in , , ,

Per Perugia Musica Classica Leif Ove Andsnes 19 maggio

Nobiltà, maestria, purezza e bellezza del suono. Quattro parole per descrivere l’essenza di Leif Ove Andsnes
Trouw, 10 Aprile 2006

Perugia Musica Classica, Stagione 2019 – 2020

 

Per Perugia Musica Classica Leif Ove Andsnes 19 maggio. In Stagione l’eccezionale partecipazione di Leif Ove Andsnes, “uno dei più talentuosi musicisti della sua generazione“, così come lo ha definito il Wall Street Journal, per accompagnato dalla Mahler Chamber Orchestra per il seguente programma: 

 

Franz Joseph Haydn, Sinfonia n. 83 in sol minore, “La Poule” (La gallina) – Primo movimento (Allegro)

… … …

Wolfgang Amadeus Mozart, Concerto in re minore per pianoforte e orchestra K. 466

… … …

Franz Joseph Haydn, Sinfonia n. 85 in si bemolle maggiore, “La Reine”

… … …

Wolfgang Amadeus Mozart, Concerto in mi bemolle maggiore K. 482

 

QUANDO

Martedì 19 Maggio 2020, ore 20.30

 

DOVE: Teatro Morlacchi
Piazza Morlacchi, 13
06123 Perugia (PG)

 

INTERPRETI:

Pianista, Leif Ove Andsnes

MAHLER CHAMBER ORCHESTRA

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Platea e palco I-II ordine centrale intero al costo di € 26,00; ridotto al costo di € 22,00

Palco I-II ordine centrale di 2° fila intero al costo di € 22,00; ridotto al costo di € 18,00

Palco I-II ordine laterale e III-IV ordine centrale intero al costo di € 20,00; ridotto al costo di € 18,00

Palco I-II ordine laterale e III-IV ordine centrale di 2° fila intero al costo di € 18,00; ridotto al costo di € 15,00

Palco III-IV ordine laterale e loggione al costo di € 12,00

Prezzo speciale giovani nati dal 1992 (alcuni settori) al costo di € 10,00

 

Per Perugia Musica Classica Leif Ove Andsnes 19 maggio

 

oppure se non sapete come fare, e se volete, potete rivolgervi anche all’ Associazione MaNi per informazioni su acquisto e ritiro dei biglietti scrivendo a mara.grisoni@gmail.com o telefonando al numero +39 327 – 79.68.987.

… … …

PER CONOSCERE IL PROGRAMMA…

 

Leif Ove Andsnes…

Colori, timbri lunari, dominio tecnico. Il pianista è oggi uno dei maggiori interpreti della scena internazionale
Attilio Piovano, il Corriere Musicale

 

Il New York Times ha descritto Leif Ove Andsnes come

un pianista di straordinaria eleganza, potenza e sensibilità.

Grazie alla sua tecnica sopraffina e alle sue interpretazioni magistrali, il celebre pianista norvegese ha conquistato il pubblico di tutto il mondo.

Il Wall Street Journal lo ha definito

uno dei più talentuosi musicisti della sua generazione”.

Leif Ove Andsnes si esibisce in concerti e recital nelle più prestigiose sale concertistiche e con le più importanti orchestre del mondo. Ha inoltre effettuato numerose registrazioni e si è esibito in innumerevoli concerti di musica da camera.

È stato co-direttore Artistico del Festival di Musica da Camera di Risør per quasi vent’anni ed è stato inoltre nominato Direttore Musicale dell’edizione 2012 del Festival Musicale di Ojai in California. Inoltre, nel luglio 2013, è stato inserito nella ‘Hall of Fame’ della rivista Gramophone.

Leif Ove Andsnes si è recentemente esibito in concerto con i Berliner Philharmoniker, la Boston Symphony Orchestra, la London Philharmonia, la Filarmonica di Vienna e la NHK Symphony Orchestra, per citarne alcune.

Appare in recital in Sud America e Giappone, collabora con Matthias Goerne a dei progetti di Lieder di Schubert e con Marc-André Hamelin per un programma di Mozart, Debussy e Stravinsky per due pianoforti. 

Nell’ autunno 2015 è uscito il documentario intitolato “Concerto – A Beethoven Journey”, realizzato dal regista e filmmaker inglese Phil Grabsky, che racconta il progetto realizzato da Leif Ove Andsnes “A Beethoven Journey”: l’epico viaggio attraverso la musica per pianoforte e orchestra del compositore di Bonn, che ha portato l’artista ad esibirsi in 108 città di 27 paesi per un totale di più di 230 concerti. La sua collaborazione con la Mahler Chamber Orchestra rappresenta il nucleo di questo progetto ed è stata anche registrata per Sony Classical. 

