in , , ,

TEATRO REGIO di TORINO: “Didone ed Enea”, H. Purcell

“Ricordati di me, ma dimentica la mia sorte!”, 

(Didone)

Giovanni_Battista_Tiepolo_088

Giovanni Battista Tiepolo: La morte di Didone

Didone ed Enea

Dido and Æneas è un’ opera in tre atti di Henry Purcell, su libretto di Nahum Tate. Rappresentata per la prima volta probabilmente nella primavera del 1689, costituisce l’ opera più celebre di Purcell e un capolavoro assoluto del melodramma britannico. 

“Mr. Josias Priest, un celebre maestro di ballo e coreografo teatrale, teneva un convitto per giovani gentildonne a Leicester Fields. Poiché la natura della sua professione lo inclinava alle rappresentazioni drammatiche, egli fece scrivere a Tate, e musicare a Purcell, un drammetto intitolato Dido and Aeneas. Purcell aveva diciannove anni di età, ma la musica di quest’opera aveva così poco l’apparenza di un saggio puerile, che pochi musicisti in Inghilterra non si sarebbero sentiti onorati di esserne autori. La presentazione di questo piccolo lavoro da parte delle giovani gentildonne collegiali, di fronte a uno scelto pubblico di genitori e amici, fu accolta da generale applauso, del quale una porzione non scarsa si considerò merito di Purcell”. Così nel 1776 Sir John Hawkins, nella sua A General History of the Science and Practice of Music, descriveva il debutto del lavoro di Henry Purcell.

Divisa in tre brevi atti, l’ opera tratta del soggiorno di Enea, personaggio protagonista dell’ Eneide di Virgilio, a Cartagine, ospite della regina Didone (in inglese Dido). Fra i due scoppierà un amore maledetto che si concluderà, come vuole la tradizione, con la partenza dell’ eroe, destinato a fondare Roma, e il suicidio di Didone. 

Rispetto al Quarto Libro dell’ Eneide nel libretto di Nahum Tate ci sono però alcune sostanziali differenze. La più importante èsicuramente il ruolo delle streghe (protagoniste dell’ inizio del secondo atto), che ordiscono una terribile trama contro Didone: la maga è invidiosa della felicità della regina di Cartagine e spinge un suo “fido folletto” a trasformarsi in Mercurio per costringere Enea a salpare. Mentre nell’ Eneide non c’è nessun artifizio: sono proprio gli dèi a spingere il condottiero troiano a partire per fondare Roma.

L’ opera si apre con un ouverture alla francese, divisa in un primo movimento serio e maestoso, tendente ad evocare un’ immagine di regalità, e in una seconda parte più vivace,in cui il crescendo sottolinea la violenza e la malvagità che troveremo nell’opera.

Opera in tre atti
Libretto di Nahum Tate

Musica di Henry Purcell

Edizione in lingua originale inglese con sopratitoli in italiano

IL CAST

Dido, regina di Cartagine soprano     Roberta Invernizzi
Aeneas, principe troiano baritono     Benedict Nelson
Belinda, sorella di Dido soprano     Roberta Mameli
La maga e Un marinaio tenore     Carlo Allemano
Seconda donna soprano     Kate Fruchterman
Prima strega mezzosoprano     Sofia Koberidze
Seconda strega soprano     Loriana Castellano
Spirito controtenore     Carlo Vistoli

 

Direttore d’orchestra     Federico Maria Sardelli
Regia, scene, costumi e coreografia     Cécile Roussat e Julien Lubek
Luci     Marco Gingold
Maestro del coro     Claudio Fenoglio

Orchestra e Coro Teatro Regio Torino
Allestimento Opéra de Rouen Haute-Normandie
Novità per l’ Italia

 

Progetto opera barocca

 

QUANDO:

Giovedì 19 Novembre 2015, h. 20.00
Domenica 22 Novembre 2015, h. 15.00
Martedì 24 Novembre 2015, h. 20.00
Giovedì 26 Novembre 2015, h. 20.00
Sabato 28 Novembre 2015, h. 15.00

 

DOVE: Teatro Regio di Torino, Piazza Castello, 215 – 10124 Torino

 

QUALCHE INFORMAZIONE SUI BIGLIETTI:

Giovedì 19 Novembre 2015, h. 20.00
Settore A al costo di 170,00 €
Settore B al costo di 135,00 €
Settore C al costo di 120,00 €
Settore D al costo di 100,00 €
Settore E al costo di 70,00 €
Ridotta visibilità al costo di 55,00 €

Domenica 22 Novembre 2015, h. 15.00; Martedì 24 Novembre 2015, h. 20.00; Giovedì 26 Novembre 2015, h. 20.00; Sabato 28 Novembre 2015, h. 15.00
Settore A al costo di 95,00 €
Settore B al costo di 80,00 €
Settore C al costo di 75,00 €
Settore D al costo di 70,00 €
Settore E al costo di 60,00 €
Ridotta visibilità al costo di 29,00 €

L’ acquisto dei biglietti on line, telefonicamente con carta di credito e presso i punti vendita convenzionati Vivaticket comporta una commissione di € 3,20 per ogni biglietto (riduzioni per Over 65 e per Under 30).

