo per sala grande) al costo di € 17,00; ridotto al costo di € 15,00

Studenti di conservatorio e scuole di musica (under 30), gruppi scolastici al costo di € 5,00

Studenti di altre scuole e università al costo di € 10,00

 

Per Amici della Musica di Firenze Pierre-Laurent Aimard 16 marzo

 

oppure se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi anche all’ Associazione MaNi per informazioni su acquisto e consegna dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Pierre-Laurent Aimard…

Pierre-Laurent Aimard, Photo: Marco Borggreve

Acclamato come una figura chiave nella musica del nostro tempo e come interprete unico e significativo del repertorio pianistico di ogni epoca, Pierre-Laurent Aimard gode di una carriera celebrata a livello internazionale. Visionario musicale e artista pioniere noto per le sue intuizioni rivelatrici, è stato insignito del prestigioso premio internazionale Ernst von Siemens Music Awards 2017 in riconoscimento di una vita dedicata al servizio della musica.

Aimard si esibisce in ogni parte del mondo ogni stagione con importanti orchestre sotto direttori come Esa-Pekka Salonen, Peter Eötvös, Sir Simon Rattle e Vladimir Jurowski. E ‘stato invitato a curare, dirigere ed esibirsi in numerose residenze, con progetti alla Carnegie Hall, al Lincoln Center di New York, al Konzerthaus di Vienna, alla Philharmonie di Berlino, all’Alte Oper di Francoforte, al Festival di Lucerna, al Mozarteum di Salisburgo, alla Cité de la Musique di Parigi , il Tanglewood Festival e il London’s Southbank Centre. Aimard è stato il direttore artistico del Festival di Aldeburgh dal 2009 al 2016; la sua ultima stagione è stata caratterizzata da una performance del catalogo d’oiseaux di Messiaen con i concerti programmati dall’alba a mezzanotte.

Aimard continua la sua residenza di tre anni al Southbank Centre, curando un intero weekend dedicato alla musica di Stockhausen. Un progetto miliare che celebra l’evoluzione del pianismo convenzionale, Aimard lo porta anche ai festival di Lucerna e Berlino. Come Artist in Residence al Royal Concertgebouw in questa stagione, Aimard fa un tour con l’Orchestra al Washington Center for the Performing Arts e a Napoli. È anche residente all’Edinburgh International Festival e alla Konzerthaus Vienna. Altri punti salienti includono i concerti di Elbphilharmonie Hamburg e Tchaikovsky Concert Hall di Mosca, il catalogo completo di Messiaen a Francoforte, le rappresentazioni dell’iconico Goldberg Variations alla Philharmonie de Paris, l’Auditorium di Lione, la Walt Disney Concert Hall di Los Angeles, Herkulessaal der Residenz a Monaco di Baviera e al Palais des Beaux Arts dove è Artist Portrait in questa stagione. Un tour di recital dedicato al modernismo classico e incentrato sulla premiere americana di Sir Harrison Birtwistle’s Keyboard Engine, composto per Aimard e Stefanovich, vede la coppia esibirsi alla Carnegie Hall ea Chicago. Le esibizioni orchestrali comprendono concerti al Teatro alla Scala con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, la Sinfonia di San Francisco, l’Orchestra della Svizzera Romanda, l’Orchestra Tonhalle di Zurigo, l’Orchestra Filarmonica Ceca e un tour della Germania e del Belgio con l’Orchestra da Camera d’Europa, per citarne solo alcune.

Nato a Lione nel 1957, Pierre-Laurent Aimard ha studiato al Conservatorio di Parigi con Yvonne Loriod ea Londra con Maria Curcio. I primi punti di riferimento della carriera comprendevano il primo premio al concorso Messiaen del 1973 all’età di 16 anni e la nomina, tre anni dopo, a Pierre Boulez per diventare il primo pianista solista di Ensemble Intercontemporain.

Aimard ha avuto strette collaborazioni con molti importanti compositori tra cui Ligeti, Kurtág, Stockhausen, Carter, Boulez e George Benjamin. Le stagioni recenti hanno incluso le prime mondiali del concerto per pianoforte di Harrison Birtwistle Responses; Dolce disordine e l’attenta incuranza, così come l’ultimo pezzo di Carter Epigrammi per pianoforte, violoncello e violino, che è stato scritto per Aimard. Attraverso la sua cattedra alla Hochschule di Colonia e numerose serie di conferenze e seminari di concerti in tutto il mondo, egli getta una luce ispiratrice e molto personale sulla musica di tutti i periodi.

Durante la stagione 2008/09 Aimard è stato professore associato presso il College de France di Parigi ed è membro della Bayerische Akademie der Schönen Künste. È stato il destinatario del Premio strumentista della Royal Philharmonic Society nella primavera del 2005 ed è stato nominato “Instrumentalist of the Year” da Musical America nel 2007. Nel 2015 ha lanciato una grande risorsa online incentrata sulla performance e l’insegnamento della musica per pianoforte di Ligeti con masterclasses filmati e spettacoli degli Études e altre opere di Ligeti in collaborazione con Klavier-Festival Ruhr.

Pierre-Laurent ha realizzato molte registrazioni di grande successo. Nel 2017 ha firmato un contratto in esclusiva con i dischi Pentatone. La sua prima registrazione del Catalogo d’oiseaux completo, pubblicato nella primavera del 2018, è stata molto apprezzata dalla critica e dal pubblico di tutto il mondo e premiata con numerosi premi tra cui il prestigioso premio del critico musicale tedesco “Preis der deutsche Schallplattenkritik”. La sua recente registrazione di Elliott Carter è stata premiata con il Premio della Giuria della BBC Music Magazine nel 2018. Negli ultimi anni Pierre-Laurent ha ricevuto un Grammy Award nel 2005 per la sua registrazione di Sonata e canzoni di Ives e gli è stato anche conferito il Premio onorario Schallplattenkritik della Germania in 2009. La sua recente registrazione di Murail e Benjamin con il Bayerischer Rundfunk ha vinto il premio Gramophone 2017 nella categoria Contemporary.

Sito Ufficiale: https://pierrelaurentaimard.com/ .

 

“Pierre-Laurent Aimard plays Debussy, Ligeti, Chopin, Bartok, Scriabin (Aldeburgh 2014)”:

“J. S. Bach – The Art Of Fugue, BWV 1080 – P. L. Aimard”:

“Seminar on György Ligeti – Pierre-Laurent Aimard at University of Chicago”:

“Beethoven: 5. Klavierkonzert ∙ hr-Sinfonieorchester ∙ Pierre-Laurent Aimard ∙ David Afkham”:

“Pierre-Laurent Aimard joue des pièces pour piano de Debussy”:

“Beethoven : Concerto pour piano et orchestre n°2 en si bémol majeur par Pierre-Laurent Aimard”:

“Beethoven: Klaviersonate f-Moll op. 57 (»Appassionata«) ∙ Pierre-Laurent Aimard”:

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ANNULLATO – Per la Stagione Musicale di Varese Trio di Parma 13 marzo

Al Teatro alla Scala Gli Ottoni della Scala 21 Giugno 2020