La registrazione è stata pubblicata in tre differenti volumi, tutti vincitori di premi e menzioni speciali, pubblicati poi tutti insieme in un cofanetto. La serie è stata scelta come uno dei “Best of 2014” dal New York Times e dal Süddeutsche Zeitung. Attualmente il pianista norvegese registra in esclusiva per l’etichetta Sony Classical.

Il pianista norvegese Leif Ove Andsnes è una delle meraviglie del mondo musicale moderno […]
Mark Kanny, 23 October 2005, Pittsburgh Tribune

Altri appuntamenti rilevanti hanno incluso una tournée di recital con tappe importanti in Europa e Nord America e musiche di Beethoven, Debussy, Chopin e Sibelius, l’esecuzione dei Concerti di Schumann e Mozart con le orchestre di Chicago, Cleveland e Philadelphia.

In Europa, Leif Ove Andsnes si è esibito al fianco di orchestre del calibro della Filarmonica di Bergen, della Tonhalle Orchester di Zurigo, del Gewandhaus di Lipsia, dei Münchner Philharmoniker e della London Symphony Orchestra.

Insieme alla Mahler Chamber Orchestra ha diretto dalla tastiera l’intero ciclo dei Concerti di Beethoven in sedi rinomate quali Bonn, Amburgo, Lucerna, Vienna, Parigi, New York, Boston, Shanghai, Tokyo, Londra e molte altre.

Altre collaborazioni con repertorio Beethoven sono state tenute con orchestre di primo livello quali la Los Angeles Philharmonic, la San Francisco Symphony, la London Philharmonic e i Münchner Philharmoniker.

La sua discografia comprende più di trenta incisioni per EMI Classics in qualità di solista, concertista e musicista da camera. Molte di esse sono state dei veri e propri successi e hanno toccato un repertorio che spazia da Bach fino alla musica contemporanea.

Leif Ove Andsnes ha ricevuto otto ‘nomination’ per i ‘Grammy Award’ e ha vinto numerosi premi di livello internazionale, tra cui ben sei ‘Gramophone Award’. Le incisioni delle opere del suo compatriota Edvard Grieg hanno riscosso notevole successo: il New York Times ha riconosciuto come ‘Miglior CD dell’Anno’ la registrazione del Concerto per pianoforte di Grieg con Mariss Jansons e la Filarmonica di Berlino, la Penguin Guide lo ha omaggiato con un prestigioso Premio ‘Rosette’.

Anche i Pezzi Lirici di Grieg hanno ricevuto un ‘Gramophone Award’. La registrazione dei Concerti per pianoforte N. 9 e N. 18 di Mozart è stata riconosciuta come ‘Miglior CD dell’Anno’ per il New York Times ed ha ricevuto un ‘Rosette’.

Leif Ove Andsnes ha vinto un altro ‘Gramophone Award’ per i Concerti per pianoforte N. 1 e N. 2 di Rachmaninov realizzati con Antonio Pappano e le Filarmonica di Berlino. Una serie di registrazioni con le ultime Sonate di Schubert, accostate a Lieder interpretati da Ian Bostridge, ha ricevuto grandi lodi, così come la sua prima registrazione mondiale del Concerto per pianoforte di Marc-André Dalbavie e di The Shadows of Silence di Bent Sorensen, entrambe composte per lui. 

Leif Ove Andsnes ha ricevuto la più alta onorificenza norvegese, ossia la nomina a “Cavaliere dell’Ordine Reale Norvegese di St. Olav”; ha ricevuto anche il Peer Gynt Prize, premio conferito dai membri del Parlamento ai cittadini norvegesi che maggiormente si sono distinti nella politica, nello sport e nella cultura.

Ha inoltre ricevuto l’ Instrumentalist Award della Royal Philharmonic Society e il Gilmore Artist Award. In omaggio a tutti i suoi successi, nel 2005 la rivista Vanity Fair lo ha inserito nella classifica ‘Best of the Best’.  

Leif Ove Andsnes è nato a Karmoy, in Norvegia, nel 1970 ed ha studiato presso il Conservatorio di Musica di Bergen sotto la guida del celebre maestro ceco Jirí Hlinka.

Negli ultimi dieci anni si è avvalso dei preziosi consigli anche del maestro di pianoforte Jacques de Tiége che, al pari di Hlinka, ha fortemente influenzato lo stile e la visione del pianista norvegese.

Sito ufficiale: http://www.andsnes.com/

 

“200 video su Leif Ove Andsnes”:

… … …

 

Mahler Chamber Orchestra…

La Mahler Chamber Orchestra (MCO), fondata nel 1997 da un gruppo di amici con sostegno di Claudio Abbado, si è sviluppata come uno degli ensemble artisticamente più interessanti e di successo del panorama della musica classica. 