 

Acquisto on line

 

se non sapete come fare e se volete, potete rivolgervi all’ Associazione Ma.Ni. per acquisto e ritiro dei biglietti. Potete scrivere a mara.grisoni@gmail.com o telefonare al numero +39 327 – 79.68.987.

02_Didone_462_0 (1)

Trama

Atto I

Didone ha accolto nel suo palazzo a Cartagine Enea, fuggito con i suoi dalla distruzione di Troia. La sorella e confidente Belinda, accortasi che Didone è turbata, le parla del radioso futuro che la attende, ma Didone le dice che è in preda a un tormento che non può confessare. Belinda, rendendosi conto dell’ origine amorosa del tormento e fiduciosa in un’alleanza con i troiani, invita Didone al matrimonio con Enea. La regina rimane titubante, ma quando l’ eroe viene ammesso a corte, accetta alla fine le sue profferte d’ amore.

Atto II

Scena I

Nella grotta di una maga, sono convocate le streghe sue compagne perché partecipino alla preparazione della rovina di Cartagine e di Didone. Il piano è quello di inviare un folletto ad Enea, perché, sotto le sembianze di Mercurio, lo solleciti a riprendere il mare ed a far vela per l’ Italia, meta del suo destino, abbandonando così nella disperazione l’ amante Didone. Per intanto le streghe scatenano una fragorosa tempesta affinché Didone ed Enea siano obbligati a cessare la caccia a cui si stanno dedicando ed a rientrare precipitosamente a corte. Compiuto l’ incantesimo scompaiono con fragore di tuono.

Scena II

Didone ed Enea, accompagnati dai loro seguiti, si sono fermati in uno splendido boschetto e sono intenti nelle attività ricreative connesse con la caccia, quando la regina, udendo l’approssimarsi del temporale, invita la sorella a predisporre per il sollecito rientro di tutti al riparo della corte. Restato solo in scena, Enea viene avvicinato dal folletto inviato dalla maga, il quale, spacciandosi per Mercurio, riferisce all’eroe il comando di Giove di non prolungare oltre il suo soggiorno cartaginese e di riprendere al più presto il mare per compiere il suo destino di fondatore di una nuova Troia su suolo latino. Enea, lamentando la sua triste sorte, deve acconsentire sottomettendosi al volere degli dèi: “Obbedisco alla vostra volontà, ma con più gioia morirei

Atto III

Scena I

Al porto, i marinai cantano lieti per l’ imminente partenza. La maga e le streghe osservano la scena, esultando per la sventura che incombe su Cartagine e decidono di perseguitare Enea quando sarà in mare con una tempesta. Segue un ballo in tre parti con la partecipazione generale.

Scena II

A palazzo, Didone e Belinda sono angosciate per la scomparsa di Enea, e i più foschi presentimenti della regina sono confermati quando l’ eroe riappare informandola della sua prossima partenza per volere degli dèi. Didone l’ accusa allora d’ ipocrisia (“le tue sono lacrime di coccodrillo“) e rifiuta sdegnosamente, come un ripiego, la disponibilità che Enea le dichiara a rimanere comunque a Cartagine a dispetto di tutto: il solo aver pensato di abbandonarla lo rende indegno di lei.

Partito l’ eroe, Didone, non potendo più vivere senza di lui, si abbandona alla morte tra le braccia della sorella profondendosi nello struggente lamento, “When I am laid in earth“, che costituisce uno dei brani più famosi di tutta la storia del melodramma. Sulla sua tomba compaiono allora gli amorini e il coro li prega di vegliare per sempre sull’ anima della sfortunata regina.

 

“Didone ed Enea” by H. Purcell (Dido & Aeneas 1986 recording; English Chamber Orchestra – Jessye Norman, Robert Aldwinckle, Della Jones, Thomas Allen, Adrian Beers, Patricia Kern, Elizabeth Gale):

“Didone ed Enea” by H. Purcell (Choir and Orchestra of the Age of Enlightenment directed by Steven Devine and Elizabeth Kenny):

“Didone ed Enea” by H. Purcell (Ricercar Consort & Collegium Vocale Gent Conducted by Philippe Pierlot):

“Didone ed Enea” by H. Purcell (Collegium Musicum 90 Conducted by Richard Hickox):

 

Alcune foto inserite sono state scaricate da Internet e ritenute di pubblico dominio in assenza di specifiche indicazioni in merito. Preghiamo quindi, qualora i soggetti o gli Autori (riconosciuti tali) fossero contrari alla pubblicazione, di segnalarlo all’ indirizzo mara.grisoni@gmail.com, provvederemo alla rimozione delle immagini o alla segnalazione dell’ Autore.

Written by mara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Teatro della Pergola, Firenze: Alexandros Kapelis (16 Nov.)

La Verdi: la Banda Osiris in Concerto (7 Nov.)