Con una formazione di base di 45 membri provenienti da venti diversi paesi, la MCO costituisce un collettivo nomade di musicisti appassionati che si riuniscono in occasione di specifiche tournée in Europa e nel resto del mondo.

L’Orchestra infatti è costantemente in viaggio e fino ad oggi si è esibita in 35 diversi paesi nei cinque continenti. Viene gestita in modo collettivo dal management e dal consiglio direttivo e le decisioni vengono prese democraticamente con la partecipazione di tutti i musicisti.

Le sonorità della Mahler Chamber Orchestra sono caratterizzate dall’esecuzione serrata e precisa dell’ensemble, perfetta risultanza delle singole personalità musicali. Il fulcro del repertorio della MCO risiede nel periodo classico viennese e nel periodo romantico, ma l’orchestra suona anche opere e prime esecuzioni mondiali contemporanee. Ciò riflette la capacità della MCO di andare oltre ogni confine musicale.

L’orchestra ha ricevuto il più significativo impulso artistico dal suo mentore e fondatore Claudio Abbado e dal suo Conductor Laureate Daniel Harding. La pianista Mitsuko Uchida, la violinista Isabelle Faust ed il direttore d’orchestra Teodor Currentzis sono attualmente gli Artistic Partners che danno ispirazione e contribuiscono alla formazione dell’orchestra, grazie a collaborazioni a lungo termine. Nel 2016 il direttore d’orchestra Daniele Gatti è stato nominato Artistic Advisor della MCO.

Tutti i musicisti della MCO condividono il forte desiderio di approfondire continuamente il loro rapporto con il pubblico: questo ha ispirato un numero crescente di incontri musicali ‘offstage’ e di progetti che permettono di condividere la musica, l’apprendimento e la creatività con un numero sempre maggiore di persone in tutto il mondo. Feel the Music, progetto di punta delle MCO incentrato su obiettivi educativi e di assistenza, apre le porte del mondo musicale ai bambini sordi e con problemi di udito attraverso interessanti seminari tenuti in scuole e teatri fin dal 2012. I musicisti della MCO condividono la propria passione e competenza con le nuove generazioni: dal 2009, tramite la MCO Academy, collaborano con giovani musicisti per tramandare loro un’esperienza orchestrale di grande qualità ed una piattaforma unica per creare legami e scambi internazionali.

Negli ultimi anni i principali progetti della MCO hanno incluso il progetto quadriennale con il pianista Leif Ove Andsnes chiamato The Beethoven Journey. Leif Ove Andsnes ha diretto il ciclo completo dei Concerti di Beethoven dalla tastiera e ha portato il progetto in ‘residenza’ in svariate città. Il ciclo completo è diventato un cofanetto di CD che ha vinto numerosi premi. Inoltre è stata realizzata una versione scenica di Written on Skin, che la MCO ha interpretato in prima esecuzione mondiale al Festival d’Aix en Provence con la direzione del compositore George Benjamin; l’opera è stata suonata al Festival Mostly Mozart di New York ed è stata portata in tournée, in una produzione semiscenica, nelle principali città europee. Nel 2016 la MCO e Mitsuko Uchida hanno inaugurato una collaborazione a lungo termine incentrata sui Concerti per pianoforte di Mozart. Terminato un ciclo completo dedicato alle Sinfonie di Beethoven, la MCO e Daniele Gatti proseguono il loro interesse per il mondo sinfonico proponendo per la nuova stagione con nuovi cicli di sinfonie.

La MCO guarda avanti a una serie di progetti di rilievo che includono straordinarie collaborazioni con i suoi Artistic Partners nei primi mesi del 2017. L’anno inizia con una ‘residenza’ al Festival Musicale Internazionale delle Isole Canarie con la direzione di Jakub Hrůša, mentre il mese di febbraio vede la MCO impegnata nel proprio debutto alla Elbphilharmonie di Amburgo con la direzione di Mitsuko Uchida. In primavera la MCO sarà impegnata con la prima collaborazione con il pianista Daniil Trifonov, in esibizioni di Coro di Luciano Berio con la direzione di Teodor Currentzis, due tournée con Daniele Gatti e nella ‘residenza’ al Festival de Saint-Denis del 2017.

La Mahler Chamber Orchestra è stata insignita dello ‘Special Mention Prize’ ai German Design Award del 2017, in omaggio alla sua ‘brand identity’.

Sito: http://mahlerchamber.com/

 

105 Video sulla Mahler Chamber Orchestra“:

 

… … …

 

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al Festival Pianistico BS-BG 2020 di Bergamo Arcadi Volodos

Al Festival Pianistico BS-BG 2020 di Brescia Grigory Sokolov